<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=955744661221576&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">
Il 20 giugno, 2018

Hai notato che le tue newsletter presentano un basso (o addirittura nullo) tasso di apertura? Attorno alle tue email ruota scarsissimo interesse, tanto che molti decidono di disattivare questo servizio? O, più semplicemente, hai deciso di buttarti a capofitto su quest’attività di marketing per instaurare un rapporto con i tuoi potenziali clienti e vuoi capire come svolgerla in modo efficace? Ebbene, oggi ti accompagnerò, passo dopo passo, in una guida completa per una campagna di email marketing di successo. Si tratta di un’attività da non sottovalutare per poter aumentare le vendite. Ma, come per tutte le altre azioni di marketing, non basta scrivere un’email per uscire di casa e vedere piovere mazzette di denaro dal cielo: l’email marketing richiede precise regole da seguire affinché porti i suoi frutti. Scopriamole assieme!😊

email marketing

Cos’è l’email marketing? Perché sfruttare quest’attività?

Prima di cominciare a scoprire le diverse regole per sfruttare al meglio l’email marketing, è fondamentale darne una definizione. Ecco quella che offre www.glossariomarketing.it:

L’email marketing comprende ogni attività che si avvale della posta elettronica per veicolare azioni promozionali volte a stabilire un contatto diretto e personalizzato con i clienti esistenti (per fidelizzarli) o con quelli potenziali (per acquisirli). 

In pratica, l’email marketing ti permette di continuare a stuzzicare la curiosità di un potenziale cliente, che si è già registrato sul tuo sito tramite form di contatto o che ti ha offerto il suo indirizzo email in cambio di un’offerta specifica. Questo processo avviene attraverso uno strumento che oggigiorno quasi tutti utilizzano: la posta elettronica. Come vedremo, grazie all’attività di email marketing, sei in grado di mandare al consumatore promozioni per determinati periodi dell’anno o informazioni sull’azienda e sui suoi prodotti. Tutto questo, ovviamente, ha lo scopo di condurre, senza risultare insistente o fastidioso, il potenziale cliente all’acquisto.

Quanto è diffusa un’attività di email marketing? Al contrario dell’SMS marketing, che presenta un tasso di apertura più elevato ma che sta prendendo piede come fenomeno solo negli ultimi anni, l’email marketing ha una portata molto più elevata. Per offrirti una panoramica completa, di seguito trovi una serie di statistiche riprese da www.wordstream.com:

  • Ogni giorno vengono inviati quasi 105 miliardi di email da tutto il mondo. Entro il 2020 si presume che questo numero verrà più che raddoppiato, raggiungendo i 246 miliardi.
  • L’86% dei professionisti aziendali preferisce la posta elettronica a qualsiasi altro strumento per fini commerciali.
  • Il 59% dei marketer Business-to-Business ritiene le email il canale più efficace per generare entrate nell’azienda.
  • Il 72,9% dei più giovani, con fascia d’età tra i 18 e i 24 anni, utilizza i propri telefoni per controllare la posta elettronica. Normalmente, gli utenti leggono le email nei momenti di “pausa” e, più in generale, relax: mentre guardano la TV (69%), a letto (57%) e in vacanza (79%).
  • Il tasso medio di apertura delle email per le aziende che inviano offerte commerciali varia dal 15 al 20%.
  • Un dato divertente ma allo stesso tempo significativo è che il 56% delle email aziendali contenenti emoji ha un tasso di apertura più elevato rispetto alle email inviate senza smile. Allo stesso modo, anche le GIF stanno prendendo piede all’interno della strategia di email marketing. Segno dell’importanza che questi simpatici simboli stanno assumendo di giorno in giorno!😊

Come puoi notare dalle statistiche sopracitate, il fenomeno dell’email marketing cresce giorno dopo giorno. Non solo, numerose sono le aziende che si avvalgono di questo strumento per richiamare l’attenzione del consumatore e indurlo in modo più o meno spinto all’acquisto. I tassi di apertura non sono ancora elevatissimi: corrispondono circa ad un quarto del numero totale dei destinatari. Questo dato indica quanto sia difficile attirare la curiosità di un potenziale cliente in mezzo a centinaia di email che riceve quotidianamente e, soprattutto, quanto sia importante realizzare una strategia di marketing tutt’attorno. Infatti, solo studiando a fondo le abitudini, gli interessi e i comportamenti di coloro a cui ci si rivolge, riuscendo a sezionare il proprio pubblico e a presentare contenuti pertinenti, si può arrivare a risultati concreti. Ossia: ad un aumento del tasso di apertura e, di conseguenza, all’incremento delle possibilità di vendita.

email marketing 1Perché devi prendere in considerazione il fatto di realizzare una campagna di email marketing efficace? Prima di tutto, tieni presente che la posta elettronica rappresenta il canale di marketing preferito dal consumatore per rimanere in contatto con le aziende. Questo probabilmente perché, se usata nel modo giusto e in modo assolutamente non invasivo (leggasi SPAM!), non lede la libertà del consumatore e, soprattutto, gli permette di leggerla quando è più tranquillo e, in generale, quando preferisce. Si tratta, inoltre, di uno strumento personalizzabile: al contrario degli SMS, che devono attenersi ad un numero predefinito di caratteri e che non possono essere colorati e impreziositi da immagini e simboli, le email possono divenire il vero riflesso della tua azienda. Per esempio, se il colore predominante del tuo marchio che produce cosmetici è il rosa, puoi riprendere la tonalità all’interno dell’email: in questo modo sarai sicuro che il tuo potenziale cliente possa associare il colore al nome della tua attività.

L’attività di email marketing, inoltre, può essere svolta in modo rapido e, soprattutto, semplice, soprattutto se ti affidi ad un processo di marketing automation. Questa strategia ti permette di inviare in modo calendarizzato email predefinite al tuo potenziale cliente: grazie a questo processo, puoi incrementare le comunicazioni one-to-one e ridurre il numero di ore di lavoro per realizzarle.

Infine, ma non per importanza, c’è la possibilità di tenere monitorati i dati sul tasso di apertura e sul CTR (Click Through Rate, ossia la percentuale tra quanti leggono l’email e quanti entrano nell’offerta) in modo costante: questo ti permette di aggiornare le tue campagne, rendendole sempre più vicine alle esigenze e agli interessi dei tuoi potenziali clienti, con lo scopo di massimizzare i risultati.

Vuoi conoscere la strategia perfetta per portare ulteriore visibilità alla tua  azienda? Prenota una consulenza gratuita!

Quali sono gli errori da evitare nella tua strategia di email marketing?

“Tutti mi dicono che l’attività di email marketing porta soldi a valanghe con pochi passi, ma io, per il momento, sto solo perdendo tempo, denaro e clienti che avevo già acquisito!”: quante volte ti sei ritrovato nella condizione di pronunciare questa frase a chi ti chiedeva se la tua strategia di email marketing funzionasse? Ti sei mai chiesto se, per caso, commettessi qualche errore rilevante per il risultato della tua campagna? Di seguito analizzeremo gli errori più comuni e le relative soluzioni. In questo modo saprai dove puntare per correggere le tue email e renderle efficaci.😉

  • Email non richieste.

Sei assolutamente sicuro di aver ricevuto il consenso dal tuo contatto per la ricezione di messaggi con fini commerciali? Tieni presente che, soprattutto a seguito dell’applicabilità diretta assunta dal GDPR a partire dallo scorso 25 maggio, quello del consenso è diventato un punto fondamentale per la tua campagna di email marketing. Ricorda che, come spiegato nel nostro articolo riguardo l’influenza del GDPR nel Digital Marketing, le regole si sono fatte decisamente più rigide e, senza il consenso del contatto, tu puoi ricevere una bella multa salata. Oltre a questo, non è piacevole per il consumatore ricevere email che non ha richiesto: per questo motivo, continuando ad inviare SPAM, rischieresti di ottenere l’effetto contrario, rendendoti fastidioso ai suoi occhi. E, soprattutto, non dimenticare di dargli sempre la possibilità di annullare l’iscrizione. È bello per tutti essere consapevoli di poter fare dietrofront!

  • Invio senza test.

errori email marketingTieni presente che per l’invio di newsletter che poi si rivelano in qualche modo sbagliate (errori nel testo, problemi nella lettura delle email da diversi dispositivi, mancata apertura dei link interni), non hai scuse! Là fuori c’è una giungla di tool specifici per l’invio corretto della posta elettronica e, in particolare, per svolgere test preliminari, con lo scopo di controllare qualsiasi eventuale malfunzionamento! Mi preme sottolineare che inviare una newsletter che presenta problematiche, causa un danno d’immagine per la tua azienda: prova a pensare di sbagliare ad inviare un’email a centinaia e centinaia di potenziali clienti…sarebbe un disastro! Per questo, prima di inviare le email, è bene assicurarsi che sia tutto ok.😉

  • Non coinvolgi l’utente.

Ora, proviamo a pensare assieme: ci hai impiegato giorni a scrivere il testo adatto per la newsletter; hai studiato ogni singolo dettaglio, come le immagini, i testi colorati, il design grafico dell’email. La invii e, tutto eccitato, attendi una risposta dal pubblico, che sei sicuro di colpire nel profondo. Eppure, i risultati non arrivano: l’email viene letta, ma senza riscontro alcuno. Nessuno entra nel tuo sito. A questo punto, ovviamente, sei deluso. Ma prova ad osservare la tua email: sei sicuro di non aver dimenticato nulla? Come fa un utente ad essere invogliato ad entrare nel tuo sito o nell’offerta specifica, se non lo metti nelle condizioni di farlo? In pratica: hai dimenticato la Call to Action, ossia il “pulsante” che il potenziale cliente deve premere per conoscere al meglio la tua azienda! Si tratta del mezzo migliore e più efficace per coinvolgerlo e, per questo motivo, dev’essere ben visibile e contenere un testo originale. Senza la Call to Action, viene completamente eliminata l’utilità dell’email.

  • Utilizzi troppe Call to Action in un’unica email.

Ecco, ora siamo al caso opposto rispetto a quello precedente: hai inserito troppi pulsanti che invitano l’utente all’azione! Prova ad immaginare di realizzare un’email in cui parli di un’offerta del 30% su alcuni dei prodotti in vendita nel tuo negozio. A questo punto, realizzi una Call to Action apposita con scritto “Vieni a scoprire tutti i prodotti scontati!”. Sotto, però, con una grafica (e quindi, un colore e un formato testuale) completamente diversa, decidi di inserire anche la Call to Action dal titolo “Scopri la nostra azienda!”. Allo stesso modo, non ancora pienamente soddisfatto, crei un altro pulsante, che dice: “Vieni a trovarci in negozio!” e che porta alla sezione contatti, dove è presente la mappa. È vero, precedentemente ti ho detto che è fondamentale invitare all’azione il potenziale cliente, ma è altrettanto importante anche evitare di confonderlo. Cosa voglio dire? Se la tua newsletter parla di un’offerta del 30% su alcuni prodotti, lascia solamente la Call to Action specifica e, eventualmente, aggiungine più di una uguale! Condurlo in altre strade non rappresenta una strategia efficace. Oltretutto, realizzare pulsanti di colori e stili differenti, può essere davvero un pugno nell’occhio per l’utente!

  • Landing page non pertinente.

Prova a pensare di essere in un centro commerciale. Una promoter ti ferma per offrirti un coupon omaggio per una giornata all’interno di un centro benessere nella tua città. Il giorno dopo, tutto eccitato, ti presenti nella via e nel numero civico indicati nel volantino e ti ritrovi di fronte ad un panificio. Deluso? Affranto? Ecco, è questa l’emozione che prova un utente che è stato solleticato da un’offerta del 30% su alcuni prodotti e che, una volta cliccato sulla Call to Action, si ritrova di fronte alla home page del solito. Quasi a volergli dire: “Dai, giochiamo a nascondino! Vieni a cercare l’offerta!”. Quante probabilità ci sono che il tuo potenziale cliente abbia davvero voglia di perdere tempo a giocare a nascondino e ti rincorra per tutto il sito? 😉 È per evitare tutto questo che devi fare in modo di rendere la tua “pagina di destinazione”, o landing page, efficace. Ciò vuol dire che dev’essere pertinente all’annuncio che dai all’interno della newsletter, per evitare di far perdere la pazienza o di mandare in confusione l’utente.

  • Email basate sull’immagine.

Premetto che sono un’amante delle belle foto all’interno delle newsletter: quando ricevo le email da Booking, ricche di immagini di splendidi paesi siciliani o di foto del Colosseo o di altri monumenti, vado in brodo di giuggiole e mi ritrovo immediatamente a prenotare per le vacanze. Ciononostante, non tutti sono Booking e non tutti possono permettersi di realizzare email basate solamente sulle immagini per richiamare nuove vendite: è per questo motivo che, di norma, le foto devono occupare la metà del messaggio e niente di più. Per quale motivo? Le statistiche sostengono che solo il 33% degli utenti che controllano regolarmente la posta elettronica hanno le immagini attivate. Ciò significa che la tua email verrà visualizzata come una lunga casella vuota dal 67% degli utenti, se questi non decidono di attivare le immagini. Per questo motivo, ti consiglio di evitare di realizzare email con sole immagini. Nel caso volessi inserire più foto, cerca di fare in modo di “tradurre” in forma scritta il messaggio che vuoi trasmettere attraverso queste: sarà uno step fondamentale per permettere a tutti di capire per quale motivo stai scrivendo!

Questi sono gli errori più comuni che ho riscontrato. Ovviamente, ce ne sono molti altri. Ma a questi potrai trovare una soluzione cercando di capire come realizzare una campagna di email marketing efficace e, di conseguenza, ideale per aumentare il tasso di apertura e il traffico che dalla posta elettronica arriva direttamente al sito. Senza passare dal via (cit. Monopoly)!😉

Vuoi conoscere la strategia perfetta per portare ulteriore visibilità alla tua  azienda? Prenota una consulenza gratuita!

Come aumentare il tasso di apertura delle email?

Ma, nella pratica, come si può realizzare una campagna di email marketing efficace? Abbiamo detto che tutt’attorno dev’esserci una strategia ben ponderata: l’intera attività deve dipendere da azioni studiate e contenuti divertenti e, allo stesso tempo, interessanti. Non basta, infatti, mandare un’email a caso per raggiungere gli obiettivi prefissati! Insomma, il successo sta nella creazione di email sorprendenti, che devono rispondere a determinate caratteristiche. Vediamole assieme!

  • Parola chiave: la creatività!

creativitàAvrei potuto cominciare con altri concetti, che in linea temporale vengono prima della realizzazione grafica e testuale dell’email, ma ho voluto dare la priorità alla parola chiave dell’email marketing: la creatività. Perché l’ho fatto? Perché questa rappresenta la forza motore della newsletter, quel tocco in più che permette di raggiungere gli obiettivi prefissati (e, se si è abbastanza fortunati, anche di andare oltre!). Nel campo dell’email marketing, infatti, la creatività gioca il ruolo di regina. Prova a pensare ad un’email con un testo scritto correttamente e in modo emozionale, con le immagini al posto giusto, ma prive di qualsiasi elemento che spinga il lettore ad “andare oltre”. Ossia, a non dire semplicemente: “Che bella!”, ma anche ad essere incuriosito da ciò che ha letto e, soprattutto, visto a tal punto da decidere di cliccare sulla Call to Action.

Attenzione! Non sto dicendo che solo chi ha doti artistiche particolari potrà realizzare email eccellenti e che tutti gli altri devono evitare in partenza di fare email marketing. La creatività arriva dopo aver tratto numerosi spunti dalla tua quotidianità (per questo, ti consiglio di iscriverti alla newsletter delle grandi aziende che operano nel tuo medesimo settore e non!) e, soprattutto, dopo aver realizzato decine e decine di email. Si tratta, in pratica, di riuscire a capire cosa attira maggiormente l’utente – sperimentando l’effetto di una newsletter su se stessi – e di implementarlo all’ennesima potenza, con contenuti sempre nuovi, stuzzicanti, interessanti.

  • Imponiti un obiettivo

Come per ogni azione di marketing, anche nel caso dell’email marketing è importante porsi un obiettivo a breve o medio/lungo termine. Per questo motivo, per riuscire a realizzare una campagna efficace è indispensabile pensare a ciò che, attraverso questa, vuoi raggiungere. Qual è il tuo scopo? Perché vuoi spendere tempo e denaro per un’attività di questo tipo? Cerca di mettere nero su bianco, magari all’interno del tuo piano di marketing efficace, ciò che speri di ricevere in cambio.

obiettivo email marketingQuali sono gli obiettivi principali a cui vuoi giungere tramite una campagna di email marketing efficace? Innanzitutto, le newsletter possono essere utilizzate per creare un’interazione diretta con il potenziale cliente. Quest’ultimo può scoprire, email dopo email, di tutto e di più riguardo la tua attività: chi sei? Cosa vendi? Cosa puoi fare per lui? Insomma, puoi utilizzare la strategia di email marketing per incrementare il coinvolgimento dell’utente con la tua azienda, attraverso webinar e testi intriganti.

Non solo. Grazie all’email marketing puoi aumentare l’interazione anche con i clienti abituali, con i quali si è già instaurato un rapporto di fiducia. In pratica, puoi inviare loro email con offerte, contenuti personalizzati e quant’altro, per invogliarli a tornare nel tuo negozio il prima possibile.

Se sei alle prime armi con questo tipo di campagna, resta con i piedi per terra: imponiti come obiettivo di arrivare ad un determinato tasso di apertura entro un periodo di tempo specifico. Se ci riesci, fai un passo in avanti e aumenta il tasso o cerca altri obiettivi, sempre facili da raggiungere. Insomma, procedi, come si suol dire, “step by step”: l’impazienza dell’imprenditore è ben nota, ma a volte è necessario essere prudenti e impiegarci un po’ più tempo per raggiungere i risultati migliori.😉

  • Segmenta il tuo pubblico

Partiamo dal principio, com’è giusto che sia: come fare per ottenere un buon numero di indirizzi email a cui mandare le newsletter? Molti di questi potrebbero essere raccolti durante le fiere di settore. Si tratta, forse, dei contatti più importanti: chi ti offre il suo indirizzo di posta elettronica a queste manifestazioni, è evidentemente intenzionato a capirne di più sulla tua azienda e, oltretutto, già informato sul contesto attorno a cui la tua attività si muove. Un altro buon metodo per riuscire a “collezionare” indirizzi email è quello di attirarli come un magnete. Cosa significa? Cerca di realizzare qualcosa che non ti faccia perdere né tempo né denaro (per esempio, un ebook su un aspetto specifico della tua attività, un webinar gratuito, un questionario,…) e che possa interessare i visitatori del tuo sito: ovviamente, per ottenere ciò che desiderano, dovranno lasciarti il loro indirizzo email. Fai in modo, sempre per il pieno rispetto del GDPR, che sappiano fin da subito che, una volta ottenuto l’ebook che volevano, riceveranno periodicamente le tue newsletter, a cui potranno disiscriversi in ogni momento.

segmentazione email marketinBene, sei riuscito ad immagazzinare un buon numero di contatti (ovviamente in modo legale!), ora non resta che usufruirne! La prima cosa a cui devi pensare quando ti ritrovi con una lista infinita di indirizzi di posta elettronica tra le mani è: come posso segmentare il mio pubblico? Se pensavi, infatti, di prendere tutti i tuoi contatti e di inserirli nel campo del destinatario, sei fuori strada! Purtroppo, non è così semplice. Per poter rendere la tua campagna di email marketing efficace, devi fare in modo di disporre di una profilazione del tuo contatto e, di conseguenza, sapere perfettamente se è un utente nuovo, se già ti conosceva, se è un cliente abituale o un potenziale cliente e, soprattutto, quali sono i suoi interessi, la sua località,...

Premesso che molte di queste informazioni le puoi reperire tramite Google Analytics, che, attraverso i cookies, riesce a registrare i comportamenti degli utenti, e anche tramite i form di contatto, anche in base all’apertura delle prime, generiche, email, sei in grado di capire se l’interesse è elevato o meno. A questo punto, è importante capire a che punto del funnel di conversione si trova l’utente: di cosa sto parlando? Si tratta di uno dei princìpi su cui si basa l’Inbound Marketing e permette di delineare se il visitatore di un sito ha le idee ben chiare sull’acquisto, se è consapevole di avere un bisogno ma non sa ancora come soddisfarlo o se sta cercando il miglior prodotto tra diverse aziende. In pratica, devi capire se il tuo contatto, attraverso la tua email, vuole semplicemente essere informato, se è al punto di poter acquistare (magari con una super offerta!) o se necessita di essere convinto dai tuoi prodotti e dalla tua attività.

Dopo essere riuscito a segmentare il tuo pubblico, la strada sarà prevalentemente in discesa: potrai realizzare newsletter specifiche per ogni potenziale cliente, con webinar, immagini, testi, offerte e informazioni aggiuntive. Ognuno sarà invogliato ad entrare nel tuo sito, se otterrà il contenuto pertinente al suo livello di interesse. Una volta giunto nella tua piattaforma online, avrai raggiunto il tuo obiettivo principale e potrai cominciare a stuzzicarlo direttamente da lì.😉

  • Elemento da non sottovalutare: l’oggetto!

L’oggetto è l’essenza dell’email, il suo involucro esterno, ciò che l’utente vede per primo e, sulla base di questo, decide se è il caso di aprire la newsletter o cestinarla. Proprio come nella vita reale, in cui la prima impressione – anche se non sempre corretta – prevale su tutto, lo stesso succede con l’email: attraverso l’oggetto, mi è possibile capire se ciò che vuoi dirmi è interessante e, quindi, vale la pena di perdere qualche minuto della mia vita a leggerti.

oggetto email marketingCome puoi fare a far risaltare al meglio l’oggetto dell’email? Dunque, la sua caratteristica principale è quella di creare curiosità nell’utente, che non vuol dire rendere tutto troppo misterioso e generico (elementi controproducenti). Infatti, lo scopo dell’oggetto della newsletter è quello di mettere in mostra la tematica dell’email, esponendola ai diversi contatti, ma coprendola con un velo. In pratica, l’utente saprà qual è il motivo per cui gli scrivi (un’offerta imperdibile? L’arrivo di una nuova linea di prodotti?), ma sarà solo stuzzicato. Per saperne di più, ossia per togliere il velo e scoprire il tutto, dovrà necessariamente entrare nell’email.

In genere, l’oggetto della newsletter è divertente, scherzoso, colloquiale. Di conseguenza, è bene utilizzare un linguaggio sciolto, come se stessi cercando di spiegare ai tuoi amici cosa fai nella tua attività e cosa puoi proporre loro. Non trattare i tuoi contatti come persone formali, anche se li hai conosciuti alle fiere: a tutti piace leggere qualcosa di allegro e positivo, soprattutto dopo un’intensa giornata di lavoro! Di conseguenza, quando scrivi l’email ricorda di togliere il cappello aziendale e di indossare la maschera dell’amico.

Ricorda, infine, di rivolgerti ad una sola persona. Tutti sanno, infatti, che quell’email non è destinata unicamente a loro, ma è sempre bello sentirsi unici. Non dare del “voi”, ma prediligi il “tu” e, se possibile, cerca di inserire in modo automatico il nome del destinatario all’interno dell’email.

  • Il contenuto: cosa va per la maggiore?

Ok, abbiamo parlato dei contatti, dell’obiettivo e persino dell’importanza dell’oggetto dell’email. Ora arriviamo alla domanda clou: nella pratica, cosa va inserito all’interno di una newsletter? Quale dev’essere il motivo che mi spinge ad inviare un’email ai miei potenziali clienti e in che modo posso rendermi simpatico e mai invasivo?

contenuto email marketingIniziamo con il dire che, di norma, le newsletter vengono create per promuovere offerte specifiche. Queste, di consueto, hanno sempre uno scopo preciso: uno sconto del 30% sugli abiti da donna per la Festa della Mamma; un’offerta prendi 3 e paghi 2 per Natale o dopobarba scontati per la Festa del Papà. Insomma, tutto ciò che viene esposto all’interno di un’email promozionale ruota attorno alla quotidianità. È più probabile, infatti, riuscire ad incrementare le vendite nei periodi in cui c’è maggiore movimento, rispetto che, per esempio, in piena estate, quando non ci sono festività in vista. Almeno che, ovviamente, non ti occupi della vendita di souvenir e teli da mare.😉 Quando decidi di realizzare offerte come quelle citate sopra, ricorda di dare un tempo limite agli utenti, spingendoli ad acquistare il prima possibile. Qualcosa del tipo “Offerta imperdibile solo per oggi!” riesce a creare più curiosità rispetto ad un’offerta apparentemente senza scadenza. Oltre al fatto che, chi si sente con l’“acqua alla gola”, correrà subito ad acquistare da te, per paura di dimenticarsene o di “perdere il treno”.

Un altro modo di utilizzo delle newsletter riguarda le comunicazioni importanti da parte dell’attività. L’arrivo di una nuova ed entusiasmante gamma di prodotti tutta da scoprire, per esempio. Oppure, l’apertura di una nuova sede. Ancora, se gestisci un’attività in un paese in cui tutti si conoscono, la presentazione di una nuova collega, con tanto di intervista! Insomma, sono veramente tante le idee che possono mantenere alta l’attenzione sul tuo negozio, senza necessariamente dover incorrere ad offerte e promozioni!

Infine, come ha fatto Dropbox in una newsletter che ha fatto il giro del mondo, un altro modo per usare efficacemente le campagne di email marketing è quello di richiamare utenti che non si vedono in giro da tempo: spiega loro chi sei, cosa fai e renditi disponibile al massimo per accoglierli nella tua attività. Li vedrai tornare con la coda tra le gambe e gettarsi tra le tue braccia! 😉

dropbox email marketing

  • Attenzione alla tempistica!

Se non hai un reparto marketing, probabilmente ti ritrovi a dover scrivere le newsletter di sera e ad inviarla ai tuoi contatti in piena notte. Si tratta di un errore abbastanza comune, che, però, comporta il rischio che il lavoro che stai svolgendo – e per il quale la notte non dormi! – non porti alcun frutto. Chi mai, infatti, apre le email in piena notte? Forse potresti ribattere con: “Ma l’email non scappa di giorno!”. E hai ragione, ma tieni conto che la maggior parte delle persone è sopraffatta di posta elettronica in continuazione e, talvolta, non ha voglia di scrollare verso il basso per vedere le email che riceve in piena notte!

tempistica email marketingTutta questa premessa serve a farti capire quanto, nell’ottica dell’email marketing, assuma importanza la tempistica giusta. Riuscire a capire quand’è il momento esatto per colpire l’utente rappresenta parte importante della tua strategia e del tuo percorso verso il raggiungimento degli obiettivi prefissati, quindi, uno step da non sottovalutare. Come abbiamo detto in precedenza, un gran numero di utenti controlla le email la sera, quando si trova sul divano o nel letto (probabilmente pochi minuti prima di spegnere la luce e mettersi a dormire). Potrebbero, di conseguenza, essere questi i momenti migliori per mandare la newsletter. Se, però, temi che tutte le email – anche quelle della concorrenza – vengano inviate in quel lasso di tempo, prova a riflettere in quali altri momenti della giornata il tuo pubblico di riferimento potrebbe avere un po’ di tempo libero: durante la colazione? In pausa pranzo? In pausa caffè? Ovviamente, la tempistica giusta dipende anche da ciò che offri: una newsletter inerente alle vacanze, sarà meglio inviarla durante i momenti di riposo; se, invece, vendi trapani, è abbastanza probabile che qualcuno che proprio in quel momento è rimasto senza strumenti, veda la tua email durante l’orario di lavoro e decida di acquistare nella tua azienda.

Dopo aver deciso quali potrebbero essere i momenti della giornata ideali affinché i tuoi contatti aprano le email che mandi, testali tutti e osserva attraverso dati concreti quale orario potrebbe fare al caso tuo. Una volta scelto il momento migliore, crea una sorta di ripetitività, ossia un “appuntamento”: se decidi che il tuo “giorno X” per le tue newsletter è il martedì alle 19.30, fai in modo di mandarle sempre in quel giorno e a quell’ora. Così, chi si è affezionato alle tue email, ti aspetterà con ansia sempre alla solita ora e questo ti permetterà, oltretutto, di creare un rapporto più duraturo con i tuoi destinatari.

Vuoi conoscere la strategia perfetta per portare ulteriore visibilità alla tua  azienda? Prenota una consulenza gratuita!

  • Incentiva un’azione!

call to actionCome abbiamo detto anche in precedenza, l’email marketing è uno strumento nelle tue mani per riuscire ad arrivare ad un obiettivo ben preciso. Che si tratti di portare maggiore traffico al tuo sito, di instaurare un rapporto con un potenziale cliente, di mostrargli appieno cosa puoi offrire, lo step fondamentale è quello di condurlo nella tua “vetrina” online. Infatti, anche se le email non presentano limiti di caratteri e non hanno regole fisse, in un messaggio non puoi descrivere tutto ciò che riguarda la tua attività. Per questo motivo, l’email funge da enorme cartello luminoso che guida l’utente dove vuoi: una pagina del tuo sito.

Perché questa premessa? Perché risulta importante incentivare l’utente a compiere un’azione, spingendolo delicatamente dove desideri. Il percorso ideale di una newsletter dovrebbe, infatti, essere:

Articolo > Call To Action > Landing Page > Offerta.

Facciamo un esempio concreto per rendere tutto più chiaro: nell’email che mandi ai tuoi contatti parli di un’“offerta imperdibile!”, con il 50% di sconto su tutta la tua linea mare: crema solare, olio abbronzante, teli, ombrelloni e così via. L’utente legge l’email e, siccome a breve partirà per la Puglia, vuole saperne di più riguardo la tua offerta. All’interno del messaggio, dev’essere presente almeno un pulsante colorato, ben visibile – la cosiddetta Call to Action – che rimanda alla Landing Page, ossia alla pagina del tuo sito che parla dell’offerta ed espone i prodotti scontati. In questo modo, potrai canalizzare facilmente l’utente all’interno del funnel di conversione, spingendolo all’acquisto senza risultare invadente. Dimenticare anche solo uno di questi passaggi può essere fatale per la tua campagna di email marketing: la Call to Action collega l’email al sito, la Landing Page porta l’utente dove vuole essere condotto, e l’offerta espone al meglio i dettagli della tua promozione. Tenendo ben a mente questo processo, il successo della campagna è assicurato!😉

  • Tieni monitorati i dati

È molto difficile che un’email sia perfetta al primo tentativo e, di conseguenza, abbia immediatamente successo. Molte volte si è soddisfatti di una newsletter solo dopo aver cercato di migliorare e modificare in molte sue parti lo stile iniziale. Ma da cosa puoi capire se la tua campagna di email marketing è efficace o meno e, soprattutto, quali sono gli elementi da ritoccare? La risposta è più scontata che mai: dai dati! Grazie ai tool più evoluti riguardo il mondo delle newsletter, puoi prendere spunto da alcuni fattori concreti per decidere se è il caso di cambiare il modo in cui ti approcci o se tutto sta andando per il meglio. Ecco quali sono i dati di cui tenere conto:

  1. Tasso di apertura. È il dato principale quando si parla di email marketing, in quanto indica la percentuale di utenti sul totale che ha deciso di darti una “chance” e di aprire la tua email senza cestinarla direttamente.

Nella pratica:

Numero di email aperte/numero di email inviate.

Perché è così importante questa percentuale? Principalmente perché ti indica se tutto ciò che sta attorno al contenuto della tua email sta generando frutti: stai inviando la newsletter nel momento migliore? L’oggetto è sufficientemente persuasivo? Insomma, come avrai constatato, quando si parla di email non conta solo l’interno, ma anche (e soprattutto) l’esterno.

  1. Click Through Rate. Questo tasso indica quanti utenti hanno cliccato sulla Call to Action interna all’email perché incuriositi dall’offerta che hai presentato.

Nella pratica:

Numero di utenti che hanno cliccato sulla Call to Action/numero di utenti totali.

Come potrai facilmente intuire, questa percentuale è importante per capire, effettivamente, se il contenuto dell’email è efficace. Prova a pensare di avere un numero elevato nel tasso di apertura e un numero estremamente basso di CTR: questo dato indicherebbe che l’interno della newsletter va modificato perché non “spinge” a sufficienza l’utente ad entrare nell’offerta presente nel tuo sito.

  1. Annulla iscrizione. Molto semplicemente: quanti utenti decidono di disattivare il servizio della tua newsletter? Se si tratta di un numero elevato, è bene alzare le antenne: probabilmente non trovano interessante ciò che proponi loro. È fondamentale, infatti, che i tuoi contatti capiscano che le email che ricevono dalla tua azienda sono un servizio che tu offri loro gratuitamente per rimanere sempre aggiornato su tutto ciò che ruota attorno al tuo mondo. Non spaventarti se vedi che, per ogni newsletter inviata, qualche utente se ne va: se non si tratta di un numero elevato, erano semplicemente contatti non interessati e che con ogni probabilità non avrebbero mai acquistato nulla da te!

Grazie a questi dati, anche piuttosto semplici da interpretare, riuscirai a capire se il lungo lavoro che stai facendo attorno alla newsletter ti sta portando a risultati concreti o se è il caso di aggiustare il tiro.

Conclusione

In quest’articolo abbiamo trattato i diversi modi per realizzare una campagna di email marketing efficace, cominciando, ovviamente, dagli errori da non commettere. Tra questi, il più comune è l’invio di newsletter ad un contatto che non ha mai espresso la volontà di voler ricevere queste comunicazioni: si tratta del modo più semplice per incappare nello SPAM e ottenere effetti controproducenti per l’attività! Inoltre, altri errori comuni sono: l’invio senza prima aver effettuato i test opportuni per constatare se tutto funziona alla grande; la mancanza o la sovrabbondanza di Call to Action; una Landing Page non pertinente con il contenuto e la presenza di sole immagini, che di norma non si vedono se disattivate. Cosa fare, allora, per rendere una campagna di email marketing efficace? La parola chiave è la creatività: senza questa, è difficile realizzare contenuti personalizzati, originali e divertenti per i contatti. Non solo. I primi step per la realizzazione di newsletter di successo riguardano la segmentazione degli utenti, in base ai loro interessi, e la stesura degli obiettivi che si vogliono raggiungere. Il contenuto dev’essere ricco di elementi, con offerte a tempo o comunicazioni importanti, e un processo ben definito che porti in modo delicato l’utente all’acquisto. Infine, è bene tenere conto della tempistica (mai inviare email in piena notte!) e, soprattutto, dei dati riguardanti il tasso di apertura, il CTR e l’annullamento dell’iscrizione.

Detto questo, sei pronto per realizzare la tua campagna di email marketing efficace? Se ancora non ti senti sicuro e vuoi una mano, rivolgiti ad un’inbound marketing agency. In alternativa, puoi contattarmi o prenotare una consulenza. Sarò lieta di aiutarti!😊

Vuoi portare visibilità alla tua azienda?

Share This Article

Letizia Poltronieri

Laureata in Lingue e Culture per l' Editoria, Letizia è specializzata nelle lingue tedesca e russa, ma conosce bene anche l'inglese e lo spagnolo. È da sempre appassionata di scrittura e ha maturato esperienza fin da giovanissima nel campo del giornalismo e dell'editoria. Grazie a queste sue caratteristiche, Letizia rappresenta un ottimo valore aggiunto all'interno di NetStrategy, dove gestisce la sezione relativa al Content Marketing.

Leave A Comment