<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=955744661221576&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">
Il 20 marzo, 2019

Nonostante sia un termine ormai utilizzato anche nella quotidianità, attorno al mondo del marketing continua a ruotare molta confusione, anche da parte di chi è consapevole della sua importanza per il business. Non sono pochi, infatti, coloro che si avvicinano alla nostra attività definendola semplicemente “pubblicità”, un termine che ne rappresenta in realtà solo una minima parte. Proprio a causa di tutta questa confusione, è molto difficile conoscere esattamente ciò di cui si occupa un’agenzia di marketing e in che modo può incidere positivamente sul fatturato aziendale. In questo articolo vediamo, dunque, cos’è e cosa fa un’agenzia di marketing e quando è il momento di affidarsi ad essa.

agenzia di marketing

Cos’è un’agenzia di marketing?

agenzia di marketing

Per poter rispondere in modo preciso a questa domanda, è necessario prima addentrarsi nella conoscenza del marketing, una disciplina che al giorno d’oggi attira sempre più interesse. In questo senso, possiamo riprendere l’etimologia originaria del termine “marketing”, che rappresenta il gerundio del verbo inglese “to market”. Una possibile definizione è presto detta: il marketing è un processo di scambi che avviene all’interno del mercato.

Già l’utilizzo della terminologia “processo” ci porta ad intuire che questa disciplina non comprende una sola attività, ma molteplici: tutto dipende da una strategia di fondo, che viene descritta nel piano di marketing e che, per l’appunto, comprende azioni strategiche per il raggiungimento di obiettivi prefissati.

In virtù di ciò che abbiamo detto finora, possiamo dire che il marketing si compone principalmente dello studio di una strategia che ruota attorno a 4 elementi, le cosiddette “4P”:

  • Product. Si studia il prodotto offerto in tutte le sue caratteristiche: varietà, qualità, design, possibilità di resa;
  • Price. Si studia il prezzo migliore per massimizzare il guadagno della vendita;
  • Placement. Si studia la zona in cui è collocata l’impresa e quindi le possibilità di raggiungere nuovi canali, una maggiore copertura, un punto logistico e di distribuzione specifico;
  • Promotion. È qui che entra il concetto di advertising (“pubblicità”), il modo con cui è possibile mettere in evidenza, ossia far conoscere al consumatore finale, l’azienda e i prodotti e servizi offerti.

Come puoi notare, la pubblicità rientra solamente in uno dei 4 principali aspetti che caratterizzano il marketing. È per questo che il marketing non è pubblicità e che confondere i 2 termini potrebbe indurre in errore e distorcere la realtà rispetto a ciò che è e fa un’agenzia di marketing. Detto ciò, possiamo sostenere che lo scopo del marketing sia quello di condurre un’azienda dall’idea del prodotto verso il cliente finale, realizzando azioni strategiche che permettano di ottimizzare ogni singolo aspetto aziendale (prodotto, prezzo, locazione e promozione).

Da tutto ciò che abbiamo detto finora possiamo intuire la sostanziale differenza tra ciò che fa un’agenzia di marketing e ciò che, invece, fa un’agenzia di pubblicità. In quest’ultimo caso, l’attività si occuperà unicamente della promozione: il prodotto già esiste, è già collocato e ha già un proprio prezzo e non resta che farlo conoscere al consumatore finale, mostrandogli le sue caratteristiche e il suo valore aggiunto. D’altro canto, un’agenzia di marketing tiene in considerazione tutti e 4 gli aspetti e il suo obiettivo è quello di analizzarli, monitorarli, modificarli e perfezionarli per raggiungere una massimizzazione del guadagno complessivo.

Vuoi progettare nuove strategie di marketing per far crescere la tua azienda  nel 2019-2020?Parla con Letizia

Cosa fa un’agenzia di marketing?

agenzia marketing

Ok, tutto bellissimo ciò che abbiamo detto finora, ma nella pratica, ossia nella vita di tutti i giorni, cosa fa un’agenzia di marketing? Come trascorrono le giornate coloro che lavorano al suo interno? Prima di tutto, un’agenzia che si occupa di marketing ascolta le esigenze e le caratteristiche della tua azienda e le immagazzina, nell’ottica di comprendere al meglio il mercato in cui sei inserito e di pianificare le azioni strategiche in questo senso. La consulenza risulta per questo motivo una delle attività imprescindibili per un’agenzia di marketing, che attraverso un colloquio mirato entra appieno nella realtà aziendale e nel settore di appartenenza del proprio cliente.

Facciamo un esempio concreto sull'importanza della consulenza. Un’impresa vuole ottenere un posizionamento elevato sui motori di ricerca (Google, Bing,...) nel più breve tempo possibile, per poter vendere un prodotto. Solamente conoscendo tutti questi dati preliminari, e quindi l’obiettivo (ottenere ranking), le tempistiche (in breve tempo) e ciò che si vuole vendere (un prodotto specifico) sarà possibile proporre una strategia di SEM. Questa, infatti, prevede la realizzazione di annunci a pagamento che raggiungano entro pochi giorni la #1 posizione sui motori di ricerca. Se ci si fermasse unicamente all’obiettivo, sarebbe facile cadere nell’errore di offrire una strategia alternativa, per esempio la SEO, che permette sì di raggiungere le prime posizioni, ma impiega decisamente più tempo per farlo. Senza conoscere approfonditamente il contesto di un’azienda cliente, sarebbe davvero difficile optare per la giusta azione strategica e, di conseguenza, raggiungere gli obiettivi prefissati nei tempi prestabiliti.

Dopo aver pianificato la strategia, si mette in moto un meccanismo interno composto da diverse figure, a seconda delle azioni tattiche da applicare. È per questo che potremo rivolgerci ad un grafico, che si occupa della realizzazione di volantini e locandine da mettere in mostra alle fiere o agli eventi, oppure di un copywriter, che scriva i testi per il nostro sito aziendale. Oppure, ancora, possiamo affidarci ad un responsabile dei media, che mandi i comunicati stampa ai giornali, alle riviste e alle radio, o ad un web developer, uno sviluppatore di siti per imprimere una presenza solida sul web. Come puoi notare, dietro ad un’agenzia di marketing c’è davvero un mondo, figure che lavorano quotidianamente per far crescere la tua azienda.

Per comprendere al meglio come opera un’agenzia di marketing è, comunque, necessario distinguere tra 2 diversi canali: online e offline. Vediamoli nel dettaglio.

Agenzia di marketing offline

agenzia di marketing offline

Come indica il nome stesso, il marketing offline fa riferimento a tutte quelle strategie che si sviluppano sui canali offline, ossia tradizionali, che non fanno uso di tecnologie digitali (giornali, televisione, radio, fiere e manifestazioni, volantini,...). Per esempio, parliamo della creazione di uno spot pubblicitario in prima serata su Canale 5, che verrà visionato da milioni di utenti. L’obiettivo principale del marketing offline, infatti, è quello di lanciare un messaggio ad un pubblico ampio ed eterogeneo, andando a colpire il consumatore che in quel momento sente l’esigenza di un prodotto o servizio legato al nostro core business.  

Un’agenzia di marketing offline potrà dunque essere costituita dalle seguenti figure principali:

  • Grafico pubblicitario, che crei la grafica di brochure, volantini, cartelloni;
  • Fotografo professionista;
  • Copywriting, per la scrittura dei testi;
  • Ufficio stampa, per intraprendere relazioni durature con i mass media.

Analizzando le figure sopracitate, si arriva ad uno dei principali aspetti che caratterizzano il marketing offline: il messaggio e l’immagine assumono un ruolo da protagonisti nella promozione di un prodotto o un servizio. È l’impatto visivo che dà un volantino, uno stand alla fiera, una brochure a fare la vera differenza. D’altro canto, però, il rischio che l’azienda venga identificata unicamente con il prodotto e il servizio promosso è particolarmente elevato: difficilmente, infatti, uno spot alla radio o alla televisione fa riferimento al business; è più facile che si riferisca ad un prodotto o un servizio specifico offerto (un detergente per pulire la cucina, uno shampoo antiforfora, croccantini di qualità per il gatto). In questo modo, quindi, l'azienda non viene più identificata con i propri valori, bensì con i propri prodotti, un elemento che può talvolta risultare controproducente per costruire una propria immagine aziendale.

Desideri approfondire l’argomento? Consulta la nostra guida “Strategie di marketing offline: quali sono e quali adottare?”.

Agenzia di marketing online

agenzia di marketing online

Ben più recente rispetto al marketing offline, quello online comprende tutte quelle strategie di marketing che si sviluppano sul web. Normalmente, il fulcro della strategia è il sito aziendale, che deve rappresentare non solo i prodotti e i servizi, ma anche i valori su cui si fonda l’azienda e darne un’immagine coerente rispetto al modo in cui viene vista dall’esterno. Per citare un esempio, sarebbe impensabile realizzare il sito di Mc Donald’s senza metterne in evidenza in logo e lo slogan che contraddistinguono la nota catena di fast food, quella M arrotondata in giallo che spicca sul rosso e quel famosissimo “I’m lovin’ it”. Possiamo sostenere quindi che l’obiettivo di un’agenzia di marketing online è quello di mettere in evidenza tutte le caratteristiche dell’azienda su internet, lanciando un messaggio che può essere visto h24 e che colpisce non più la totalità dei consumatori, bensì un utente qualificato. E “qualificato” significa che rientra tra le caratteristiche del Buyer Persona, ossia del target di riferimento aziendale.

Tra le figure che compongono un’agenzia web possiamo trovare:

  • Web designer, ossia colui che crea la grafica per il sito;
  • Copywriter SEO, che scrive i testi e gli articoli per il sito, che rispettino i “requisiti” richiesti dai motori di ricerca per ottenere la #1 posizione;
  • Web developer, che sviluppa a livello tecnico e di programmazione il sito;
  • Social Media Manager, che realizza una strategia incentrata attorno ai Social Network.

Grazie ad una serie di strategie di web marketing sarà possibile farsi trovare nel momento esatto in cui il consumatore cerca qualcosa di correlato al proprio core business, senza colpire nel mucchio (come accade nel marketing offline). Per citare un esempio, posizionandoci su Google per la parola chiave “maglietta rossa”, potremo accontentare il desiderio dell’utente che ha ricercato proprio quel termine e che, quindi, sta manifestando l’esigenza di acquistare una maglietta rossa. In questo modo l’intero processo sarà meno invasivo e non interromperà l’azione che lui sta già svolgendo, ma, anzi, risponderà ad una domanda e ad una necessità da lui manifestate.

Vuoi progettare nuove strategie di marketing per far crescere la tua azienda  nel 2019-2020?Parla con Letizia

Quando hai davvero bisogno di un’agenzia di marketing?

agenzia di marketing

In generale, ogni azienda che desidera accrescere la propria visibilità e, di conseguenza, il proprio fatturato dovrebbe affidarsi ad un’agenzia di marketing. Anche chi già possiede un proprio reparto marketing, potrebbe trarre valore da chi possiede spiccate conoscenze a riguardo e vede la situazione aziendale dall’esterno. Tuttavia, esistono alcuni casi in cui avere come partner un’agenzia di marketing può rivelarsi una vera e propria svolta. Analizziamoli in questo elenco:

  • Quando l’azienda è in fase di apertura. L’obiettivo di chi si mette sul mercato è quello di avere un ritorno nell’investimento (ROI) il prima possibile: aprire un’attività da zero, senza prima promuoverla adeguatamente, potrebbe portare risultati in termini di fatturato in un futuro troppo lontano per mantenere in piedi l’impresa. In questo senso, affidarsi con largo anticipo ad un’agenzia di marketing che provveda a realizzare, con il budget a disposizione, una strategia a tutto tondo rappresenta sempre un'ottima soluzione. Per esempio, realizzare una pagina sui Social Network e sponsorizzare i post per attivare una campagna di acquisizione like pone l’azienda in evidenza all’interno della piattaforma, creando un senso di attesa ed impazienza nel consumatore. Nel momento in cui l’azienda aprirà ufficialmente, avrà già un proprio pubblico e sarà più facile raggiungere le vendite. 
  • Quando l’azienda sta perdendo terreno. Purtroppo, nessun imprenditore è esente dal vivere una crisi, che può essere dovuta all’entrata sul mercato di nuovi competitor o alla perdita di importanti clienti. È in questi casi che, prima di scoraggiarsi, è bene alzare la testa ed innovarsi: aprire un sito internet, partecipare ad un maggior numero di fiere, dare il via a nuove strategie di marketing può rappresentare la soluzione deale per raggiungere nuovi potenziali clienti, anche da canali mai sfruttati in precedenza. Inoltre, un gruppo di professionisti che analizzi la situazione aziendale dall’esterno – e quindi da una prospettiva diversa rispetto a quella dell’imprenditore – la situazione aziendale, può essere utile anche per capire dove si ha sbagliato in passato e in che modo rimediare. 
  • Quando l’azienda vuole aumentare la propria brand reputation. Uno degli obiettivi più difficili da raggiungere per un imprenditore è quello di migliorare l’immagine della propria azienda: non è facile, infatti, dare il via ad una serie di azioni volte a dare visibilità al marchio, a renderlo appeal e riconoscibile tra le migliaia di brand presenti sul mercato. Un’agenzia di marketing opera proprio per raggiungere questo traguardo: attraverso una serie di tattiche online e offline sarà possibile risultare più professionali agli occhi del consumatore. Proviamo a pensare, infatti, di aver realizzato autonomamente un sito aziendale, che però si rivela assolutamente poco efficace, in quanto la grafica non è accattivante e non mette in evidenza il valore aggiunto dell’impresa. Avere al proprio fianco un’agenzia di marketing che compia un restyling completo del sito, affinché non solo la grafica ma anche i contenuti spingano il visitatore a conoscere meglio l’azienda, risulta in questi casi necessario.

Conclusione

In questo articolo abbiamo visto cos’è, cosa fa e quando è necessario affidarsi ad un’agenzia di marketing. Si tratta di un gruppo di professionisti che, attivi in diversi ambiti settoriali e su diversi canali, permettono ad un’azienda di proporre sempre il prodotto e il servizio migliore e di ottenere visibilità. Ciò è possibile attraverso l’analisi dell’impresa, delle sue caratteristiche e delle sue esigenze e la realizzazione di un piano di marketing, che definisca budget, obiettivi e la strategia.

Nel corso dell’articolo abbiamo visto anche quando è strettamente necessario affidarsi ad un’agenzia di marketing: nei momenti più delicati per un’azienda (nuova apertura, perdita di clienti o esigenza di espandere la conoscenza del marchio) può diventare un valido supporto verso il successo.

Desideri conoscere da vicino la realtà di NetStrategy, approfondendo i nostri servizi? Siamo qui per questo! Clicca qui e parliamo di come far crescere il tuo  progetto.

New call-to-action

 

Condividi questo articolo

Letizia Poltronieri

Copywriter & Content Creator - Mossa da una grande passione per la scrittura, Letizia si è laureata in Lingue e Culture per l’Editoria all’Università di Verona, accrescendo le sue conoscenze nell’ambito della comunicazione anche in diverse lingue straniere. Con una buona conoscenza di inglese e tedesco (e molto altro), fin da giovanissima ha fatto esperienza nel campo del giornalismo e dell’editoria. Letizia ama viaggiare tanto tra le parole quanto per l’Italia e oggi, per NetStrategy, si occupa della gestione del reparto di Content Marketing.

Lascia un commento