<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=955744661221576&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">
Il 15 aprile, 2019

Nel mondo di oggi riuscire a sopravvivere nella giungla del mercato non è semplice: tanti concorrenti, una domanda in continua evoluzione, troppi potenziali clienti che sembrano irraggiungibili. Qualsiasi azienda, infatti, desidera emergere tra i propri competitor e crescere per massimizzare i propri profitti e poter portare avanti la propria impresa nel tempo. Se fino ad ora ti è sembrata una vera e propria missione impossibile, probabilmente è perché non hai usato i giusti strumenti per aumentare il tuo fatturato!

In questo articolo parleremo proprio di questo: quali sono gli strumenti più efficaci per l’aumento del fatturato e di quali hai bisogno per la tua azienda? Scopriamolo insieme, per trovare la soluzione che ti permetterà di far migliorare e crescere il tuo business!

strument-NS

Parola chiave: marketing

accounting-3732050_960_720

Non si può parlare di strumenti per l’aumento del fatturato senza parlare di marketing. È in questo ambito che rientrano tutti questi strumenti e che vengono utilizzati per porre in atto precise strategie di marketing, siano queste a lungo o a breve termine. Ogni azienda ha le sue peculiarità e le sue caratteristiche, si muove in un contesto ben definito e si rivolge a una clientela ben determinata. Ciò incide significativamente sul modo in cui un’azienda può crescere e su che tattiche deve adottare per farlo. In ogni caso però, le strategie di marketing si rivelano sempre fondamentali, benché vadano studiate appositamente in base al singolo caso.

Entrano quindi in gioco gli strumenti di marketing: tantissimi, diversi, con i loro pro e contro. Tutti però, sono caratterizzati dal fatto di poterti dare un grosso vantaggio per diversi aspetti del tuo business. Innanzitutto, dovresti chiederti: quali sono i tuoi obiettivi? Conosci il tuo Buyer Persona? Cosa ti distingue dai tuoi competitor? Quali sono i punti di forza della tua azienda? E quali i punti di debolezza? Una volta che avrai risposto a queste domande avrai già una panoramica più precisa del traguardo da raggiungere. Il punto di partenza di un percorso strategico in cui avrai bisogno dei giusti mezzi per raggiungere il tuo fine.

C’è una grande divisione da considerare prioritariamente: quella tra strumenti di marketing offline e strumenti di marketing online. Certamente, il digital offre infinite possibilità, ma non per questo bisogna ignorare il resto.

Scopri come aumentare i tuoi clienti!

Gli strumenti del marketing offline

phone-499991_960_720

Ormai si tende a pensare che tutto ruoti intorno al web e che non esista nulla al di fuori di questa immensa e intricatissima rete. In un certo senso è vero, ma nel marketing - così come in molti altri campi - anche l’offline non può ignorarsi del tutto. Per aumentare il fatturato di un’azienda, infatti, esistono anche degli strumenti di marketing offline che, specie in riferimento ad alcuni target o settori, possono essere efficaci tanto quanto quelli online.

Tra gli strumenti più importanti del marketing offline c’è sicuramente la pubblicità, elemento onnipresente in radio, nella televisione e in giornali e riviste. Gli annunci pubblicitari non sono da sottovalutare neanche in una realtà pervasa da internet come la nostra: la tv e le stazioni radiofoniche mandano in onda continuamente spot pubblicitari di svariati brand e sono utili per raggiungere un pubblico vasto. Anche attraverso i quotidiani e le riviste ciò è possibile, benché il pubblico raggiungibile sia effettivamente sempre più ridotto, a causa del calo della stampa nella società odierna. La pubblicità, ad ogni modo, consente di aumentare notevolmente la propria visibilità e di raggiungere un pubblico molto ampio; l’unico svantaggio è il fatto che si tratti spesso di un’utenza troppo poco specifica e quindi non necessariamente interessata a ciò che si cerca di vendere. Da non dimenticare gli strumenti come i volantini e cartelloni pubblicitari, interni a quella che viene definita come pubblicità outdoor e che consentono una targetizzazione mirata a livello territoriale.

A questi strumenti si aggiunge il telemarketing, che può consentire un contatto diretto con la potenziale clientela al fine di vendere i propri servizi e far conoscere la propria realtà aziendale. Quando si parla di telemarketing, tuttavia, è necessario sottolineare quanta attenzione debba essere prestata alla privacy. Potranno essere contattati solo utenti che abbiano fornito il loro assenso a ricevere chiamate di tipo commerciale. Questo strumento richiede una formazione ottimale degli operatori, per far sì che riescano a interagire con il potenziale cliente senza disturbarlo ma, anzi, catturandone l’interesse e rispondendo a ogni eventuale domanda.

Infine, specie per alcuni settori, anche la partecipazione alle fiere è un’importante occasione per farsi conoscere, sia dal pubblico che dalla concorrenza, in modo da rafforzare la propria presenza all’interno del mercato di riferimento.  

Gli strumenti del marketing online

Per ciò che riguarda il web marketing, invece, il discorso si fa molto più ampio e complesso. Ogni strategia di web marketing utilizza tattiche specifiche e gli strumenti per aumentare il fatturato ne sono parte integrante. Come prima cosa, dunque, dovrai capire qual è la strategia che fa maggiormente al caso tuo. Nel nostro articolo “Esempi di Web Marketing: scopri quali sono le migliori per la tua azienda!” abbiamo parlato proprio di questo, per aiutarti a capire in che direzione muovere i primi passi per arrivare alla crescita del tuo business.

La scelta, effettivamente, è ampia: SEO, SEM, E-mail Marketing, Social Media Marketing, Content Marketing… Ognuna di esse può contribuire al successo della tua azienda, specie se si utilizzano i giusti strumenti per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Acquisire nuovi clienti

technology-1283624_960_720

Naturalmente, per mettere in atto strategie di marketing online non potrai tralasciare l’importanza di una buona ed efficace comunicazione. Sarà necessario curare la tua Brand Identity, definendola nei minimi dettagli e lasciando che ogni aspetto della tua attività sia in linea con l’immagine che vuoi dare della tua azienda. Strumento fondamentale, in questo senso, è il sito web. Un buon sito web può permetterti di lasciare il segno sull’utenza, di farti ricordare e di distinguerti dai concorrenti. In molti casi, il sito web aziendale sarà il primo approccio che i potenziali clienti avranno con te e, dunque, è importante che sia completo e curato per fare una buona prima impressione.

Una grafica accattivante e la facilità di navigazione, però, non sono tutto; il tuo sito potrebbe anche essere perfetto, ma a che servirebbe se nessuno riuscisse a trovarlo? Ecco, quindi, che entra in gioco la SEO (acronimo di Search Engine Optimization). Per farsi conoscere sul web ormai non si può ignorare la potenza dei motori di ricerca, ovvero tutti quei sistemi (come Google, Bing, Yahoo! E molti altri) che rispondono a precise richieste dell’utente con una serie di contenuti volti a soddisfarle. Insomma, chiunque cerchi qualcosa online passa per Google, per arrivare a determinati risultati che rispondano alla sua ricerca. Tuttavia, raramente l’utente si spinge oltre la prima pagina di risultati e quindi è fondamentale, per un’azienda, cercare di posizionarsi bene per determinate parole chiave. È proprio questo lo scopo della SEO: tramite un’accurata analisi delle keyword maggiormente attinenti al tuo business, i contenuti del tuo sito web saranno ottimizzati in modo tale che il motore di ricerca lo valuti in maniera positiva, migliorandone il posizionamento. Ciò significherà avere più visibilità, il che si tradurrà in maggiori contatti e possibilità di vendita.

Sono numerosi gli strumenti essenziali per la SEO e, tra questi, molti sono offerti dallo stesso colosso Google. Uno dei principali strumenti è senza dubbio Google Analytics, un servizio fruibile gratuitamente che offre un’analisi completa dei siti web, per registrare l’user behaviour sia in termini qualitativi che in termini quantitativi. Con Google Analytics è quindi possibile ottenere informazioni sull’utenza che naviga sul sito web e sull’andamento del sito stesso.

Altro importante strumento è Google Trends, che permette invece di ottenere dati sulla frequenza di ricerca di una determinata parola o frase, con l’aggiunta di poter verificare anche la popolarità di un preciso argomento. In tal modo è possibile capire quali sono gli argomenti più ricercati del momento e tenersi al passo con gli interessi maggiori del pubblico.

Uno strumento che opera su più aspetti e si rivela utilissimo per migliorare il rendimento di un sito è, infine, Google Search Console. Questo strumento permette di accedere a una serie di dati e statistiche che danno una comprensione maggiore del modo in cui Google vede un sito web, così da riuscire a migliorarlo e a monitorarne le performance.

Per migliorare i contenuti di un sito web e renderli maggiormente mirati e rispondenti a precise parole chiave che rispondano ai bisogni dell’utenza, uno strumento da non dimenticare è il blog aziendale. All’interno del sito web è bene prevedere una precisa sezione dedicata al blogging, nella quale inserire contenuti ottimizzati lato SEO che siano costruiti appositamente per rispondere alle domande dei tuoi potenziali clienti. La prima cosa da chiedersi, dunque, sarà: quali sono i bisogni della clientela? E in che modo possono essere soddisfatti? Naturalmente, la risposta a questa seconda domanda è semplice: è la tua azienda che fornisce la soluzione. Ed è esattamente questo che deve essere chiaro anche all’utente che arrivi al tuo blog. Ogni articolo presente, infatti, sarà finalizzato a portare l’utente a te: così guadagnerai clienti e potrai arrivare a far crescere il tuo business.

La SEO è una strategia efficace nel lungo periodo; quando però si ha necessità di risultati immediati è più conveniente affidarsi a una strategia di SEM (ovvero Search Engine Marketing), per creare campagne sponsorizzate che portino maggiore visibilità con rapidità. In questo caso, strumento indispensabile è Google Ads (già Google AdWords), servizio del colosso di Mountain View ideato per inserire annunci pubblicitari in cima alle pagine di ricerca. Con questo strumento è possibile mirare a un target ben preciso di utenti che, rispondendo a precise caratteristiche, saranno maggiormente portati all’acquisto.

Vuoi sapere di più su SEO e SEM? Abbiamo alcuni articoli che potrebbero fare al caso tuo:

Fidelizzare i clienti acquisiti

spider-monkey-637062_960_720

Le strategie di SEO e SEM ti permetteranno di arrivare a nuovi clienti, che porteranno valore alla tua azienda e ne faranno crescere il fatturato. Allo stesso tempo, però, è importante che tu non dimentichi i clienti già acquisiti: mantenere il contatto con loro è di vitale importanza per qualsiasi azienda. Per far questo, uno strumento a cui ricorrere è l’e-mail marketing, ovvero il contatto tramite e-mail finalizzato a rafforzare i rapporti e a fidelizzare il cliente.

Se vuoi sapere nello specifico di cosa si tratta e come puoi utilizzare efficacemente l’e-mail marketing per il successo della tua azienda, potrebbero interessarti i seguenti articoli:

A questa modalità di contatto con il cliente si collegano strettamente le landing page e le thank-you page, che rappresentano degli strumenti ideali per aumentare il fatturato, in quanto sono pagine che – se costruite efficacemente – invogliano e portano l’utente a compiere determinate azioni utili, come la compilazione di form o addirittura il vero e proprio acquisto. Andando più nello specifico, le landing page (letteralmente “pagine di atterraggio”) sono pagine web costruite appositamente per fornire informazioni aggiuntive rispetto a un annuncio pubblicitario, una campagna pay-per-click o una e-mail personalizzata. L’obiettivo di una landing page efficace è quello di convertire l’utente in cliente, tramite offerte o promozioni che siano efficaci. Le thank-you page, d’altra parte, non si differenziano troppo dalle prime, se non per il fatto di essere strutturate come “pagine di ringraziamento”. L’obiettivo rimane immutato, ma viene perseguito attraverso il riconoscimento nei confronti dell’utente a cui si devono accompagnare spunti per ulteriori interazioni e per lo sviluppo del rapporto acquirente-venditore.

Per mantenere i contatti con il tuo pubblico di riferimento, inoltre, non potrai ignorare la potenza dei social media: Facebook, Instagram, Twitter e non solo sono strumenti che ti permetteranno di interagire costantemente con gli utenti, così che loro non si dimentichino di te e siano sempre portati ad affidarsi alla tua azienda nel caso in cui ne avessero bisogno. L’utilizzo di una strategia social, infatti, non deve essere sottovalutato: tramite queste piattaforme ti sarà possibile offrire una serie di contenuti che devono essere pensati per risvegliare l’interesse dell’utente. È essenziale che per ogni social network si pensi a un contenuto specifico: ognuno di essi ha caratteristiche e target differenti e i contenuti devono essere declinati di conseguenza per poter essere davvero efficaci. Se adottati strategicamente, i social media possono rivelarsi strumenti molto utili per aumentare la propria visibilità; cavalcando l’onda delle tendenze e delle preferenze del pubblico è possibile raggiungere un grande numero di potenziali clienti che, con probabilità, potranno portare valore al tuo business. Non dimentichiamo, infatti, che piattaforme come queste garantiscono un feedback immediato da parte dell’utenza: ciò permetterà di calibrare la comunicazione di volta in volta, per giungere al massimo coinvolgimento del pubblico. In questo modo, ogni utente si sentirà in un certo senso parte della tua azienda e dei valori che trasmette, trasformandosi in un cliente fidelizzato.

Gestire i clienti

È importante saper raggiungere sempre nuovi clienti così come lo è riuscire a mantenere quelli già acquisiti, sviluppando rapporti di fiducia che durino nel tempo. Ma per mirare a una crescita costante bisogna anche fare i conti con il lavoro di gestione della clientela, che comprende tutta una serie di operazioni fondamentali senza le quali non sarebbe possibile raggiungere determinati traguardi.

Per questo motivo, all’interno degli strumenti per aumentare il fatturato non si può tralasciare un buon CRM, ovvero un sistema di Custom Relationship Management che ti permetterà di automatizzare tutte le attività relative alla gestione dei clienti. Al giorno d’oggi esistono numerosi software che ti permetteranno di gestire i contatti con il tuo database di clienti senza costringerti a perderti in un mare di fogli Excel e renderanno il rapporto con ogni cliente molto più fluido e semplice.

Ma c’è di più: un software CRM renderà possibile un monitoraggio costante della tua attività, dei tuoi risultati e del mercato di riferimento. Avrai così accesso a una serie di dati indispensabili per comprendere su quali azioni strategiche puntare e che piani di marketing elaborare sul lungo periodo. Potremmo dire, insomma, che un software CRM è uno dei primi strumenti a cui dovresti pensare per aumentare il fatturato.

 Tra i migliori software CRM in circolazione c’è, senza dubbio, quello offerto da HubSpot, gratuito ed efficiente. Puoi trovare diverse informazioni su HubSpot nei seguenti articoli:

Scopri come aumentare i tuoi clienti!

Conclusione

In questo articolo abbiamo visto diversi strumenti per aumentare il fatturato, che possono essere utili alla crescita di qualsiasi azienda. Se ci si pone l’obiettivo di incrementare il proprio profitto, è indispensabile che si entri nell’ottica del marketing: questa è una parola chiave per lo sviluppo di un business, da tenere bene a mente per poter selezionare il modo migliore di procedere.

Nonostante l’importanza del digitale, è importante non tralasciare il mondo offline: anche questo offre diversi strumenti di marketing, come gli spot pubblicitari in tv e radio, nonché sulla carta stampata, volantini e cartelloni pubblicitari, telemarketing e contatti diretti con il pubblico in occasioni come le fiere.

Una goccia rispetto al mare del web, che offre infinite possibilità. Primo strumento per navigarci è sicuramente il sito web, in cui è bene comprendere un blog aziendale che comprenda contenuti mirati e strutturati per attirare un target mirato. Per puntare alla crescita è indispensabile sviluppare strategie di SEO e/o SEM, per le quali Google offre preziosissimi strumenti: Google Analytics, Trends, Search Console e Ads sono solo alcuni dei mezzi con cui la tua azienda potrà ottenere maggiore visibilità e aumentare il fatturato.

Si aggiungono e-mail, landing page, thank-you page e social media come strumenti che consentono di mantenere i contatti con il pubblico e, in questo modo, di fidelizzare i clienti. Svuiluppando un rapporto di fiducia potrai assicurarti una clientela che porterà a lungo valore al tuo business.

Per gestire i tuoi clienti, infine, dovrai affidarti a uno strumento tanto ampio quanto utile: il software CRM. Automatizzando tutte le attività di gestione della clientela riuscirai a migliorare l’efficienza delle operazioni interne all’azienda, compiendo un passo in più verso l’aumento del fatturato.

Hai già ben chiari quali sono gli strumenti per aumentare il fatturato che fanno più al caso tuo? Se hai ancora dei dubbi o vorresti ulteriori informazioni, non preoccuparti! Siamo qui per questo! Clicca qui e parliamo di come far crescere il tuo  progetto.

Vuoi acquisire nuovi clienti per la tua azienda nel 2019-2020?

 

Condividi questo articolo

Fabio Giacomello

Project Manager - Dotato di tanta creatività digitale e altrettanta abilità oratoria, Fabio possiede competenze in ambito informatico che vanno ad unirsi a una lunga esperienza in ambito commerciale. Grazie al suo background, Fabio rappresenta un ottimo valore aggiunto all’interno di NetStrategy, occupandosi sia della gestione del reparto di Web Development che della gestione dei clienti e riuscendo sempre – in ogni minuto libero – a strapparci una risata.

Lascia un commento