<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=955744661221576&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">
Il 7 agosto, 2018

Prima o poi arriva il momento per tutte le aziende di prendere in considerazione nuovi metodi di fare marketing: alcuni imprenditori notano che i tradizionali metodi di marketing offline non sono più efficaci come in passato; altri vogliono semplicemente implementare il proprio business anche nell’online. In entrambi i casi entra in gioco il marketing online, che si compone di diverse strategie: scopriamole insieme!

marketing online 2

Cos’è il marketing online?

marketing onlineIl marketing online, definito anche digital o web marketing, è un insieme di strumenti, tecniche e metodi di marketing definiti “non convenzionali”, utilizzati per promuovere il brand e i prodotti di un’azienda su Internet. Da quando il mondo digitale è entrato nelle case del consumatore, le varie imprese hanno cercato sempre più spesso di incrementare la propria presenza online: attraverso strategie di web marketing studiate e approfondite, le aziende – anche quelle molto attive nell’offline – hanno potuto constatare una crescita del business e del brand. Il centro del marketing online è il sito aziendale, il luogo dove vengono “accolti” i visitatori e dove si instaura il rapporto con loro, fino a farli divenire potenziali clienti e poi clienti.

Le differenze tra marketing offline e marketing online sono molteplici. In questo momento ci soffermeremo su una in particolare: i metodi tradizionali di marketing – che vengono definiti “offline”, in quanto nulla hanno a che fare con Internet – si rivolgono ad un vasto bacino d’utenza. Vengono distribuiti volantini e brochure; si realizzano spot pubblicitari alla radio o in televisione; vengono create campagne pubblicitarie via posta. Tutto questo colpisce un pubblico ampio, non specifico: l’obiettivo è quello di lanciare un messaggio, riuscendo a colpire i pochi o tanti che in quel momento sentono il bisogno di acquistare quel determinato prodotto. Facciamo un esempio: in questi giorni, all’interno dei programmi più guardati, si sta diffondendo lo spot pubblicitario di Iliad, compagnia telefonica francese low cost che, come spiegato nel nostro articolo “Iliad riaccende la guerra tra le compagnie telefoniche”, propone un’offerta all inclusive a meno di 7 euro al mese. Proprio nelle ultime settimane, Vodafone ha deciso di rincarare le proprie promozioni di 2 euro al mese. Ebbene, è probabile che alcuni di coloro che finora sono sempre stati fedeli a Vodafone non accettino il rincaro e, vedendo la pubblicità di Iliad, decidano di scoprirne di più.

Il marketing online, da questo punto di vista, è differente: si rivolge ad un pubblico ben definito, già “caldo”, che sente il bisogno di un prodotto o di un servizio dell’azienda in quell’esatto momento. Tutto nasce, di norma, dall’analisi di quelle parole chiave che possano realmente essere accostate alla tua attività: se gestisci un’azienda immobiliare, un utente può digitare su Google “cerco casa” o ricevere i tuoi annunci su Facebook se ha dimostrato interesse in questo ambito. In questo modo puoi attirare sul tuo sito solo utenti qualificati, a cui tu puoi realmente soddisfare le necessità di quell’esatto momento. In tutto questo processo hai delle metriche precise a disposizione per misurare i risultati effettivi delle tue campagne e puoi modificarle in ogni istante; ben più difficile è il caso del marketing tradizionale: come faresti, infatti, a conoscere il numero esatto degli utenti che hanno letto il tuo volantino o che hanno guardato il tuo spot pubblicitario su Mediaset e, eventualmente, a correggere queste campagne?

Proprio per tutto ciò che abbiamo appena detto, le aziende che sono particolarmente attive nei metodi di marketing tradizionali potrebbero integrarli con tecniche di web marketing: essere presenti sia nel mondo reale che in quello digitale potrebbe rappresentare la scelta vincente per ottenere una crescita del business e comunicare al meglio la propria immagine aziendale.

Il marketing online, come abbiamo già detto, è composto da diverse tecniche ed attività. Vediamole nel dettaglio!

Le varie strategie del marketing online:

#1 SEM, Search Engine Marketing

Una delle attività principali del marketing online è il SEM, acronimo che sta per Search Engine Marketing. Di che cosa si tratta? Questa strategia di web marketing ti permette di pagare i motori di ricerca (Google, Yahoo!, Bing e tutti gli altri), affinché inseriscano i tuoi annunci tra le prime posizioni della pagina dei risultati. Non è di certo facile comprendere di cosa si tratta, quindi procediamo subito con un esempio.

Poniamo il caso che tu stia cercando una casa a Verona e decida di affidarti ad Internet per trovare un’agenzia immobiliare nella zona. Digiti “cerco casa Verona” su Google. Ecco quali sono i risultati:

Cerco casa marketing online

Come puoi notare, 2 sono i tipi di risultati che appaiono: alcuni hanno la scritta “ANN” di fianco, altri no. Qual è la differenza? I primi sono annunci a pagamento e rientrano nella strategia di SEM: idealista.it ha pagato Google per essere posizionato come primo risultato per la parola chiave “cerco casa Verona”; i secondi risultati, quelli senza la scritta “ANN” di fianco, sono riusciti ad ottenere un buon posizionamento all’interno del motore di ricerca attraverso altre strategie di cui parleremo in seguito.

Qual è il vantaggio del SEM? Per spiegarlo al meglio, ti propongo un’altra domanda: quante volte, cercando una determinata parola chiave su Google, sei andato oltre la prima pagina? Immagino molto raramente. Ecco, il SEM è una strategia di marketing online con obiettivi a breve termine che ti aiuta a raggiungere non solo la prima pagina, ma anche i primi risultati. In questo modo, la tua azienda raggiungerà massima visibilità e riuscirai con facilità ad aumentare il numero di visitatori del tuo sito, che potranno poi essere trasformati in potenziali clienti e, addirittura, clienti.

Fai crescere la tua azienda con il marketing online. Scopri come con  NetStrategy!

#2 SEO, Search Engine Optimization

Oltre al SEM, che è una delle strategie principali del marketing online, ne esiste un’altra molto importante, con lo stesso obiettivo di essere presente all’interno dei motori di ricerca: stiamo parlando della SEO, acronimo che sta per Search Engine Optimization. In pratica, ora ci concentriamo sull’altro tipo di risultati presenti alla ricerca di “cerco casa Verona”: quelli senza la scritta “ANN” di fianco.

seo marketing onlineCos’è la SEO? Si tratta di un processo che racchiude diverse strategie on-site e off-site e che ha lo scopo di far ottenere un posizionamento elevato al tuo sito sui motori di ricerca, questa volta senza doverli pagare. Ti sembra impossibile? Non lo è. Indicizzando il sito della tua attività riuscirai a renderlo visibile agli occhi di Google e co. Successivamente, potrai intraprendere ulteriori strade per ottimizzarlo e, quindi, far capire ai motori di ricerca di cosa parlano i tuoi contenuti e far loro ottenere un posizionamento elevato per diverse e specifiche parole chiave. Per esempio, se vendi divani e poltrone, potrai posizionarti per queste keyword: in questo modo sarai sicuro che sul tuo sito entreranno solo coloro che, in quel momento, hanno cercato o divani o poltrone e che hanno bisogno dei tuoi prodotti.

Ma allora, qual è la differenza tra SEO e SEM? Innanzitutto, la SEO prevede obiettivi a medio-lungo termine: è impensabile che, ottimizzando il tuo sito, dopo un paio di giorni tu sia già tra le prime posizioni. Oltretutto i contenuti devono essere aggiornati periodicamente per rispondere costantemente alle esigenze dell’utente. Lo scopo principale di Google è, infatti, quello di offrire i migliori risultati a chi ricerca e il tuo obiettivo dev’essere quello di riuscire a rientrare in questa categoria. Inoltre, la SEO non prevede costi aggiuntivi rispetto alla realizzazione del sito. Diverso è il discorso del SEM, che è una strategia che offre risultati immediati che presenta, però, dei costi.

Per fare un esempio a portata di mano, sia la SEO che il SEM conducono alla stessa meta: quella di ottenere visibilità e visite sul sito tramite i motori di ricerca. Per arrivare a questa destinazione, però, compiono 2 tragitti diversi: il SEM prende l’autostrada, che è comoda, impiega meno tempo, ma prevede il pagamento del pedaggio. La SEO percorre le stradine interne, che sono più lunghe e complicate, ma che non prevedono alcun pagamento.

Ricorda, infine, che l’effetto del SEM si esaurisce non appena l’annuncio viene tolto; quello della SEO perdura nel tempo: una volta ottimizzato il sito, avrai sempre un tuo posizionamento. Potrai perdere posizioni se non lo tieni aggiornato, ma l’effetto della SEO durerà tanto a lungo da concederti i migliori risultati.

#3 Social Media Marketing

Le strategie che rientrano sotto il cappello del marketing online non si concludono con i soli SEM e SEO, ma vanno oltre. A questo proposito, negli ultimi anni il Social Media Marketing ha subìto un’impennata incredibile, diventando una delle attività di web marketing più sfruttata dalle piccole e grandi aziende.

Cos’è il Social Media Marketing? Si tratta di una strategia che, come chiarisce il nome stesso, sfrutta le enormi potenzialità dei Social Network (Facebook, LinkedIn, Twitter e tutti gli altri) per portare visite al sito aziendale e per far conoscere maggiormente il proprio brand. Insomma, si tratta di un modo per poter raggiungere in breve tempo nuovi potenziali clienti da convertire in clienti.

social media marketing marketing onlineCome per i risultati su Google, anche all’interno dei Social Network esistono i più comuni post e gli annunci sponsorizzati. I primi sono quelli che puoi realizzare anche tu, all’interno del tuo profilo utente, in modo semplice e gratuito. Gli annunci sponsorizzati, invece, funzionano in modo simile al SEM, solo che in questo caso paghi Facebook e non Google; questo tipo di annuncio si può targetizzare e, di norma, viene presentato solo a coloro che hanno mostrato un interesse specifico in prodotti o aziende simili. Per esempio, io ho messo “mi piace” e condiviso un post di Alfa Romeo e, da qualche giorno a questa parte, mi trovo di fronte agli annunci sponsorizzati di Volkswagen: è come se Facebook avesse capito che sto cercando un’automobile e mi stesse proponendo diversi annunci a riguardo.

Qual è il vantaggio del Social Media Marketing per la tua azienda? Il punto principale è che puoi sfruttare canali che vengono utilizzati da più di un miliardo di utenti: solo Facebook vanta la bellezza di 1,4 miliardi di profili attivi ogni giorno. Inoltre, puoi scegliere tu stesso il Social Network che fa al caso tuo e che può, più di ogni altro, risultare efficace per la tua attività: se possiedi un’agenzia di viaggi, sarà più bello postare le immagini su Instagram, stuzzicando la voglia di vacanze nell’utente; se, invece, sei un’agenzia di assicurazioni sarà più opportuno un profilo professionale su LinkedIn.

#4 Remarketing

Finora, con le strategie di SEM, SEO e Social Media Marketing, abbiamo parlato principalmente di attività volte a portare nuovi utenti all’interno del tuo sito. Ora andiamo un po’ controcorrente, parlando di remarketing: perché non riportare all’ovile vecchi visitatori? Ossia: perché non ripescare coloro che sono già entrati nel tuo sito – e sanno già che la tua azienda esiste –, che per qualsiasi motivo sono usciti, incuriosendoli per farli rientrare?

remarketing marketing onlineQualche settimana fa, per sopperire al caldo torrido dell’estate padana, ho cercato su Internet una piscina da mettere in giardino, dove rinfrescarmi dopo il lavoro e nel weekend. Per svariati motivi alla fine ho deciso di rimandare l’acquisto. Da allora, sui diversi siti che apro, mi ritrovo annunci relativi a piscine. Questa è una chiara strategia di remarketing: di cosa si tratta e perché potrebbe divenire utile alla tua strategia di marketing online? Il remarketing è una funzione del web marketing che consente di personalizzare una campagna di banner pubblicitari su Internet – ossia, quegli annunci che ti appaiono nei diversi siti – per renderli appetibili a coloro che hanno già visitato il tuo sito. Il tutto avviene per mezzo dei cookie, che registrano i movimenti di un utente all’interno del sito, lo memorizzano e sono in grado di presentargli i tuoi banner pubblicitari. Grazie al remarketing, puoi mostrare offerte e promozioni esclusive a tutti coloro che hanno già familiarità con la tua azienda e che necessitano unicamente di una piccola spinta per ritornare da te.

Quali sono i vantaggi del remarketing? Tra i principali, porta all’aumento del tasso di conversione. Di cosa si tratta? Il tasso di conversione è un numero in percentuale che indica il rapporto tra coloro che entrano nel tuo sito e coloro che compilano il form di contatto perché sono interessati a mettersi in contatto con te: il remarketing pesca visitatori che già ti conoscono e si trovano ad uno stadio più avanzato rispetto a coloro che entrano per la prima volta nel tuo sito e non sanno chi sei e cosa fai. Per questo hai maggiori possibilità di raggiungere nuovi conversioni. Inoltre, il remarketing agisce anche nell’ottica di costruire una brand awareness: l’utente è in grado di riconoscere il tuo marchio attraverso i banner pubblicitari e diviene “consapevole” del nome dell’azienda, del suo logo, dei suoi prodotti e servizi.

Fai crescere la tua azienda con il marketing online. Scopri come con  NetStrategy!

#5 Email marketing

email marketing marketing onlineOltre al remarketing, esiste un altro modo, all’interno del marketing online, per far tornare un utente sul tuo sito: si tratta dell’email marketing. Questo metodo è utile a richiamare coloro che hanno già avuto un primo rapporto con la tua azienda, lasciandoti alcuni loro dati (nome, cognome e indirizzo di posta elettronica). Non parliamo più di semplici visitatori del tuo sito, bensì di “potenziali clienti”, persone di cui tu già possiedi qualche dato e che sono più vicine alla meta, quella dell’acquisto.

Grazie ad una strategia di email marketing, sfrutti il canale di posta elettronica per proporre contenuti informativi ed interessanti circa la tua azienda e i tuoi prodotti: nuovi dettagli e promozioni, offerte e comunicazioni sono gli allegati principali delle tue email. Lo scopo non è solo quello di riportare il potenziale cliente sul sito, ma anche di spingerlo, email dopo email, all’acquisto.

Quali sono i vantaggi dell’email marketing? Innanzitutto, per mezzo della posta elettronica puoi segmentare il tuo pubblico e proporre contenuti differenti a seconda delle categorie che hai realizzato nel tuo database. Facciamo un esempio: gestisci un’attività che produce e vende utensili e attrezzature da cucina. Maria Rossi, che ti ha lasciato i tuoi dati, ha scaricato una guida sulle ricette da attuare per mezzo delle centrifughe. Anna Bianchi, invece, si è indirizzata principalmente verso i cucchiai da cucina: perché dovresti mostrare loro i medesimi contenuti? In fondo, hanno dimostrato interessi diversi. È in questo che ti aiuta la segmentazione dell’email marketing: colpisce esattamente il bisogno di chi ti ha rilasciato i suoi dati per rimanere in contatto con te. L’email marketing ti aiuta anche nella costruzione della brand awareness: fa ricordare la tua attività anche a chi è da tempo che non compra da te.

#6 Content Marketing

Siamo quasi arrivati alla fine del nostro percorso attorno alcune delle attività principali del marketing online: è giunta l’ora di parlare del Content Marketing. Se tutte le strategie finora analizzate hanno come obiettivo quello di condurre gli utenti all’interno del sito, il Content Marketing ha lo scopo di farli rimanere. Per farti capire meglio ciò di cui sto parlando, ti pongo una domanda: quanto tempo rimarresti in una casa che appare abbandonata, povera di elementi e in cui i pochi elementi che ci sono risultano confusionari, poco appariscenti, posti in stanze sbagliate? Sono quasi sicuro di conoscere la risposta.

Un sito povero di contenuti rappresenta proprio una casa abbandonata e non convince l’utente a passare alcuni minuti della sua vita al suo interno. È per questo che il Content Marketing è un’attività fondamentale per accrescere il tuo business online: attraverso contenuti accattivanti potrai rendere il tuo sito interessante e aumentare la durata media di permanenza degli utenti.

content marketing marketing onlineMa cosa si intende, esattamente, con “Content Marketing”? Di solito, attorno a questo termine, ruota sempre un po’ di confusione, in quanto molti lo attribuiscono al blog. Ecco, il blog aziendale, ossia quella sezione in cui informi i tuoi utenti attraverso contenuti testual è una parte importante del Content Marketing. Ma non è l’unica. All’interno di questo termine rientrano anche i webinar, ossia seminari online, che possono essere svolti attraverso video o immagini. Allo stesso modo fanno parte del Content Marketing anche le guide in PDF da scaricare, gli ebook e, più in generale, tutti quei contenuti che metti a disposizione dei visitatori del tuo sito.

Qual è lo scopo del Content Marketing e perché è così importante? L’obiettivo primario del Content Marketing non è quello di vendere, bensì quello di educare l’utente e generare con lui una relazione duratura, che ti permetta di trasformarlo in cliente e poi promotore della tua azienda.

Conclusione

In questo articolo abbiamo visto cos’è il marketing online e in cosa si differenza dai più tradizionali metodi di marketing: si tratta di un insieme di strategie e strumenti di marketing che utilizza “metodi non convenzionali” e che vede al centro di tutto il sito aziendale. L’obiettivo è quello di portare visitatori nella piattaforma online dell’impresa, utenti che saranno poi convertiti in clienti. La differenza principale con il marketing offline è che quello online cerca di colpire un pubblico più definito e specifico e che ogni campagna è facilmente misurabile, attraverso strumenti utili, come Google Analytics. Ci siamo poi chiesti quali siano le attività principali che compongono il marketing online e perché risultano vantaggiose all’azienda. Tra quelle che hanno come scopo portare nuovi visitatori al sito spiccano la SEO, il SEM e il Social Media Marketing. Se il tuo obiettivo, invece, è quello di “riportare a casa” utenti che hanno familiarità con la tua azienda perché hanno già navigato sul tuo sito, puoi sfruttare le potenzialità del remarketing o dell’email marketing. Queste due attività ti permettono di segmentare il tuo pubblico, con lo scopo di proporre ad ogni utente la risposta al proprio bisogno e non contenuti generici e poco efficaci. Infine, non meno importante è il Content Marketing, che ti permette di rendere interessante il tuo sito: questa branca del marketing online si riferisce non solo al blog, ma anche a video, immagini, webinar, infografiche e tutti i contenuti che possono catturare la curiosità dell’utente, spingendolo a conoscere la tua attività fino in fondo.

Ogni strategia del marketing online presenta uno scopo ben preciso. È per questo che l’unione tra più attività permette di realizzare una strategia a 360 gradi: puoi incrementare le visite sul sito, portando utenti qualificati, in linea con il tuo cliente ideale. Hai la possibilità di aumentare la durata media di permanenza e di incuriosire gli utenti a tal punto di lasciarti il proprio indirizzo di posta elettronica, instaurando con loro un primo approccio. Successivamente i contenuti del sito, le email e i post sui Social Network lo porteranno a scegliere te e non i tuoi competitor. Quale attività di marketing online potrebbe fare al caso tuo? Contattami direttamente o prenota una consulenza per scoprirlo!

Fai crescere la tua azienda con il marketing online!

Share This Article

Valentina Pisani

Specializzata in eCommerce e Inbound Marketing, Valentina ha conseguito la laurea in lingue e culture straniere all'Università degli Studi di Verona. Ha vissuto diversi periodi all'estero, grazie ai quali ha potuto approfondire le proprie conoscenze linguistiche e sviluppare un importante background in digital marketing. Oggi Valentina è responsabile della gestione dei clienti internazionali di NetStrategy®.

Leave A Comment