<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=955744661221576&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Vendere su Instagram: ecco tutti i consigli per renderlo possibile

Strategia, tecnica e creatività si fondono insieme quando si desidera vendere su Instagram: non basta, infatti, saper utilizzare la funzionalità Shopping e pubblicare i prodotti per incrementare il numero di potenziali clienti, di vendite e di fatturato. Per sfruttare tutte le potenzialità di un social network che, secondo quanto riportato da hootsuite.com, vanta più di un miliardo di account con l’81% degli utenti che ricerca prodotti e servizi, è necessario differenziarsi. Ma come fare, se le aziende presenti sono innumerevoli e crescono di giorno in giorno? In questa guida ripercorriamo insieme tutto ciò che è necessario fare per far decollare il proprio negozio su Instagram e acquisire nuova visibilità, nuovi follower e nuovi clienti fidelizzati. 

Compila il form
e parla con

Vendere su Instagram: ecco tutti i consigli per renderlo possibile

VendereSuIG_BlogNS

#1 Strategia: nessuna mossa è casuale 

Come accade per le altre strategie di marketing, anche vendere su Instagram presuppone un’analisi approfondita alla base del target di riferimento, del budget a disposizione e del messaggio che s’intende lanciare. Non basta quindi dare il via alla fase tecnica, convertendo il profilo da privato ad aziendale, per potersi dire al sicuro: le mosse casuali sul mercato, prive di una strategia di fondo e di una visione a tutto tondo, sono, nella maggior parte dei casi, destinate al fallimento. Il rischio è quello di investire tempo e denaro in attività che non produrranno fatturato, lasciando che, nel frattempo, aziende concorrenti che hanno strutturato una strategia, acquisiscano sempre maggiori quote di mercato. 

Realizziamo quindi un piano di marketing con il quale andremo ad analizzare la situazione di partenza della nostra azienda e, successivamente, a definire tutti gli step da attivare per rendere la strategia efficace. Di seguito tratteremo le principali tematiche su cui è necessario soffermarci; nel caso tu voglia approfondire l’argomento e strutturare un piano di marketing più ampio, ti invitiamo a seguire la nostra playlist su YouTube. 

 

Analisi del buyer persona 

Vendere su Instagram 10

È necessario in primis conoscere le caratteristiche del pubblico al quale vogliamo vendere i nostri prodotti. Non si tratta di stilare informazioni generiche, bensì di realizzare un vero e proprio prototipo del “cliente tipo” della nostra azienda: ecco che entra in gioco il buyer persona. Approfondiamo quindi le informazioni demografiche, il contesto sociale e geografico in cui vive e/o è cresciuto, il suo status economico, le abitudini d’acquisto: in questo modo, avremo una panoramica chiara del pubblico a cui vogliamo lanciare le nostre comunicazioni. Sulla base di questo, potremo definire il messaggio da lanciare attraverso Instagram. 

Una comunicazione ad hoc 

Vendere su Instagram 11
Vendere su Instagram non è solo tecnica, ma anche creatività, in un’ottica di differenziazione rispetto ai competitor. L'obiettivo è quello di realizzare una brand identity: nel medio e lungo periodo, si creerà un’immagine coordinata dell’azienda, che permetterà agli utenti che ne entrano in contatto di memorizzare il marchio e ricercarlo nel momento in cui desidereranno acquistare prodotti e servizi a esso collegati. 

Grazie all’analisi del buyer persona, è possibile definire a priori quale sarà il messaggio che adotterà la nostra azienda per conquistare l’attenzione del proprio pubblico. In questo contesto rientrano il tone of voice – un tono di voce differenziante, coerente e univoco –, una grafica accattivante e moderna che riprenda la palette aziendale e la comunicazione ad hoc per il buyer persona. 

La definizione del budget 

Vendere su Instagram 12

Definire la strategia senza tenere conto del budget può essere deleterio e condurre inevitabilmente al fallimento dell’investimento. È fondamentale quindi tenere conto fin dal principio di quanto la nostra azienda può investire per vendere su Instagram e costruire una comunicazione attorno a questo canale. Il budget verrà quindi “spalmato” di mese in mese fino alla data di scadenza della strategia – necessaria per non perdere la motivazione strada facendo –, tenendo presente anche il fattore stagionalità: ci saranno periodi in cui sarà necessario potenziare la strategia con un budget maggiore e periodi in cui sarà richiesto il minimo effort. Proviamo a pensare, per esempio, a un’azienda che vende sci, tute da neve e slittini: in inverno, sarà più facile intercettare il bisogno del proprio pubblico; in estate, invece, sarà necessario incrementare le risorse per rendere efficace la strategia. 

Come puoi acquisire nuovi clienti tramite i social network? Scoprilo con una  consulenza.

#2 Tecnica: i requisiti per vendere su Instagram 

Una volta definita la strategia, si passa alla fase più tecnica, necessaria per convertire un comune profilo su Instagram in un profilo che permetta di vendere online 

Da profilo privato a profilo aziendale 

Un profilo business su Instagram ti permette di ottenere maggiori funzionalità per migliorare l’esperienza dell’utente a contatto con il tuo brand e ottimizzare la strategia. Per fare in modo che il tuo profilo possa diventare un vero e proprio e-commerce sulla piattaforma, è prima di tutto necessario convertire il profilo in profilo aziendale 

Come fare? 

  • Entra nel tuo profilo Instagram e seleziona le 3 linee orizzontali in alto a destra; 
  • Clicca sulle impostazioni; 
  • Clicca su account; 
  • Scorri verso il basso e seleziona “passa a un account professionale”; 
  • Vendere su Instagram 1 Salva le impostazioni aggiornate. 

Grazie a questo processo, non solo avremo accesso a una sezione “Shopping”, nella quale potremo inserire i nostri prodotti, ma potremo anche: 

  • Aggiungere informazioni importanti sulla nostra attività (l’indirizzo, l’URL del sito, il numero di telefono e via dicendo); 
  • Avere accesso a dati statistici che ci permettano di comprendere se siamo in linea con gli obiettivi prestabiliti o se dobbiamo ottimizzare la strategia; 
  • Sponsorizzare i nostri post per fare in modo che raggiugano, con il minor budget possibile, il maggior numero di utenti qualificati, in linea con i nostri prodotti e servizi. 

Il collegamento con Business Manager di Facebook 

Una volta reso aziendale il profilo della nostra impresa, diamo il via alla fase di importazione dei prodotti, che saranno quindi visualizzati nella sezione “shop” dell’account. È il modo più veloce per ottenere un vero e proprio negozio online, evitando di dover caricare uno a uno i prodotti.  

Come fare per collegare la pagina Facebook al profilo Instagram?  

  • Accedi al profilo Instagram dell’azienda; 
  • Fai tap su “Modifica il profilo”; 
  • Clicca su “Informazioni aziendali pubbliche” e seleziona “Pagina”; 
  • Ti apparirà l’elenco delle pagine Facebook di cui sei amministratore: seleziona quella che desideri collegare al tuo profilo Instagram. 

Una volta salvate le impostazioni, potrai accedere al Facebook Business Manager e importare i prodotti già presenti nel tuo shop online. Nel caso in cui tu non disponga di un negozio su Facebook, puoi integrare Instagram con i principali CMS per e-commerce, come Shopify o BigCommerce. 

#3 Creatività: il miglior modo per differenziarsi 

Ora che abbiamo impostato sia la strategia che il profilo per vendere su Instagram, non ci resta che dare sfogo alla nostra creatività. L'obiettivo di questo step è duplice: riuscire a raggiungere il maggior numero di utenti e catturare la loro attenzione e il loro interesse a tal punto da convertirli in clienti e, poi, clienti fidelizzati al brand. 

I link in bio: rendi completo il tuo profilo 

Di default, Instagram dà la possibilità di inserire nella biografia del profilo solamente un link. Ciò può risultare limitante, se si desidera dare una panoramica completa del negozio online all’utente che non conosce il marchio o che vuole approfondirne i prodotti. Ecco, quindi, che entrano in gioco alcuni tool che permettono di creare una pagina in cui sono contenuti tutti i link necessari. Un esempio fra tutti? LinkTree 

Vendere su Instagram 2

Grazie a questa pagina “intermedia” tra Instagram e il sito, è possibile indirizzare l’utente alle differenti categorie di prodotti: in questo modo, riuscirà a orientarsi meglio, s’innalzerà la qualità della User Experience a contatto con il brand e verrà invogliato all’acquisto senza perdere ulteriore tempo. 

Ottimizza il tuo store su Instagram e vendi di più 

La percezione del brand da parte dell’utente è una componente fondamentale della trattativa commerciale e della vendita. Il marchio deve ispirare fiducia e professionalità fin da subito, per evitare che l’utente abbandoni il profilo senza aver approfondito le caratteristiche e le qualità del prodotto. Ecco perché è necessario sfruttare tutte le funzionalità di Instagram Shopping per rendere l’e-commerce accattivante e performante. Quali sono gli elementi da considerare? 

  • Immagini. A ogni prodotto abbiniamo più immagini, magari da diverse angolazioni, per mostrarne i dettagli al pubblico. Le fotografie integrate devono essere professionali e inserite in un contesto quotidiano: l’utente potrà così immaginare al meglio la propria vita con quel prodotto. 

Vendere su Instagram 7

  • Raccolte. Utilizza lo strumento “raccolte” per suddividere il tuo shop online in base a: categorie, sottocategorie, temi specifici, prodotti di stagione, nuove collezioni e così via. Per l’utente sarà più facile identificare il proprio bisogno e trovare i prodotti a lui congeniali. 

Vendere su Instagram 8

  • Dettagli. Con la sezione “dettagli” del singolo prodotto puoi approfondirne le caratteristiche e il valore aggiunto, esattamente come faresti nel momento in cui un potenziale cliente varcasse la porta del tuo negozio fisico. Aggiungi anche informazioni sulla spedizione e sulle politiche di reso per realizzare una comunicazione chiara, completa e trasparente. 

Vendere su Instagram 9

 

Gli hashtag: raggiungi nuovi utenti 

Come per ogni post di Instagram, il miglior modo per raggiungere tutti quegli utenti che non conoscono ancora il marchio è utilizzare gli hashtag: le parole evidenziate con un “#” permettono infatti a quanti le ricercano perché interessati di far trovare più facilmente il nostro account, entrando di fatto nel nostro negozio online.  

Cosa fare, dunque? 

  • Creiamo post ad hoc per ogni prodotto inserito su Instagram Shopping; 
  • Tagghiamo il prodotto per fare in modo che chi vede il post possa approfondirne i dettagli nella scheda e-commerce del profilo; 
  • Linkiamo l’URL di riferimento del prodotto; 
  • Nel post, inseriamo fino a 20 hashtag che identifichino il prodotto: evitiamo di utilizzare hashtag troppo generici – difficile trovare spazio in mezzo ad altri account – o troppo di nicchia, che non vengono ricercati. Scegliamo inoltre un hashtag personalizzato con lo slogan della campagna pubblicitaria o dell’azienda: permetterà agli utenti di riconoscere e ricondividere in modo facile il marchio, creando una community affezionata e attiva su Instagram. 

Come puoi acquisire nuovi clienti tramite i social network? Scoprilo con una  consulenza.

Reels, stories e guide: il prodotto è ovunque 

Sono moltissime le funzionalità che Instagram mette a disposizione per fare in modo di offrire maggiore visibilità ai prodotti presenti nella categoria “Shopping” del profilo. Tra queste spiccano i reels, le stories e le guide. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta. 

  • Reels: video dalla durata massima di 15 secondi a cui è possibile integrare audio, testi e, addirittura, effetti visivi in realtà aumentata, esattamente come accade su un’altra piattaforma in voga negli ultimi anni, TikTok; 
  • Stories: simbolo dell’effimero che tanto piace al pubblico dei social network in questi anni, le stories permettono di pubblicare contenuti visualizzabili entro le 24 ore; 
  • Guide: raccolta di contenuti – post e video – che il profilo ha pubblicato in merito a un determinato argomento, con la possibilità di integrare informazioni per creare dei veri e propri percorsi d’istruzione per gli utenti. 

Come integrare tutti questi elementi in una strategia per vendere su Instagram? Di seguito mostriamo qualche esempio derivante da aziende più o meno note. 

Vendere su Instagram 3

Mr Wonderful, azienda spagnola di prodotti di cancelleria, utilizza i reels per presentare, attraverso il suo iconico tone of voice ironico e divertente, le ultime collezioni. 

Vendere su Instagram 4

Per consentire una maggiore interazione al proprio pubblico, nelle sue stories, Asos, azienda di abbigliamento, inserisce la possibilità di scegliere tra 2 prodotti. Un ottimo modo per rendere partecipi gli utenti e per valutare quali capi di abbigliamento attirano maggiormente l’attenzione. 

Vendere su Instagram 5

Red Bull, produttore di bevande energetiche, utilizza le guide per spiegare “i 10 modi per bere una Red Bull”: all’interno, sono presenti i reels di coloro che si affidano a questa bibita per prestazioni migliori nello sport. 

Oltre a queste 3 funzionalità, Instagram dà anche la possibilità di inserire video lunghi e, in genere, più discorsivi: si tratta di IGTV, funzione ideale per poter spiegare nel dettaglio e mostrare al proprio pubblico i prodotti presenti nello store o per offrire un servizio clienti e-commerce all’altezza del brand 

Vendere su Instagram 6

Shein, venditore di articoli di abbigliamento, risponde alle domande relative alla consegna e al ritardo dei pacchi direttamente con un video su IGTV.  

Sponsorizzazione dei post: raggiungi pubblico qualificato 

La sponsorizzazione dei post resta il metodo migliore per raggiungere pubblico qualificato nel più breve tempo possibile: l’obiettivo è quello di acquisire nuovi follower, membri della nostra community, e di conseguenza nuove potenziali vendite. Nel momento in cui decidiamo di vendere su Instagram, quindi, destiniamo una parte del budget a questa importante attività. 

Possiamo scegliere di sponsorizzare i post inerenti ai prodotti del nostro store oppure le storie, nonché il luogo di pubblicazione degli stessi: l’utente potrà visualizzarli scorrendo il feed – la home di Instagram – o tra una storia e l’altra. Per sponsorizzare i nostri contenuti, scegliamo il pubblico di riferimento cercando di essere il più specifici possibile: inseriamo gli interessi, la fascia d’età, il sesso e tutte le caratteristiche che abbiamo delineato nel primo step, quando abbiamo realizzato il nostro buyer persona. Essere specifici è importante per evitare di concentrare budget su un pubblico troppo ampio e, quindi, poco qualificato. 

Una volta definito il pubblico di riferimento, dovremo impostare la pagina di destinazione. Può trattarsi di un link esterno – per esempio, un prodotto presente sul sito – o di un contenuto interno alla nostra pagina Instagram. È fondamentale anche definire l’obiettivo della campagna pubblicitaria: raggiungere nuovi follower? Acquisire nuovi “mi piace” ai post? Ottenere nuove interazioni sulle storie? Vendere un prodotto specifico? Di volta in volta, possiamo selezionare ciò che, in quel momento, risulta prioritario per la nostra attività. Nel caso in cui fossimo in procinto di lanciare un nuovo prodotto sul mercato, sponsorizzare i post si rivelerà utile qualora realizzassimo una campagna pubblicitaria che miri dapprima a creare suspence nel pubblico e, successivamente, all’acquisto. 

Come sponsorizzare i prodotti su Instagram? 

Il processo è molto semplice: condividiamo un post o una storia, premiamo su “metti in evidenza” e seguiamo passo dopo passo tutte le richieste che il social network ci farà. È importante in questi casi ottimizzare costantemente la strategia, andando a colmare le lacune per arrivare al connubio perfetto tra minor budget e massima resa. 

In conclusione... 

Vendere su Instagram oggigiorno può rappresentare un’arma in più per superare la concorrenza, differenziare il brand e raggiungere nuovi potenziali clienti. Come in tutte le attività che hanno questi obiettivi, però, è necessario impostare preventivamente una strategia, per evitare di sprecare tempo e denaro in azioni che non porteranno risultati sul fatturato; successivamente, si potrà procedere con una fase tecnica di importazione dei prodotti e con la fase operativa, quella che dovrà mettere la creatività al centro di tutto. Conoscere tutte le funzionalità che Instagram mette a disposizione delle aziende risulta quantomai essenziale per poterle sfruttare efficacemente, costruendo la brand identity e migliorando la percezione del marchio da parte del pubblico. 

Desideri impostare la tua strategia per vendere su Instagram e acquisire così nuovi clienti? Se non ti senti ancora pronto ad affrontare tutto da solo, non ti preoccupare! Siamo qui per questo! Clicca qui e parliamo di come far crescere il tuo  progetto.

New call-to-action

Condividi questo articolo

Giada Ruggero

Social Media Manager - Immersa nel mondo dei social media da mattina a sera, Giada ha alle spalle una laurea magistrale in Innovation & Marketing all'università Ca' Foscari e una specializzazione in Web Marketing & Digital Communication. Il suo amore per il social media marketing è pari solo a quello per il caffè e, a colpi di post su Facebook e storie su Instagram, Giada è diventata l’asso nella manica di NetStrategy nell’ambito social.

Non accontentarti di essere uno tra tanti:
comincia da qui la tua strada verso il successo!

Gardenstone: 1118 nuovi contatti dal sito in un solo anno di strategia

Gardenstone: 1118 nuovi contatti dal sito in un solo anno di strategia

Leggi il caso studio
Cicalia: da 0 a 300.000 visite al mese in soli 3 anni!

Cicalia: da 0 a 300.000 visite al mese in soli 3 anni!

Leggi il caso studio
L’Arena: +255% di visite organiche post audit SEO avanzata

L’Arena: +255% di visite organiche post audit SEO avanzata

Leggi il caso studio