Successi - Bevande a Domicilio

Bevande a Domicilio: +400% di visite organiche con una strategia a lungo termine

Come incrementare le vendite puntando sui valori positivi che un marchio riesce a suscitare nel cliente grazie alla brand awareness?

Abbiamo realizzato una strategia di comunicazione che avesse come focus quello di posizionare correttamente il brand, oltre a svolgere un ruolo di consulenza in cui abbiamo analizzato costantemente le performance delle attività per adeguarle di volta in volta.

Risultati complessivi

+0%

visite organiche

+0

nuovi utenti

+0

visite totali

Chi è Bevande a Domicilio

Originariamente l’azienda portava il nome di Asolvini, e si occupava di consegne a domicilio e ambulantato di acqua, vino e qualsiasi altro genere di bevanda. Verso la metà degli anni 2000 però cambia qualcosa: nasce il nome Bevande a Domicilio e con esso la voglia di provare qualcosa di nuovo. Questa “voglia di novità” si concretizza nel progetto eCommerce, che vede la luce nel 2014.

Gli obiettivi di progetto

La situazione prima dell'intervento di NetStrategy

Oggi, la home parla di Bevande a Domicilio in un modo completamente nuovo

Interventi sostanziali sotto tutti i punti di vista

Come prima attività, il team di NetStrategy si è occupato di risolvere i problemi di canonicalizzazione: il rel=canonical è un elemento HTML che viene attribuito ad una specifica pagina, scelta dal SEO specialist o dal proprietario del sito. Questo comando elegge la pagina a principale e mette Google nella posizione di trovare le informazioni che cerca solo su quella pagina, lasciando perdere le copie.

Spesso le descrizioni presenti in ogni pagina prodotto che espongono le caratteristiche principali degli articoli in vendita, vengono copiate dal sito originale del produttore. In quel caso, Google terrà molto più in considerazione il sito che ha pubblicato per la prima volta il contenuto (sito della casa madre). Quindi, abbiamo provveduto a rivedere tutte le descrizioni rendendole originali, evitando l’insorgere di problemi di contenuti duplicati testuali.

Un sito con molti errori 404 è un sito che non funziona a dovere, e ciò non lo pensa solo l’utente che si vede presentare una pagina vuota e incompleta, ma anche e soprattutto il motore di ricerca. Ergo: penalizzazione. Abbiamo quindi provveduto ad impostare il comando 301 sulle pagine che davano errore 404. Grazie a questo redirect 301 abbiamo potuto direzionare l’utente verso una pagina simile al prodotto ricercato o verso la homepage del sito.

Per rendere il sito davvero performante e farlo brillare davanti agli occhi di Google è stato necessario implementare ogni sua categoria e pagina con parole chiave scelte ad hoc, studiando le parole chiave relative al settore di riferimento, attraverso analisi di mercato e dei competitor online.

Bevande a Domicilio incrementa la sua brand awareness: SEM

L’attività di sponsorizzazione delle varie pagine del sito inizia con lo studio di quale pagina possa essere più incline all’apporto di traffico al sito. Una volta analizzata l’efficacia di ogni singola pagina è stato possibile creare varie campagne con un focus mirato, grazie anche allo studio del mercato di inserimento dell’eCommerce e della validità delle parole chiave.

La strategia di SEM è fondamentale per qualsiasi tipo di azienda di beni o agenzia che offre servizi: dà un’immediata visibilità, traghetta velocemente utenti al sito, in particolare alle pagine sponsorizzate, fa aumentare la brand awareness e lavora a stretto contatto con la SEO. Le due strategie di SEO e SEM infatti sono molto diverse tra loro ma vanno di pari passo. La prima lavora sulla struttura del sito e sulla percezione che Google ha di esso grazie ad un lavoro costante e continuo in background. La SEM mette l’azienda davanti ai riflettori e le dà la notorietà necessaria per aumentare la percezione che l’utenza ha nei suoi confronti, rispondendo velocemente al bisogno manifestato dall’utente attraverso la sua ricerca.

Esempio di annuncio
sponsorizzato

Come creare contenuti ben confezionati e utili per l’utente target?

Abbiamo introdotto Bevande a Domicilio nel mondo dell’Inbound Marketing e abbiamo detto loro come gestire in maniera efficace il blog.

Dietro ogni articolo è essenziale cercare e analizzare le parole chiave per le quali posizionarlo e vi è la ricerca e analisi dei bisogni dei clienti. È fondamentale la produzione di un contenuto utile e istruttivo, nonché in grado di fidelizzare la clientela.

Come poter gestire al meglio l’Inbound Marketing?

  • Creando il contenuto giusto: ovvero quello di cui effettivamente il cliente ha bisogno. Bisogna capire le necessità dell’utente e confezionare il perfetto contenuto per lui.
  • Promuovendo il contenuto nel posto giusto: l’utente troverà l’articolo solo se questi è capillarmente presente nei luoghi da lui frequentati. Per questo è fondamentale non solo posizionare il contenuto su Google in maniera ottimale, ma anche farlo apparire sui social più seguiti dall’utente target dell’azienda.
  • Rendendo fruibile il contenuto nel momento giusto: l’utente, quando ricerca una cosa specifica, spesso è pronto anche ad acquistarla. La tempestività, a questo punto, è fondamentale: il contenuto deve essere visualizzato il prima possibile così da portare l’utente a diventare lead e poi cliente.

L’azienda aiuta il potenziale cliente prodigandosi in suggerimenti e consigli pratici: in maniera totalmente gratuita, l’azienda offre all’utente guide su misura, infografiche, video esplicativi, consigli e avvertimenti. L’utente si sentirà seguito e tenuto in considerazione. 

Ciò porta ad un aumento della percezione positiva nei confronti dell’azienda e alla creazione di un primo rapporto di fiducia. Dalla fiducia nel brand al primo acquisto il passo è breve.

Porta la tua azienda al successo con NetStrategy