<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=955744661221576&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

L’avvento della tecnologia in pianta stabile nella nostra quotidianità ha rivoluzionato le modalità di ricerca e di approccio alle notizie di cronaca. Se fino a qualche anno fa era usuale acquistare il giornale cartaceo, oggi per approfondire un argomento di attualità ci si affida ai motori di ricerca e ai social network, veri e propri veicoli di informazione. Per questo, molto spesso chi gestisce un giornale o una rivista decide di approdare sul Web con una piattaforma su cui pubblicare le notizie in tempo reale, acquisendo quindi nuovi lettori.

È per trasmettere la credibilità del marchio e delle sue news anche sui canali digitali che il Gruppo Athesis, a capo dei quotidiani L’Arena, Bresciaoggi e Il Giornale di Vicenza, si è messo in contatto con NetStrategy. Essere in #1 posizione su Google era fondamentale in primis per diffondere notizie di qualità; in secundis, per dare ampia visibilità alle aziende che sponsorizzano i propri prodotti e servizi sulle piattaforme di informazione, rilevante fonte di guadagno dei giornali online. La collaborazione ha visto il team di NetStrategy lavorare in sinergia con il reparto IT del Cliente per individuare e poi risolvere le lacune tecniche presenti sui 3 siti di informazione. Quali risultati ha prodotto l’audit SEO per il Gruppo Athesis? Lo vediamo nel dettaglio in questo case study.

larena

Il Cliente e il suo obiettivo

Il Gruppo Athesis nasce nel 1945 come editore del quotidiano di eccellenza del territorio veronese, L’Arena, fondato nel 1866. Nell’arco di poco tempo, la Società acquisisce un’altra testata storica veneta, Il Giornale di Vicenza, e ottiene successivamente anche la gestione del quotidiano lombardo Bresciaoggi e di 3 emittenti radio e TV. Grazie ai canali online e tradizionali, riesce ogni giorno a conquistare l’attenzione di ben 4.000.000 di spettatori.

Nonostante la brand authority consolidata, nel 2018 si nota una diminuzione del traffico di utenti ai siti www.larena.it, www.bresciaoggi.it e www.ilgiornaledivicenza.it. Per citare un esempio, tra il 2017 e il 2018 si verifica un decremento delle visite ai siti che raggiunge quasi il 30%. Senza alcun intervento, questo dato sarebbe stato destinato ad aumentare vertiginosamente anno dopo anno.

situazione iniziale larena

Una delle cause della perdita progressiva di traffico viene individuata nel fatto che molti articoli non risultano in #1 posizione su Google per ricerche inerenti ad argomenti di attualità locali. Per esempio, alla ricerca “incidente Albaredo” (paese in provincia di Verona), il sito www.larena.it si posizionava più in basso rispetto a blogger e testate giornalistiche con una brand authority inferiore.

incidente albaredo 2

Inoltre, nell’esempio sopracitato, alla ricerca della keyword “incidente Albaredo” non si trovava posizionato l’articolo inerente all’incidente mortale avvenuto ad Albaredo in quei giorni, bensì una pagina generica con le notizie del Basso Veronese. Un chiaro indice della presenza di problematiche inerenti all’indicizzazione SEO e al posizionamento del sito.

Avendo notato queste anomalie, il Gruppo Athesis decide di agire per migliorare l’ottimizzazione SEO delle piattaforme giornalistiche e si mette in contatto con NetStrategy. La collaborazione prende il via ufficialmente nell’ottobre del 2018, con il macro-obiettivo di far acquisire ranking e quindi nuovo traffico organico ai 3 siti. Per raggiungerlo, è necessario dapprima individuare le lacune tecniche e di User Experience presenti al loro interno per mezzo di un’analisi SEO tecnica e, successivamente, fornire al reparto IT del Gruppo Athesis le conoscenze e gli strumenti per colmarle.

Di seguito andremo ad approfondire le modalità con cui è avvenuta la collaborazione e alcune delle problematiche individuate e risolte congiuntamente al team tecnico del Cliente. Per semplicità, ci riferiremo al sito www.larena.it, su cui vengono pubblicate le notizie riguardanti il territorio di Verona e la sua provincia.

La collaborazione

L’avvio della collaborazione è preceduto da una serie di meeting: il team di NetStrategy deve conoscere e confrontarsi vis a vis con il reparto tecnico del Gruppo Athesis per capire il funzionamento dell’azienda e le attività che vengono svolte quotidianamente sul sito. Ogni giorno, infatti, su www.larena.it:

  • Vengono pubblicate centinaia di notizie recenti;
  • Vengono aggiornati articoli inerenti a situazioni in fase di sviluppo;
  • Vengono eliminate le news considerate ormai obsolete.

Non si tratta quindi di andare a studiare le performance di un sito di poche pagine statiche; si tratta, invece, di individuare le problematiche tecniche presenti in migliaia e migliaia di URL diverse. Considerando il ruolo altamente consulenziale di NetStrategy all’interno della partnership, è essenziale quindi lavorare in simbiosi con i tecnici del Cliente, in particolar modo dopo aver concluso l’analisi SEO.

Nel momento in cui le operazioni da svolgere per migliorare il ranking del sito sono chiare, i SEO Specialist di NetStrategy forniscono suggerimenti tecnici al reparto IT del Gruppo Athesis. Prima della pubblicazione delle modifiche, vengono infine effettuati test e check. In una collaborazione così complessa, gli ingredienti principali per toccare traguardi importanti sono quindi il rapporto di fiducia e il confronto costante e proficuo tra le parti in gioco. Solo in questo modo si possono ottenere risultati importanti come quelli che approfondiremo nei prossimi paragrafi.

#1 L’analisi SEO

Il focus della collaborazione tra NetStrategy e il Gruppo Athesis è stato rappresentato dall’audit SEO. I SEO Specialist si sono focalizzati sullo studio delle caratteristiche tecniche del sito (per esempio, la velocità di caricamento) e della User Experience per comprendere quali frizioni interessassero il dominio www.larena.it. A partire da queste informazioni, è stato realizzato un report approfondito: ogni problematica è stata trattata con minuzia, presentando esempi e possibili soluzioni. Elaborare un report è stato uno step essenziale, in quanto ha permesso di riordinare le idee e definire quali attività erano da considerare prioritarie e quali secondarie.

Tra le principali anomalie riscontrate nel sito potevamo trovare:

  • Bassa velocità di caricamento dei contenuti;
  • Assenza del protocollo di sicurezza HTTPS;
  • Errori 404;
  • Evidente ritardo nel processo di indicizzazione delle pagine;
  • Contenuti duplicati;
  • Assenza di meta tag specifici per ogni articolo.

Una volta individuate le anomalie del sito www.larena.it, i SEO Specialist hanno lavorato step by step con il team tecnico del Cliente, fornendo specifiche consulenze per la loro risoluzione. Vediamo nel dettaglio in che modo le principali frizioni sono state annullate e il sito ha ripreso a crescere in termini di posizionamento organico e nuovi lettori raggiunti.

Il nostro prossimo successo può essere anche il tuo. Inizia da qui

#2 Risoluzione problematiche tecniche

L’obiettivo degli spider e dei crawler di Google è quello di individuare le pagine che rispondono al meglio alla richiesta dell’utente sul motore di ricerca, posizionandole più in alto nella SERP. Per raggiungere questo risultato, è necessario non solo pubblicare notizie esaustive provenienti da fonti autorevoli, ma anche disporre di un sito che garantisca una permanenza prolungata degli utenti. Di seguito troviamo un elenco dei principali interventi tecnici effettuati sul sito www.larena.it.

Velocità di caricamento del sito

È fondamentale che il caricamento delle pagine avvenga rapidamente: bastano pochi secondi per spazientire il fruitore del Web e costringerlo ad abbandonare la piattaforma. Il sito www.larena.it presentava frizioni nel caricamento delle pagine, soprattutto nella versione da desktop: il punteggio fornito da Google Page Speed – tool fornito dal motore di ricerca stesso – era pari a soli 48 punti su 100.

velocità di caricamento larena

Si è quindi proceduto ad “alleggerire” il peso delle pagine, attraverso la minimizzazione dell’utilizzo di file Javascript e CSS, il raggruppamento dei fogli di stile, la compressione delle immagini e così via.

Protocollo di sicurezza HTTPS

Uno dei fattori prioritari di ranking è dettato dalla presenza del protocollo di sicurezza HTTPS: tale protocollo, infatti, certifica a Google e agli utenti che il sito dispone di misure di sicurezza avanzate (per esempio, l’autentificazione e la criptazione degli indirizzi IP). Al momento dell’avvio della collaborazione, il sito www.larena.it presentava ancora il protocollo http, considerato poco sicuro dal motore di ricerca: in alcuni casi, addirittura, appariva un avviso di “connessione non sicura” e ciò aumentava pericolosamente la frequenza di rimbalzo.

http larena 2

I tecnici de L’Arena, supportati dal team di NetStrategy, hanno effettuato una migrazione dal protocollo HTTP al protocollo HTTPS, rendendo di fatto il sito più sicuro agli occhi di Google e dell’utente.

Errori 404

Per un giornale che pubblica notizie online è usuale ricorrere alla cancellazione di news ormai datate per fare spazio agli articoli più recenti. Questa operazione, tuttavia, può causare problematiche nell’acquisizione del posizionamento SEO: nel momento in cui un’URL viene modificata o cancellata, infatti, si generano errori 404, perché il server non riesce a trovare la risorsa richiesta dall’utente.

404 larena

Utilizzando tool tecnici, è stato possibile individuare un’ingente mole di errori 404 presenti sul sito del Cliente. Ciò causava un peggioramento dell’esperienza di navigazione dell’utente, che non riusciva a trovare la notizia a cui si era interessato, e di conseguenza anche nel posizionamento delle pagine. Per questo, sono state individuate le URL che presentavano questa anomalia e, successivamente, sono stati effettuati redirect verso URL ancora attive e pertinenti all’argomento della pagina.

Il nostro prossimo successo può essere anche il tuo. Inizia da qui

Ritardo nell’indicizzazione delle pagine

Uno dei problemi principali riscontrati sul sito www.larena.it in fase di analisi era relativo a un ritardo nell’indicizzazione delle pagine del sito. Questa anomalia rappresenta un rischio per qualsiasi dominio, soprattutto per un giornale che pubblica notizie di cronaca e quindi necessita di acquisire la massima visibilità sui motori di ricerca in tempo quasi reale.

Il ritardo nell’indicizzazione delle pagine era causato principalmente dai seguenti motivi:

  • Scarsa presenza di link interni alle pagine: i crawaler si muovono più lentamente all’interno del sito e ciò provoca un ritardo nelle operazioni di scansione;
  • Assenza di sitemap adeguate: i crawler non riescono a riconoscere una struttura lineare del sito né a dare la priorità a determinate pagine e, di conseguenza, il processo di indicizzazione viene notevolmente rallentato;
  • Inserimento delle notizie nelle categorie sbagliate. I contenuti non venivano suddivisi in maniera efficace e gli articoli che trattavano topic simili potevano trovarsi in categorie differenti, provocando confusione negli spider e nei crawler.

Per risolvere questa problematica, è stata migliorata la gerarchizzazione dei contenuti, che ha permesso una scansione più rapida ed efficace delle migliaia di pagine di cui il sito si compone.

gerarchizzazione larena

#3 Ottimizzazione dei contenuti

I contenuti – testuali e multimediali – sono essenziali all’interno di un sito, in special modo per chi pubblica notizie online. È anche a partire da questi elementi che il motore di ricerca sceglie il posizionamento delle pagine di un dominio: come già specificato, l’obiettivo è quello di identificare la risposta migliore al bisogno manifestato dall’utente per mezzo della ricerca di una keyword su Google. Per questo, è necessario osservare in ottica SEO e user-friendly ogni singolo elemento che viene pubblicato all’interno del sito.

Una delle problematiche principali riscontrate in questo senso sul sito www.larena.it riguardava i cosiddetti “contenuti duplicati”, ossia quei contenuti testuali identici presenti in 2 o più pagine dello stesso dominio.

contenuti duplicati larena

In questo caso è stato necessario procedere con l’eliminazione delle pagine che presentavano contenuti duplicati qualora non fossero più rilevanti; nel caso si trattasse di pagine importanti, invece, si è proceduto all’utilizzo strategico del tag «canonical» e del robots tag «noindex, follow».

#4 Miglioramento della User Experience

Dopo aver annullato le frizioni tecniche e ottimizzato i contenuti per renderli univoci e originali, si è proceduto con un altro aspetto particolarmente rilevante per la SEO: il miglioramento della User Experience. Il sito deve infatti garantire un’esperienza di navigazione soddisfacente all’utente per aumentare il tempo di permanenza media; ciò migliora la brand awareness e, al tempo stesso, anche il posizionamento organico delle pagine.

Una delle frizioni presenti in questo senso sul sito www.larena.it riguardava la cospicua presenza di banner pubblicitari nella zona “above the fold”, ossia nell’area superiore delle pagine del sito. Gli annunci distraevano l’utente dalla lettura, infastidendolo e causando un aumento della frequenza di rimbalzo, un dato che viene visto con sospetto dal motore di ricerca.

above the fold larena

Il nostro prossimo successo può essere anche il tuo. Inizia da qui

I risultati

Raggiungere la #1 posizione sui motori di ricerca è oggi fondamentale in qualsiasi settore, con particolare riferimento a quello editoriale: ciò permette, infatti, di migliorare la visibilità della testata, ma anche di diffondere notizie credibili e di valore, evitando quindi di dare risonanza a quelle che vengono definite “fake news”. È anche per questo che è nata la proficua collaborazione tra il Gruppo Athesis e NetStrategy.

Quali risultati ha prodotto l’audit SEO – con la conseguente risoluzione delle frizioni tecniche – del sito www.larena.it? È risaputo che l’ottimizzazione per i motori di ricerca è una strategia a medio-lungo termine, che impiega diversi mesi prima di dare i suoi frutti. Tuttavia, con il sito de L’Arena i risultati sono arrivati già dopo pochi mesi. Nel seguente grafico vengono confrontati i dati di dicembre 2018 e gennaio 2019 (primissimi mesi di attività) con il medesimo periodo dell’anno precedente: già dopo qualche mese dall’avvio della collaborazione, si notava un incremento del 255% di visite organiche!

Larena 1

Anche dal fronte di Bresciaoggi e Il Giornale di Vicenza sono stati raggiunti risultati più che soddisfacenti. Per quanto riguarda la testata lombarda, il sito www.bresciaoggi.it tra dicembre 2018 e gennaio 2019 ha ottenuto un incremento delle visite organiche del 185% rispetto allo stesso periodo 2017-2018.

Brescia 1

Il sito www.ilgiornaledivicenza.it ha raggiunto addirittura un aumento delle visite anno su anno pari al 209%.

Vicenza 1

Ma i risultati ottenuti non si fermano ai primi mesi di attività: la risoluzione delle problematiche SEO ha portato effetti anche nel lungo periodo. A distanza di quasi 2 anni dalla prima collaborazione (le attività stanno proseguendo ancora oggi), si verifica tutt'ora un incremento costante delle visite al sito, tanto che nel periodo gennaio-ottobre 2020 si è registrato un +525% di visitatori al sito de L’Arena rispetto ai primi 10 mesi del 2018.

Larena 3

I benefici dell’audit SEO sono tangibili: tutte le visite acquisite hanno permesso di migliorare la visibilità online del brand, rendendolo ancora più credibile e autorevole agli occhi dei lettori; inoltre, a partire da questi risultati è stato possibile incrementare il numero di aziende che decidono di pubblicizzarsi all’interno dei 3 siti.

Svolgere un’analisi SEO completa su 3 siti ricchi di contenuti che vengono aggiornati con cadenza quotidiana non è certamente facile: è fondamentale conoscere le esigenze dell’azienda e le modalità in cui opera, cercando di bilanciare la SEO con l’importanza di mantenere pressoché inalterata l’attività ordinaria da svolgere sul sito. Grazie al confronto costante con il Cliente e all’esperienza acquisita progetto dopo progetto, il team di NetStrategy si è fatto trovare pronto per questa appassionante avventura e oggi il Gruppo Athesis può vantare una presenza migliore e più efficace sui motori di ricerca. Per questo, la collaborazione prosegue ancora oggi, con nuove e importanti attività strategiche: sono numerose le sorprese in serbo per i lettori de L’Arena, Bresciaoggi e Il Giornale di Vicenza e noi ci auguriamo di poterle includere presto tra i nuovi successi della nostra azienda.

Vuoi progettare nuove strategie di marketing per far crescere la tua azienda nel 2019-2020?

Case Study

Condividi questo articolo

Stefano Robbi

C.E.O. di NetStrategy. Appassionato di digital marketing con forte propensione all'analisi quantitativa dei dati, ha dato vita al cuore digitale di NetStrategy® nel lontano 2009. Alla passione e alle competenze maturate sul campo nell’ambito del search marketing, Stefano può accostare una formazione specifica di marketing strategico, acquisita nel M.Sc. in Marketing Management all'Università Bocconi e nella pregressa esperienza presso Microsoft Italia.

Lascia un commento