<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=955744661221576&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">
  • Google-Penguin

    Google Penguin

adwords-certified-2analytics-certifiedgoogle-partner

Successivo all’introduzione di Google Panda, anche Google Penguin ha portato al verificarsi di non poche difficoltà per siti da tutto il web. Gli aggiornamenti periodici negli algoritmi che il principale motore di ricerca mondiale effettua sono infatti un momento critico per molti: in conseguenza della loro implementazione, anche un sito con un buon posizionamento e apparentemente ottimizzato può subire improvvisamente delle drastiche penalizzazioni.

 

Penguin si concentra sull’analisi del link profile dei siti web e ne analizza il relativo link juice. Se un determinato sito presenta un profilo di link in entrata non conforme ai parametri minimi dell’algoritmo, tale sito sarà giudicato colpevole di aver provato a “manipolare” artificialmente i risultati forniti dal motore di ricerca e per questo verrà penalizzato.

NETSTRATEGY: LA MIGLIOR RISPOSTA ALLA PENALIZZAZIONE DA GOOGLE PENGUIN

I siti penalizzati da Google Penguin registrano un crollo del ranking e del traffico organico anche dell’80% rispetto al periodo precedente l’aggiornamento algoritmico. Recuperare terreno anche dopo una pesante penalizzazione da parte di Google Penguin è possibile, ma richiede un lavoro meticoloso di link audit e successivamente di link earning: procedure complesse che i SEO Specialist di NetStrategy eseguono a regola d'arte.

mella

Google Penguin ha penalizzato il tuo sito? Prenota un'analisi gratuita con il nostro SEO SPECIALIST Mattia!

L'intervento di recovery di netstrategy

Google Penguin è stato lanciato per la prima volta nell’aprile del 2012 per identificare e penalizzare i siti che presentavano link in ingresso di scarsa qualità, ad esempio provenienti da siti spam, da directory non autorevoli create al semplice scopo di far ottenere backlink, da palesi campagne di link building artificiale o, ancora, da operazioni a pagamento prive dell’aggiunta del tag nofollow. Queste tipologie di link vengono riconosciute dall’algoritmo di Google come “innaturali” e, in generale, non conformi alle Google Quality Guidelines.

Per risollevare le sorti di un sito penalizzato da Google Penguin serve un intervento mirato. Di seguito ti mostriamo le quattro fasi del procedimento di Recovery attuate da NetStrategy.

Cuore-Dot-Rosso

verifica

Un team di esperti SEO conduce un’attenta analisi per verificare che Google Penguin abbia effettivamente applicato una penalizzazione al tuo sito. Se è facile intuire che si tratti di penalizzazione, è più difficile attribuire con certezza la causa a Penguin piuttosto che a Panda, Hummingbird o ad altri aggiornamenti. Il primo step consiste nel conoscere con certezza il problema da risolvere.

link auditing

Tramite dei crawler proprietari ed altri software avanzati per l’analisi dei link in ingresso (Ahrefs, Link Research Tools, Link DeTox…), si procede ad identificare quali elementi costituiscono un rischio per il sito nella situazione attuale e quali elementi abbiano comportato la penalizzazione in passato.

Cuore-Dot-Rosso
Cuore-Dot-Rosso

Soluzione

Dopo una lunga link audit, si procede con la rimozione dei link e la compilazione della richiesta a Google di non considerare i link ritenuti portatori di spam.

strategia

A questo punto le motivazione che hanno generato il problema saranno state risolte, ma il sito ancora non riceverà il traffico organico precedente la penalizzazione. Sarà necessario infatti elaborare una strategia organica finalizzata all’acquisizione di un profilo di link consono al mercato di riferimento al fine di ri-acquisire la credibilità e l’autorevolezza necessaria per poi raggiungere un top ranking su Google.

Cuore-Dot-Rosso

Il recovery dalla penalizzazione di Google Penguin è una disciplina altamente specializzata e, soprattutto, rischiosa. La compilazione di un file disavow erronea può complicare, e di molto, la risoluzione del problem in futuro. Il timing con cui si agisce per risolvere una penalizzazione sarà proporzionale alla difficoltà di risoluzione: più si aspetta dopo la penalizzazione, più sarà difficile rimuoverla.

Perché NetStrategy

Il livello tecnico dei nostri SEO SPECIALIST ci da la possibilità di offrire servizi di recovery di altissimo livello, aiutando i nostri clienti a risollevare i loro siti abbattuti dall'algoritmo Google Penguin.

Di seguito riportiamo il grafico di un sito che ci ha contattato immediatamente dopo aver ricevuto la penalizzazione ed è possibile notare come il nostro intervento abbia impiegato solo 35-40 giorni per rimuovere il problema completamente:

google-penguin-penalizzazione-barracuda-e1464131029579-697x340

Una volta risolti i problemi generati dalla penalizzazione di Google Penguin, NetStrategy® può proseguire con te nel progetto di crescita del tuo sito: le nostre strategie di SEO a 360° potranno costruire per te non solo una nuova rete di link, ma una più lunga scala verso il migliore posizionamento su Google che possa fare della tua presenza online un asset di valore per il tuo business.