<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=955744661221576&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">
Il 7 febbraio, 2019

Se nel 2018 Instagram è stato eletto re dei Social Network, il suo successo risulta inarrivabile anche in questi primi mesi del 2019. L’attenzione verso questa piattaforma per immagini arriva non più solo dai cosiddetti “Millennials”, che per primi ne hanno espresso un forte interesse, ma anche da un pubblico più adulto. È per questo che aziende di ogni tipo e rivolte a target differenti hanno dato il via già da tempo a strategie di marketing su Instagram. E tu? A che punto di questo processo sei? Necessiti di qualche spunto per dare il via ad una strategia vincente nell’attuale re dei Social Network? In questo articolo puoi trovare 4+2 tattiche da attuare per realizzare il profilo aziendale perfetto ed incrementare il livello di visibilità del tuo brand. Buona lettura!

strategie di marketing instragram 2-4

Perché scegliere Instagram per la tua azienda?

Instagram per le aziende

Se ti stai chiedendo perché dovresti trasferire il tuo interesse da Facebook ad Instagram, la risposta è presto detta: le statistiche affermano come la piattaforma per le immagini si stia imponendo in modo prepotente nel mondo dei Social Network, schiacciando sempre più la propria concorrenza. Anche se la concorrenza è niente di meno che Facebook, suo “fratello” (entrambe le piattaforme sono in mano all’ormai onnipresente Mark Zuckerberg).

Ecco alcuni dati su Instagram che ti faranno riflettere:

  • Utenti attivi mensili nel mondo: 1 miliardo;
  • Utenti attivi mensili in Italia: 19 milioni;
  • Utenti attivi giornalmente nel mondo: 500 milioni;
  • Utenti che utilizzano quotidianamente le stories: 400 milioni;
  • Post condivisi quotidianamente: 95 milioni;
  • Paese con un maggior numero di utenti attivi: Stati Uniti. L’Italia si piazza in decima posizione, assieme alla Germania.

Potremmo impiegare ore a dimostrare ulteriormente il successo di Instagram in tutto il mondo, ma non ti preoccupare, non lo faremo. Ti basti sapere che, in qualsiasi Paese, le statistiche risultano in costante aumento.

Ma ciò che potrebbe interessarti ancor di più riguarda il livello di coinvolgimento degli utenti. Negli ultimi anni Facebook ha perso terreno, anche a causa di una politica aziendale che si è invertita completamente rispetto ai primi anni dalla sua nascita: l’organicità – ossia i post visibili senza sponsorizzazione – è andata perdendosi passo dopo passo, per lasciare il posto ai post a pagamento. Da questo punto di vista, Instagram ancora si basa principalmente sull’interesse dell’utente per mostrare i propri contenuti: anche se non è da escludere l’importanza delle sponsorizzazioni, è anche vero che l’organicità di Instagram è ancora molto forte. Gli algoritmi, in particolare, permettono all’utente di visualizzare i post dei suoi profili preferiti (quelli le cui foto ricevono un maggior numero di cuori) nelle prime posizioni. E, sorprendentemente, secondo una ricerca condotta da Forrester condotta ancora qualche anno fa, ciò funziona. Ecco qualche altra statistica che potrebbe interessarti, ripresa stavolta da Sprout Social:

  • L’80% degli utenti su Instagram segue almeno un profilo aziendale;
  • I post geolocalizzati ottengono il 79% in più di engagement;
  • L’80% degli influencer preferisce Instagram per creare coinvolgimento;
  • Il 65% dei post con un maggior numero di cuori riproduce prodotti aziendali.

Solo questi pochi dati possono farti capire l’opportunità che Instagram sta dando alle aziende. Prima di procedere con lo studio delle strategie di marketing che coinvolgono questa piattaforma, dai un’occhiata a questi articoli, che ti aiuteranno ad addentrarti nell’argomento:

Ora che sappiamo di tutto e di più su Instagram, non ci resta che passare alla pratica: come puoi realizzare un profilo perfetto per la tua azienda e catturare l’attenzione dell’utente? Scopriamolo assieme.

Come puoi ottenere il massimo per il tuo business dai tuoi profili social?  Segui l'esempio di chi c'è riuscito: scoprilo in questo e-book.

#1 Immagini di valore: visual storytelling

Partiamo dal presupposto che Instagram si basa essenzialmente sulle immagini. Grazie ai post visivi è possibile, infatti, catturare immediatamente l’attenzione dell’utente che, ancora prima di mettersi a leggere, ha l’opportunità di immergersi appieno nella tua azienda. È il potere del visual storytelling, ossia di quella tecnica che si propone di raccontare una storia attraverso un’immagine, creando empatia con il pubblico. È proprio questo il concetto a cui devi prestare attenzione: empatia, ossia l’utente si sente compreso, si sente immerso nel tuo mondo e, di conseguenza, più vicino al tuo marchio e all'acquisto dei tuoi prodotti.

Ma come puoi fare a rendere le tue immagini non più solo post, ma anche vere e proprie storie? Esistono delle tattiche che possono aiutarti in questo senso. Vediamole assieme nel seguente elenco:

  • Metti in evidenza gli aspetti positivi, autoironici, allegri della tua attività. Stop all’eccessiva professionalità, allo stile “giacca e cravatta” che potrebbe contraddistinguere chi si iscrive a LinkedIn: su Instagram si è tutti più spontanei. E allora, via a sorrisi, selfie, prodotti inseriti nei giusti luoghi e postati nei giusti momenti;
  • Crea immagini coerenti l’una con l’altra. Scegli il filtro che più si addice a ciò che vuoi esprimere e mantienilo inalterato nel corso del tempo. Anche il colore gioca in ruolo importante in questo senso: non fare del tuo profilo aziendale una tavolozza di tonalità differenti, ma mantieni lo stesso stile per ogni immagine. Di seguito trovi l’esempio di Lily Like Home, i cui post presentano una tendenza all’utilizzo del color rosa perla sullo sfondo: a spiccare è sempre lei, con abiti e prodotti dalle svariate tonalità:

Lily Like Home

  • Inserisci il tuo logo aziendale nelle immagini. Fai in modo che il tuo brand sia sempre visibile in ogni post: solo così l’utente assocerà più facilmente l’immagine al tuo marchio, rendendo più facile e rapido il processo di memorizzazione.

In tutto ciò, ricorda di sfruttare le potenzialità delle descrizioni, che non devono essere estremamente lunghe, ma che devono mettere in evidenza il messaggio che vuoi lanciare: un particolare, un prodotto specifico, il benefit che può portare nella vita del consumatore, la promozione del momento. Grazie alla combinazione perfetta tra immagine di qualità e una descrizione esaustiva ed emozionale, riuscirai a coinvolgere un ampio pubblico di utenti.

#2 Storie coinvolgenti: le mille funzionalità di Instagram

strategie di marketing su instagram stories

Una caratteristica di Instagram che risulta sempre più apprezzata dal mondo del Web è il fatto che si aggiorni costantemente e che, ogni volta, aggiunga funzionalità interessanti. Questo succede sia lato utente, sia lato azienda, permettendo ai business di incrementare la propria visibilità. È per questo che è consigliabile rimanere sempre sul pezzo, onde evitare di perdere importanti aggiornamenti che potrebbero rendere la tua strategia davvero originale e, di conseguenza, vincente.

In questo senso, ciò su cui dovresti prestare particolare attenzione sono le stories, contenuti effimeri – durano solamente 24 ore – che puoi mostrare al tuo pubblico per renderlo partecipe di ciò che fai quotidianamente. Infatti, le storie ti permettono di:

  • Creare contenuti “standard”: attraverso una storia puoi mettere in evidenza un prodotto, lanciare un messaggio, dare comunicazioni;
  • Creare sondaggi. Si tratta di un aspetto relativamente recente, che ti consente di interagire con i follower, facendo sentire importante ed unica la loro opinione. Grazie a questa funzione, puoi chiedere ad un utente se preferisce il mare o la montagna, gli stivali alti o bassi, viaggiare in treno o in aereo. Si tratta di un modo per aumentare il coinvolgimento e, allo stesso tempo, per conoscere più a fondo su cosa puntare. Se gestisci un negozio di abbigliamento, infatti, puoi constatare quale tonalità dei capi, quale modello, quale prodotto risulta più apprezzato. Oltre ai sondaggi, esiste anche la possibilità di porre domande: le risposte degli utenti potranno poi essere ripubblicate;

strategie di marketing instragram

  • Pubblicare GIF e stories per i “new post”. Uno dei trend del momento è rappresentato dalle storie dedicate alle nuove immagini pubblicate. Grazie ad un particolare effetto di bianco e nero o chiaroscuro o grazie all’oscuramento dell’immagine all’interno della storia, puoi incuriosire il pubblico, che passerà dal visualizzare distrattamente la storia al visitare il tuo profilo aziendale. Oltre a ciò, assumono sempre maggiore valore anche le GIF, immagini in movimento riprese da personaggi pubblici, film, serie TV che vengono ricondivisi dagli utenti;
  • Dare il via alle rubriche. Eccoci giunti ad uno dei metodi più innovativi per interagire con il pubblico: stiamo parlando di rubriche, veri e propri appuntamenti fissi con i follower. Può trattarsi di una diretta in cui rispondi alle domande degli utenti in tempo reale o di brevissimi video in cui offri consigli nel tuo ambito. Le rubriche, spesso sottovalutate, risultano importanti soprattutto perché creano una sorta di date con l’utente, che sa il giorno e l’ora esatti in cui potrà trovarti online o semplicemente accedere ai tuoi consigli. È per questo che, di norma, viene studiato un nome incisivo della rubrica e sfruttato al meglio (per esempio,  "I consigli di Anna");
  • Produrre sequenze di storie. Dello storytelling abbiamo già parlato nello scorso paragrafo: una storia, proprio come la fiaba che la mamma ci leggeva da piccoli prima di addormentarci, è in grado di creare maggior appeal tra la tua azienda e l’utente. È per questo che molte imprese decidono di pianificare una strategia che ruoti attorno alla brevissima durata delle storie, creandone in sequenza per lanciare un messaggio. Se decidi di attenerti a questa tecnica, ricorda di non esagerare: un numero di storie in sequenza estremamente elevato potrebbe risultare controproducente, costringendo l’utente a saltarle, passando direttamente al profilo successivo.

Come puoi notare, attorno alle storie ruota davvero un mondo di funzioni e possibilità che puoi sfruttare al meglio per rendere il tuo profilo aziendale più avvincente, dando il via ad efficaci e mirate strategie di marketing su Instagram.

Come puoi ottenere il massimo per il tuo business dai tuoi profili social?  Segui l'esempio di chi c'è riuscito: scoprilo in questo e-book.

#3 Hashtag popolari: trovarli e crearli

Oltre che sulle immagini e le storie, Instagram più che ogni altro Social Network si basa sugli hashtag, elementi che lo rendono quasi un motore di ricerca. Si tratta, infatti, di parole chiave precedute dal cancelletto (per esempio, #casa) che gli utenti inseriscono sotto le immagini per renderle più visibili. Facciamo un esempio e cerchiamo su Instagram l’hashtag #puglia, giusto per sognare un po' le vacanze. Ecco i risultati:

Pugluia

Come puoi constatare, Instagram ci dice già in quante immagini è presente l’hashtag #puglia (quasi 7 milioni) e successivamente mette in evidenza i post più popolari, ossia quelli che hanno ottenuto un maggior numero di cuori o che provengono da un profilo più affermato. È proprio qui che si nasconde il segreto: cercare quel tipo di hashtag che viene ricercato dall’utente, e che, soprattutto, non riveli un elevato numero di concorrenti. Se ci pensi, è un po’ quello che succede con le parole chiave per posizionare sui motori di ricerca la tua azienda.

Come scegliere gli hashtag giusti per la tua strategia di marketing su Instagram? Innanzitutto, non indirizzarti verso parole chiave troppe generiche. Per esempio, se gestisci un negozio di abbigliamento, non scegliere #abbigliamento (più di 800.000 risultati), ma punta su #abbigliamentodonna (300.000 risultati), #abbigliamentouomo (120.000 risultati), #abbigliamentobambini (87.000 risultati). In questo modo riuscirai ad avere meno concorrenti e avrai maggiori possibilità di posizionarti tra i contenuti popolari per quegli hashtag.

Un’altra idea originale, divertente e coinvolgente che riguarda gli hashtag è quella di realizzare un hashtag personalizzato, che saprà dai competitor distinguerti e, con l’andare del tempo, verrà sempre più utilizzato. Per citare un esempio, se ti chiami Anna e gestisci un negozio di abbigliamento, potresti utilizzare l’hashtag #vestiticonanna. Anche questa è una strategia utile a costruire una brand awareness, ossia la consapevolezza del tuo marchio da parte del consumatore.

#4 IGTV: video più lunghi per utenti più interessati

instagram igtv

Desideri spingere le tue strategie di marketing su Instagram verso la pubblicazione dei video, ma pensi che questa piattaforma ti consenta di mettere in evidenza video troppo brevi? Non è così: da qualche mese ormai, è nata IGTV, la sezione di Instagram che ti permette di guardare e pubblicare video. La vera novità è che, per la prima volta, si possono visualizzare video mobile-first, strutturati in verticale e non più in orizzontale (come accade, per esempio, su YouTube).

Aprendo un canale su IGTV, avrai la possibilità di pubblicare video lunghi fino a 10 minuti, nei quali trattare differenti tematiche: puoi realizzare un video di presentazione, per far capire ai tuoi follower chi sei e cosa fai; puoi realizzare video tutorial, dispensando consigli nel tuo campo; puoi approfondire argomenti che nei post e nelle storie verrebbero trattati in modo superficiale. Insomma, le possibilità sono moltissime. L’importante è che, comunque, tu mantenga una certa coerenza rispetto al tuo profilo e che renda riconoscibili i tuoi filmati tra i migliaia di video presenti su IGTV.

Come puoi ottenere il massimo per il tuo business dai tuoi profili social?  Segui l'esempio di chi c'è riuscito: scoprilo in questo e-book.

#4+1 Consiglio bonus: la biografia

instagram bio

Esistono tattiche apparentemente banali ma molto importanti per rendere più efficaci le strategie di marketing. Una di queste riguarda la cura e l’attenzione che dev’essere posta nei confronti della biografia, ossia la descrizione aziendale che appare sul profilo. Questa è la prima cosa che un utente nota nel momento in cui entra all’interno del profilo della tua azienda, nonché l’unico spazio in cui è possibile inserire un link cliccabile ed è per questo motivo che è fondamentale valorizzarla.

Quando decidi di aprire un profilo business su Instagram, esegui più test per capire quale tipologia di biografia può risultare più incisiva. C’è chi sceglie di descriversi con una frase, chi con un elenco puntato (magari con delle emojiche creino un impatto visivo maggiore), chi con tre parole chiave separate da virgole o punti: per decidere quale stile fa per te, è necessario che tu capisca quale cattura maggiormente l’attenzione dell’utente. Esegui il test per A, B e C tenendo le biografie per un paio di settimane ciascuna. Durante quei giorni, tieni monitorate le statistiche ed analizza quanti sono i follower che cliccano sul link al sito presente al suo interno. Quasi sicuramente, quella che otterrà più link senza passare dai post, potrà risultare la biografia giusta per la tua azienda.

#4+2 Consiglio bonus: la costanza

strategie di marketing instragram 2-1

La costanza rappresenta un valore fondamentale per chi gestisce un profilo aziendale su Instagram. Pubblicare sempre allo stesso giorno e sempre alla stessa ora permette, infatti, non solo di arricchire la pagina di contenuti, ma anche di creare un appuntamento fisso con il follower, che attenderà con impazienza il nuovo post.

Partiamo dal presupposto che, di norma, vengono pubblicate almeno 2 immagini a settimana, unite ad un paio di stories: meno di così potrebbe essere controproducente, in quanto il follower non avrebbe la possibilità di dare il via ad un processo di memorizzazione del marchio.

Detto ciò, come puoi capire l’orario ed il giorno in cui dovresti pubblicare il tuo post? Per fortuna, Instagram mette a disposizione dei profili aziendali statistiche approfondite: attraverso questo strumento, potrai comprendere qual è il giorno e l’orario di pubblicazione in cui ricevi il maggior numero di visite sul profilo. Ricorda di non basarti su ciò che accade in un’unica settimana, ma di protrarre il tuo test, pubblicando a differenti orari ed in giorni differenti, prima di analizzare fino in fondo qual è la fascia oraria ideale per rendere più visibili i post della tua impresa.

Conclusione

In questo articolo abbiamo visto come strutturare al meglio una strategia di marketing su Instagram, sfruttando tutte le funzioni che mette a disposizione delle aziende. Una comunicazione informale, coerente e semplice rappresenta il punto di partenza della strategia, che prosegue con la pubblicazione di storie, la ricerca di hashtag popolari e la realizzazione di video su IGTV. Non solo. Tra i consiglia bonus elencati nell’articolo abbiamo la cura di una biografia interessante ed attrattiva e la costanza nella pubblicazione, con i relativi test per capire lo stile da utilizzare e la fascia oraria in cui pubblicare.

In sostanza, come abbiamo visto, una strategia efficace sul re dei Social Network per le immagini passa non solo per tattiche specifiche per ogni funzione, come la creazione di una rubrica che offra consigli agli utenti, ma anche dall’analisi costante dei dati. Tutto ciò è possibile solo programmando a monte ogni singola azione da intraprendere.

Sei pronto a pianificare la tua strategia di marketing su Instagram? Non ancora? Nessun problema: Contattami direttamente o Prenota una consulenza per sfruttare tutte le potenzialità di questo Social Network e portare nuovi clienti nella tua azienda!

6 aziende per 6 social - scarica l'ebook

Share This Article

Alessandro Agnoli

Laureato in comunicazione e diplomato in design, Alessandro è il talento artistico di NetStrategy®. Grazie ad un passato trascorso con importanti agenzie di comunicazione e un master in Social Media Marketing, Alessandro ha potuto approfondire le strategie più persuasive per una comunicazione efficace e rivolta al futuro. Esperto comunicatore, Alessandro riesce a coniugare la passione per la scrittura con quella del design formando un binomio vincente all'interno di NetStrategy®.

Leave A Comment