<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=955744661221576&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">
Il 11 novembre, 2016

Se non l'hai già fatto, qual è il modo migliore per portare la tua azienda su Facebook? E se lo hai già fatto, sei sicuro che l'operazione stia avendo tutto il successo possibile? Per rispondere a queste domande o anche solo per verificare le tue risposte, ti consigliamo di leggere questo articolo. Facci sapere cosa ne pensi lasciando un commento!

Pagina-aziendale-di-successo-cover.jpg

Una pagina Facebook è oggi un elemento fondamentale per le imprese e le relative strategie di Marketing. Le principali statistiche social parlano chiaro: in questo preciso momento, mentre scriviamo, gli utenti attivi su Facebook sono quasi 2 miliardi (dati di Internet Live Stats), un bacino di potenziali clienti di proporzioni gigantesche.

Non ha importanza in quale settore di mercato operi la tua azienda, se in uno dei comparti di quello agricolo, nel fashion o nella ristorazione: una pagina Facebook di successo ti dà la possibilità di intrattenere una comunicazione diretta con i tuoi clienti, potenziali o già attivi. Può inoltre essere il fulcro della tua Brand Reputation grazie all’enorme spinta che solo il mondo Social può dare.

Per ottenere tutto questo è però necessario avere una certa padronanza dello strumento: ecco dunque spiegato l’obiettivo di questo articolo. Come agenzia SEO e Web Marketing specializzata vogliamo illustrarti quali sono i principali passi da compiere per creare una efficace pagina aziendale su Facebook e darti poi alcuni consigli su come gestirla con successo. Armati allora di attenzione e cominciamo a fare della tua pagina un punto di riferimento utile ed efficace per la tua azienda, per il tuo business e per tutto il tuo pubblico!

Pagina aziendale VS profilo privato

Breve puntualizzazione: perché adottare una pagina aziendale e non profilo privato? Tanto per cominciare perché è richiesto dalle policy di Facebook: fare il contrario, ossia aprire un account personale per un’azienda, corrisponde a fare un uso improprio degli strumenti a tua disposizione.

Al di là di questo, però, la risposta più rilevante è “perché conviene”. I profili privati sono modellati sulla base delle esigenze dell’individuo, che sono differenti da quelle commerciali di marchi, imprese e prodotti. Le pagine aziendali dispongono invece di funzionalità che permettono ad esempio di segmentare il pubblico, gestire piani editoriali e indire campagne di Marketing. Diremo altro nei prossimi paragrafi.

Pagina-aziendale-VS-profilo-privato.jpg

 Vuoi velocizzare il tuo apprendimento? Scarica gratuitamente l'infografica "7  strategie di web marketing per far crescere la tua azienda nel settore agricolo"

Come creare la pagina aziendale

Quali sono i primi passi da compiere per aprire una pagina aziendale? Innanzitutto devi essere già registrato come utente privato, in modo che Facebook abbia la possibilità di ricondurre la pagina almeno ad una identità accertata. Dalla freccia posta all’estrema destra del menu principale potrai selezionare l’opzione Crea una pagina.

Crea una pagina.jpgDovrai scegliere tra una delle tipologie di soggetto proposte (ad esempio luogo, azienda, prodotto o gruppo musicale) e selezionare poi, all’interno delle opzioni previste per quella specifica tipologia, la categoria che dettaglia al meglio il settore di mercato: per la tipologia azienda puoi scegliere tra decine di opzioni tra le quali azienda agricola, impresa industriale e università.

Il passo successivo è quello di configurare la pagina, cominciando dalle informazioni di base e da una descrizione della tua azienda. Tra le informazioni ulteriori è possibile indicare dettagli come l’indirizzo del sito web, gli orari di apertura al pubblico ed i contatti, nonché l’elenco dei prodotti o servizi offerti e dei particolari sulla fondazione.

La scelta delle immagini del profilo e di copertina è molto importante, perché determina quale sarà il primo impatto che gli utenti avranno una volta arrivati sulla tua pagina aziendale (per un approfondimento, si veda il precedente articolo sul Facebook Personal Branding). Affinché siano visualizzate correttamente da ogni dispositivo, Facebook indica le misure minime: 180 pixel di lato per la foto del profilo, 399x150 per la copertina.

Nell’ultimo step della configurazione è possibile definire il Pubblico preferito della pagina, ossia un target specifico per l’azienda, come insegna il buon Inbound Marketing. Selezionando luoghi, fascia d’età, sesso ed interessi, puoi dare all’algoritmo di Facebook delle preziose informazioni sulla tipologia di utente alla quale desideri maggiormente che la tua pagina arrivi. 

 

La gestione: verso il successo

Terminata l’impostazione secondo il percorso che abbiamo tratteggiato, la tua pagina aziendale ha un’esistenza, ma non una vera e propria vita. È giunto ora il momento di trasformarla in uno strumento attivo per la tua azienda.

A seconda dei tuoi obiettivi, ne aumenterà la visibilità online, la pubblicizzerà, ne promuoverà prodotti e servizi, attirerà nuovi clienti (lead generation), coltiverà la relazione con quelli già acquisiti, veicolerà traffico al tuo sito web o al tuo e-commerce, affermerà il tuo marchio su quello dei tuoi competitor. Tutto questo è possibile attraverso una costante e attenta gestione: ecco alcuni consigli su come metterla in pratica.

  • Aggiungi una call-to-action al menu

Da qualche anno, Facebook ha introdotto la possibilità per le pagine aziendali di integrare dei pulsanti che richiamano l’utente all’azione. Questo strumento è prezioso, perché crea engagement: permette ai tuoi utenti di interagire con la pagina e con la tua azienda direttamente. Le opzioni a disposizione prevedono diverse modalità: richiedere informazioni, contattare, acquistare, iscriversi, utilizzare una app e simili.

  • Elabora una precisa strategia di comunicazione

Ciò significa da un lato decidere che tipo di approccio vuoi adottare, dall’altro incrociare lo stile di linguaggio che hai scelto di adottare con le caratteristiche, le abitudini ed i gusti del tuo target di pubblico. Qualunque sia la tua scelta, è importante che i tuoi messaggi siano genuini e trasmettano un’effettiva intenzione allo scambio e al dialogo. In fondo è questo il principio alla base delle community online.

  • Informa e intrattieni il tuo pubblico

Per attirare e mantenere l’attenzione degli utenti devi offrire loro qualcosa che reputino meritevole. La tua pagina aziendale non deve diventare una pura vetrina commerciale, che a lungo andare avrebbe stancherebbe. A seconda del profilo del tuo visitatore ideale, dovrai dunque creare contenuti utili, vari – testi, immagini, video – e originali, il tutto sempre in linea con la tua immagine aziendale.

  • Appoggiati ad un calendario editoriale

È il modo migliore per programmare le pubblicazioni, assicurandone frequenza e puntualità, e tenerne comodamente traccia. Pianificare ciò che andrai a pubblicare ti aiuta a controllarne non solo la cadenza, ma anche l’assortimento e la successione degli argomenti trattati. Sui dettagli del piano editoriale e relativa calendarizzazione non esistono regole fisse: sperimenta e osserva cosa funziona per la tua azienda e per il tuo pubblico.

  • Rispondi e modera ogni interazione

Una delle caratteristiche principali di Facebook è la velocità di comunicazione. Le notizie - sia positive che negative - si diffondono all’istante e ad un numero di utenti potenzialmente a svariati zeri: questo rende urgente anche la tua attenzione nei confronti di commenti, richieste o recensioni. L’utente stesso si aspetta una risposta rapida se ti contatta o replica ad un tuo post. Sii presente sulla tua pagina e fai in modo che i tuoi interlocutori lo percepiscano.

  • Misura il rendimento della tua pagina

Analizzare i dati sui post è essenziale per capire meglio cosa piace a chi segue la tua azienda, per pianificare le tue azioni future e perfezionare così la tua strategia online. Grazie alla funzione Insights puoi avere senza alcuno sforzo una panoramica completa delle performance della tua pagina in generale: puoi così conoscere ad esempio la copertura di ciascun post, il tipo d'interazione con la tua pagina che hanno generato e il numero delle visite.

Facebook insights.jpg

Conclusione

Creare e gestire efficacemente una pagina Facebook aziendale non è un’attività che si può e si deve compiere ad occhi chiusi. Richiede preparazione, pianificazione e impegno. Ma i risultati che puoi raggiungere ripagano appieno dell’intero sforzo.

Facebook, in quanto leader tra i Social Network, può spingere qualunque tuo messaggio sotto gli occhi di un enorme numero di potenziali nuovi clienti e offre eccellenti possibilità di comunicazione. Su come approfittare di queste potenzialità abbiamo cercato di dare alcuni suggerimenti in questo articolo.

Ricorda sempre che portare la tua pagina aziendale al successo richiede tempo ed energie. Un aumento nel numero dei “Mi piace” che possa portare un valore concreto alla crescita della tua attività deve essere la conseguenza di una strategia precisa, che preveda contributi di alta qualità, che piacciano ai tuoi clienti e raggiungano il maggior numero possibile di persone. 

Nel chiudere questo articolo ti consigliamo di scaricare l'e-book gratuito che trovi cliccando sull'immagine qui sotto. Fra i case study illustrati, troverai un esempio di pagina Facebook di Successo che, oltre a riassumere quello che abbiamo condiviso nelle righe precedenti, te ne mostrerà una favolosa applicazione pratica. Non ci credi? Scarica il contenuto e facci sapere se avevamo ragione!

Vuoi velocizzare il tuo apprendimento?
Scarica gratuitamente l'e-book qui sotto!
 

6 aziende per 6 social - scarica l'ebook

 

Share This Article

Stefano Robbi

CEO - Fondatore di NetStrategy, Stefano ha dato vita a questo cuore digitale nel lontano 2009, seguendo la sua passione per il digital marketing e la sua propensione all’analisi dei fatti. All’amore per questo ambito, Stefano ha aggiunto una formazione specifica nel marketing strategico, culminata con la specializzazione in Marketing Management all’Università Bocconi e seguita da un’importante esperienza presso Microsoft Italia.

Leave A Comment