<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=955744661221576&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">
Il 5 gennaio, 2017
Topic Ecommerce

Pubblicizzare il tuo E-Commerce non è un'attività opzionale. Al contrario, si tratta di un'operazione di fondamentale importanza... quanto meno se vuoi che le vendite decollino, i tuoi guadagni si moltiplichino e la tua azienda raggiunga un brillante successo anche online. Come puoi fare? Ecco alcuni suggerimenti pronti all'uso apposta per te.

Pubblicizzare-eCommerce-cover.jpg

 

 

La tua azienda ha compiuto il grande passo: aggiungere ai canali commerciali tradizionali anche quello online. Hai scelto quindi una piattaforma tecnologica, magari valutando le più diffuse come Prestashop o Magento. Hai caricato foto e descrizioni dei prodotti, hai organizzato il processo di checkout e hai completato il tutto con le pagine di servizio (“Chi siamo”, “Condizioni di vendita”, “Modalità di pagamento” e simili).

Bene, ora il tuo E-Commerce è online. Basterà che tu ti sieda ad aspettare che il traffico e gli ordini arrivino spontaneamente? Magari fosse così semplice… Per molti imprenditori che si lanciano sul commercio online può risultare molto frustrante realizzare che tutti gli sforzi compiuti per creare un perfetto e-shop non fanno da soli decollare gli affari dopo il lancio.

Ciò che spesso si ignora è che il tuo portale di E-Commerce è come una bellissima auto che, però, ha bisogno del giusto carburante per correre e raggiungere la propria destinazione: questo carburante è la promozione. A partire dall’esperienza che abbiamo accumulato seguendo centinaia di clienti, abbiamo quindi elaborato questa guida che propone 20 strade per pubblicizzare un sito E-Commerce.

Se anche tu, come pensiamo, stavi aspettando delle indicazioni in questo senso, nelle righe che seguono troverai sicuramente uno o più metodi che fanno al caso tuo. Sentiti quindi libero di leggerli tutti oppure di saltare direttamente ai paragrafi che ti sembrano più interessanti. Ricorda inoltre che, per qualunque chiarimento o ulteriore dettaglio, puoi sempre contattarci via e-mail o telefonicamente. Buona lettura!

1. SFRutta Facebook

Pubblicizzare-eCommerce-Facebook.jpgUno dei metodi più semplici, immediati ed economici per pubblicizzare il tuo E-Commerce è sfruttare il potere di Facebook. Questo strumento mette a tua disposizione due meccanismi differenti, ossia il tuo profilo personale e la tua pagina aziendale Facebook: il nostro consiglio è di agire su entrambi.

La chiave per ottenere il massimo da questo canale è di calibrare gli intenti commerciali con attenzione. Alterna i post che pubblicizzano i prodotti con contenuti di altra natura. Sulla tua pagina aziendale, pubblica anche aggiornamenti su tematiche pertinenti ma non direttamente correlate alla vendita. In questo modo potrai incentivare l’instaurazione di un legame più forte tra gli utenti e la tua azienda.

Assicurati di non pubblicare lo stesso contenuto sia sul tuo profilo personale che sulla tua pagina aziendale; aggiorna entrambi di frequente e cerca di intrattenere dei rapporti autentici con gli utenti, moderando e rispondendo ad ogni commento e magari sfruttando anche i messaggi privati.

2. Fai rete su LinkedIn

LinkedIn è una sorta di Facebook specifico per i professionisti. Aggiungi alla tua rete LinkedIn ogni contatto col quale intrattieni relazioni commerciali o professionali, a patto che siano persone che già conosci. Cosa pubblicare su un social network così “serio”? Innanzitutto informazioni che descrivano il tuo business: racconta la tua azienda sotto forma di storia, esprimi chiaramente cosa la rende differente dai tuoi competitor e spiega quali sono le caratteristiche del tuo cliente ideale.

Aggiungi dei link alle tue pagine prodotto e condividi dei contenuti che ritieni interessanti per il tuo ambito di mercato e per la tua rete. Partecipa ai gruppi, scegliendoli fra quelli che LinkedIn ti propone: provane alcuni, trova quelli nei quali ti trovi meglio ed interagisci attivamente e con frequenza solo con quelli. Fai in modo che si ricordino di te e abbi pazienza: perché il networking sortisca i propri effetti ci vuole tempo.

Vuoi far crescere il tuo E-Commerce, vendere di più e guadagnare di più? Se la  tua risposta è sì, la tua parola d'ordine sarà "tasso di conversione": scopri  subito come aumentarlo.

3. Attìvati su YouTube

Pubblicizzare il tuo E-Commerce attraverso i video di YouTube ti offre più di un vantaggio. In primo luogo, è chiaro a tutti il potere che immagini in movimento e audio assieme possono avere per promuovere un prodotto, un brand o un’azienda. A ciò aggiungiamo anche la spinta data dalle caratteristiche social di questo canale, in espansione con YouTube Community.

I tuoi video saranno inclusi tra i risultati di ricerca non solo di YouTube, ma anche di Google; a tal proposito, presta particolare attenzione al titolo del video, che deve contenere una o più keyword rilevanti, ad inserire un link alle tue pagine prodotto e ad includere dei tag – in ordine di importanza - che attirino gli utenti per interesse.

Che tipo di contenuto devi veicolare? Produrre video ad effetto richiede tempo, energie ed anche denaro; ma il risultato vale la pena. In generale, i contenuti che funzionano di più su YouTube sono quelli educativi (guide, pro e contro, “how to” etc.), i tutorial che spiegano come risolvere un problema o forniscono istruzioni operative, le interviste con l’esperto o l’influencer e le dimostrazioni che mettono in luce le caratteristiche di articoli particolarmente innovativi. Meglio cogliere la palla al balzo: il Youtube marketing per le aziende sta esplodendo, ed è il momento giusto per usufruirne!

4. Ascolta e condividi su Twitter

Come usare Twitter, o meglio il Twitter Marketing, per la tua azienda? Le chiavi che ti suggeriamo per pubblicizzare il tuo E-Commerce sono sostanzialmente 2: ascolta e condividi. Su Twitter puoi individuare rapidamente chiunque stia parlando di un determinato argomento, magari del vino che vendi nel tuo shop online. Scorrendo la lista dei risultati, puoi scegliere di iniziare una conversazione privata con qualcuno e chiedere opinioni sul prodotto oppure inviare un link al tuo sito.

Pubblicizzare-eCommerce-Twitter.jpg

Partecipa inoltre alle conversazioni nelle quali puoi risolvere problemi o aiutare altri, esprimere un’opinione competente su una situazione o citare i diversi marchi dei prodotti che vendi (utilizzando i caratteri @ e #). Questo farà sì che gli utenti ed i fornitori possano riconoscere te e la tua azienda come riferimenti del settore specifico nel quale operate.

Infine, condividi contenuti interessanti ed utili. Basandoti sulle caratteristiche del tuo ambito, scegli video o immagini che possano piacere al tuo pubblico target: questo può invogliarlo dapprima ad iniziare una conversazione con te, poi a visitare il tuo E-Commerce e diventare poi tuo cliente. Includi anche link ad offerte speciali del tuo sito o dei codici sconto da prendere direttamente dal tweet. 

5. Crea ispirazione tramite Pinterest

Oltre che ad essere una grande piattaforma per contenuti visivi, Pinterest mette a disposizione dei commercianti enormi potenzialità, anche grazie alle funzioni per il social e-commerce di cui abbiamo parlato in un precedente articolo, al quale rimandiamo. Una prima cosa che puoi fare per sfruttare Pinterest nel pubblicizzare il tuo E-Commerce è installare il pin button sulle tue pagine prodotto: saranno gli utenti a postare le immagini dal tuo shop al social network.

Sfrutta sia il tuo account personale che quello della tua azienda, differenziando le comunicazioni. Crea delle bacheche intelligenti per raggruppare le immagini dei tuoi articoli: è provato che le board alle quali è stato assegnando un tema specifico (come idee regalo per San Valentino, ad esempio) suscitano maggiore interesse. È molto importante che, per gli articoli che sono regolarmente in stock, tu aggiunga alla descrizione del pin anche il prezzo.

Il consiglio che diamo sempre ai nostri clienti che vogliono pubblicizzare il proprio E-Commerce con una Social Media Strategy su Pinterest è di sfruttare appieno il potere evocativo delle immagini. Gli utenti vanno su Pinterest in cerca di ispirazione: cerca di esprimere nell’immagine non solo il prodotto in sé, ma l’esperienza generale che il consumatore può avere grazie a quell’articolo.

6. Diverti il tuo pubblico con Instagram

Il senso ultimo dell’attività su Instagram è pubblicare delle foto che possano generare una reazione positiva e magari anche virale negli utenti: non per niente Instagram è famoso perché fa Social Marketing con le immagini. La cosa peggiore che puoi fare come commerciante online è caricare centinaia di foto prodotto a sfondo bianco e sperare che portino un sacco di traffico al tuo sito. L’unica cosa che un account del genere susciterebbe negli utenti sarebbe la noia.

Battute a parte, è giusto che le foto rappresentino i prodotti, ma dovrebbero farlo soprattutto divertendo e generando sorpresa. Serve investire una giusta dose di inventiva e di creatività, ed ecco un esempio di chi è riuscito nell’impresa.

Pubblicizzare-eCommerce-Instagram.jpg

Fai un uso intelligente degli hashtag, con un misto di termini generici e specifici. Tieni inoltre presente che Instagram non ti permette di includere un link al tuo E-Commerce nei singoli post. Un’alternativa per far conoscere il tuo portale agli utenti è inserire il nome del dominio come watermark sulla foto.

7. Fai marketing con Tumblr

Il meccanismo del Marketing su Tumblr è molto simile a quello con Instagram. L’idea di base è di sorprendere gli utenti con le tue immagini e di attrarre un pubblico numeroso e fedele che non solo acquisti i tuoi prodotti, ma diventi a propria volta un promoter del tuo marchio. Come abbiamo già detto per gli altri social, il segreto è non esagerare con la promozione esplicita e cercare piuttosto una connessione genuina ed emotiva con il tuo audience.

La scelta più efficace per utilizzare questo canale come strumento di Marketing è quella di adottare un approccio ultra-specifico e settoriale: questo permetterà a ciò che pubblicherai di risuonare con particolare forza tra le persone che più probabilmente diventeranno tuoi follower attivi. Primo passo fondamentale da compiere: scegliere un nome che rispecchi tutto questo.

8. Spicca nei CSE

CSE sta per Comparison Shopping Engines e identifica tutti i siti – come Google Shopping, Kelkoo o Trovaprezzi – sui quali è possibile confrontare il prezzo dei prodotti messi in vendita online dai vari portali. Alcuni sono gratuiti ed altri a pagamento, ma sono chiaramente tutti una vetrina eccezionale per pubblicizzare il tuo E-Commerce di fronte a migliaia di potenziali clienti.

L’aspetto negativo di questa strategia di promozione è che ti costringe a fare qualcosa che forse non vorresti, ossia abbassare i prezzi. Questo non solo per ovvi motivi di guadagno, ma anche perché questo potrebbe danneggiare l’immagine del tuo brand e attirare solo clienti in cerca dell’affare migliore del momento, cioè consumatori difficili da fidelizzare.

Una strada per sfruttare i benefici dei Comparison Shopping Engines ed aggirare questo rischio è di utilizzarli solo per determinati prodotti. Se ad esempio i tuoi sono prodotti unici, che nessun altro e-shop vende, non dovrai preoccuparti di abbassarne il prezzo. In alternativa, potresti scegliere solo un gruppo ristretto di articoli che ti puoi permettere di vendere a prezzi bassi ed utilizzarli come “esche” per attirare gli utenti sul tuo sito.

9. Entra in Google My Business

Pubblicizzare-eCommerce-MyBusiness.jpgSe hai nella memoria il ricordo delle vecchie Pagine Gialle, Google My Business ne ha in sostanza raccolto il testimone. E ciò è perfettamente in linea con il ruolo principe di Google: fare in modo che gli utenti possano trovare rapidamente ciò che cercano, come i Local Business. Aprire un account su Google My Business è completamente gratuito ed è ideale per le aziende che hanno sia una sede fisica dove incontrare i clienti che un E-Commerce.

Iscriversi è molto semplice: basta compilare i campi richiesti e confermare. È però importante seguire con attenzione le istruzioni date da Google, perché ciò determinerà se la tua azienda verrà mostrata o meno agli utenti. Un passo fondamentale è la scelta della tua categoria, che deve descrivere di cosa ti occupi il più fedelmente possibile. È questa infatti l’impostazione che, più di tutte, dice a Google chi vuoi che visiti il tuo E-Commerce o chiami il tuo servizio clienti.

10. Fai leva sul network Yahoo! Bing

Conoscerai senz’altro già Google AdWords, una piattaforma di advertising completa, rivoluzionaria e misurabile ormai al 100%. È però anche molto competitiva: per questo ti indichiamo qui una differente direzione, ossia il canale Yahoo! Bing. Questi due motori di ricerca, che un tempo avevano ciascuno il proprio servizio di advertising, hanno unito le forze proprio per risultare più efficaci contro il gigante di Mountain View.

Le campagne sponsorizzate su Yahoo! Bing propongono dei CPC (Cost per Click) ragionevoli. Questa piattaforma è oggi sostanzialmente allineata con le funzionalità di advertising offerte da Google. In generale, la proponiamo alle aziende italiane che vogliono pubblicizzare il proprio shop online non tanto come alternativa ad AdWords, ma piuttosto come una valida opportunità di estendere la visibilità degli annunci.

11. Scala i risultati di Google con la SEO

Abbiamo parlato poco fa di SEM; parliamo ora di SEO (per un approfondimento ed un confronto tra le due strategie ti consigliamo il nostro articolo sulla differenza tra SEO e SEM). Perché trattare di Search Engine Optimization in un articolo su come pubblicizzare il tuo sito E-Commerce? Perché la SEO è ciò che ti permette di arrivare nella migliore vetrina online esistente: in cima ai risultati organici di Google, sotto gli occhi di tutti i tuoi potenziali clienti.

Considera che gli utenti che arrivano al tuo shop online dopo una ricerca tramite parola chiave, ad esempio il nome di un prodotto, sono autenticamente motivati a vedere cosa hai da offrire. Non ti sei proposto più o meno prepotentemente infilandoti tra le loro attività: si sono mossi appositamente per ottenere risposta ad un bisogno e l’hanno trovata nel tuo snippet. Questo particolare qualifica il traffico organico che puoi ottenere tramite la SEO.

12. Ottieni recensioni per i tuoi prodotti

Le recensioni sono un megafono per la pubblicità del tuo E-Commerce: non solo ne parlano, ma sono voci spontanee, che comunicano agli utenti un’opinione autentica e non un messaggio promozionale. Ottenere e diffondere recensioni ai tuoi prodotti da altri può aumentare la credibilità del tuo brand e la relativa affidabilità. È inoltre una parte importante di una antica e collaudata strategie di marketing: il passa-parola.

Crea una lista di possibili recensori cercando su Google i siti e i blog potenzialmente adatti: contattali il prima possibile, con un messaggio breve, ed esponi la tua proposta. Come primo approccio potresti ad esempio dire che avresti piacere di inviare loro uno dei tuoi prodotti e di vedere poi pubblicata la loro opinione in proposito. In alternativa, potresti semplicemente chiedere quali sono gli step da seguire per ottenere una loro recensione.

I link al tuo E-Commerce che partono dalle recensioni pubblicate su siti autorevoli sono anche un ottimo strumento per migliorare il tuo ranking: per questo le recensioni rientrano in molte strategie di strategie di Link Building (o Link Earning). Nella concreta aspettativa che recensioni e link attirino l’attenzione di nuovi utenti sul tuo E-Commerce, assicurati di garantire per il prodotto in questione un riassortimento sufficiente a soddisfare gli ordini derivanti dal traffico extra.

Pubblicizzare-eCommerce-Recensioni.jpg

13. Intervista uno o più Influencer

Produrre del contenuto testuale è un’arma segreta per qualunque business online perché permette di attirare efficacemente l’attenzione dei motori di ricerca e degli utenti anche per molto tempo; questo è, in estrema sintesi, il principio base del Content Marketing. L’aspetto curioso è che diversi imprenditori non sfruttano questa preziosa opportunità perché mettersi a tavolino, concentrarsi e scrivere richiede tempo.

Un modo per produrre rapidamente e con facilità un eccezionale contenuto per un articolo è intervistare qualcuno di importante e ben conosciuto nell’ambito in cui operi. Se vendi attrezzature sportive, un giocatore di calcio o un allenatore; se il tuo ambito commerciale è la Food Industry, uno chef stellato, un critico gastronomico o un produttore di prodotti biologici; se ti occupi di editoria, un autore o un accademico.   

Molti commercianti ospitano sponsorizzazioni da parte di professionisti del settore o di appassionati per dare una spinta alla pubblicizzazione online dei propri prodotti. Intervistare questi personaggi è un guadagno per entrambi i fronti, perché tu puoi dare al tuo pubblico un contenuto interessante e l’intervistato guadagna visibilità.

14. Scrivi un Guest Post

Un “post ospite” è un contenuto che tu firmi e che qualcun altro pubblica sul proprio sito o blog, possibilmente significativo per il tuo settore. Il lato positivo di questa pratica è che tu puoi guadagnare visibilità e un link al tuo E-Commerce, e chi ti ospita riceve un aiuto per mantenere il proprio portale aggiornato.

È prassi comune che, assieme al guest post, venga pubblicata una brevissima bio dell’autore: questo è il luogo perfetto per dire chi sei e cosa fai, citando e pubblicizzando il tuo negozio online. Se l’articolo che hai scritto risulta interessante ed engaging, i lettori saranno sicuramente curiosi di scoprire di più sul tuo conto e sulla tua attività, quindi potranno decidere di visitare il tuo sito.

Cerca di proporre il tuo contenuto a blog e siti autorevoli, aggiornati con una certa frequenza e che siano letti da persone che rientrano tra i tuoi potenziali clienti. Salvo casi particolari che richiedono diversamente, redigi il contenuto in uno stile colloquiale e rivolgendoti direttamente al lettore; utilizza elementi grafici come immagini o grafici e cerca di fornire informazioni utili.

Molti imprenditori sono costretti ad imparare a loro spese come riuscire a  vendere seriamente online. Impara dai loro errori e li eviterai alla tua  impresa.

15. Punta ad un video virale

Precisiamo da subito che nessun video nasce virale: lo diventa se e quando viene diffuso da persona a persona, come accade con i virus. La differenza è che mentre i virus si diffondono nostro malgrado, per i video è necessario un atto di volontà di chi ne è venuto a contatto e sceglie di farsene portatore tra la propria rete di contatti.

Ne derivano 2 considerazioni: la prima è che è necessario trovare una chiave per convincere gli utenti alla condivisione, la seconda è che non esiste una formula infallibile per ottenere un video virale. Possiamo tuttavia individuare alcune caratteristiche distintive che aumentano la possibilità di viralizzazione, che significa centinaia, migliaia o addirittura milioni di occhi puntati sul tuo brand.

Tipicamente, i video che diventano virali non passano su circuiti di divulgazione tradizionali, ma sono destinati al web: solo in questo ambito è infatti possibile la tipica diffusione rapida e capillare che li contraddistingue. Hanno un formato breve o addirittura brevissimo, perché il web è immediatezza; affinché gli utenti stessi siano spinti alla condivisione, questi video giocano sulla rottura, sulle diverse sfumature dell’emotività e sull’umorismo.

16. Apri un blog associato al tuo E-Commerce

Tenere un blog di successo può essere la via più facile ed economica per attirare centinaia di nuovi clienti verso il tuo E-Commerce. È in fondo la base del Content Marketing. Tutto dipende da quanto sarai in grado di creare del contenuto di valore per il target di pubblico che ti sei prefissato. E come si fa? Un primo passo è quello di non prendere esempio dai purtroppo molti blog aziendali le cui pubblicazioni non sono altro che noiosi pro-forma. Molto meglio è ad esempio rispondere a questioni comuni o di particolare interesse per una determinata cerchia di utenti con approfondimenti utili.

Anche associati all’E-Commerce, hanno molta fortuna gli articoli che spiegano come svolgere una determinata operazione, quelli che gli anglofoni indicano come How-to post. Se ad esempio il tuo negozio online tratta articoli per il giardinaggio, potresti redigere e pubblicare un post su come seminare al meglio il trifoglio nel tuo giardino o su come far sì che il prato non ingiallisca durante l’inverno.

In ultima analisi, ciò che spinge gli utenti ad acquistare un prodotto dal tuo E-Commerce e non da quello di un tuo concorrente non è solo il prezzo, ma anche la fiducia che riesci ad ispirare. Trattare di argomenti connessi al tuo ambito di mercato può aiutarti molto in questo, perché ti dà l’opportunità di apparire come un esperto del settore, una voce autorevole tra le tante che possono emergere tra i risultati dei motori di ricerca e, infine, il più meritevole di credito.

17. Scrivi un post controverso

Sempre in tema di blog, una modalità divertente per attirare l’attenzione dei consumatori e far arrivare il brand del tuo E-Commerce sotto i riflettori del mondo online è quella di creare un po’ di rumore. Ovviamente, questo deve essere fatto ad arte e con la giusta attenzione. In caso contrario, lo sforzo non potrà che risultare controproducente: pubblicare affermazioni stravaganti o trattare impulsivamente di un tema delicato, rischiando di incappare in grossolane gaffe, non costituirebbe per te una pubblicità positiva.

Una delle ricette base per questo tipo di post consiste dell’individuare qualcosa, all’interno del tuo ambito specifico, che al momento è gestita o interpretata in maniera non corretta. Discuti le caratteristiche del problema, evidenziando le criticità e proponi la tua personale soluzione, evidenziando eventuali punti sui quali sarebbe possibile fare leva. Come accade ad ogni brand, anche ai più grandi, non puoi piacere a tutti: coloro però che saranno d’accordo con te ed avranno magari anche l’opportunità di sviluppare un legame emotivo con la tua opinione andranno a formare un gruppo di fedelissimi, preziosi per il tuo business.

Un altro modo molto semplice di generare dibattito è quello di sfatare un mito relativo ad un soggetto collegato alla tua attività. Se hai le competenze e le capacità comunicative adatte per confutare una credenza comune, un’abitudine o un’interpretazione che reputi errata, allora procedi. Chiunque concorderà con la tua tesi o giungerà alle tue stesse conclusioni si rivolgerà al tuo articolo come principale fonte e target di link.

controversy.jpg

18. Apri un canale YouTube

Come abbiamo spiegato ampiamente in un precedente articolo riguardante alcuni consigli di YouTube Marketing, avere un canale su questo particolare Social può essere una freccia molto preziosa all’arco del tuo tuo business. Pensaci: è un po’ come avere la tua personale emittente, in via completamente gratuita, il cui palinsesto può promuovere il tuo business 24 ore su 24, 7 giorni la settimana.

Ciò che blocca molte aziende e che impedisce loro di sfruttare questa grandiosa opportunità è la competenza nel produrre contenuti video unita al tempo che questa attività richiede. Se da un lato questa convinzione dovrebbe essere in molti casi ridimensionata, d’altra parte è anche sconsigliabile improvvisarsi del tutto e caricare del materiale video di qualità non adatta ad una promozione efficace del tuo E-Commerce.

Detto questo, ecco alcuni consigli generali che rivolgiamo ad ogni E-Commerce che voglia intraprendere la strada dello YouTube Marketing. Innanzitutto, crea contenuti utili: tutorial, video educativi o brevi approfondimenti. Anche delle video-recensioni dei prodotti che vendi saranno molto apprezzate, così come le interviste o delle brevi presentazioni di testimonial o personaggi in qualche modo rilevanti per il tuo settore. Ricorda inoltre di divertire il tuo pubblico: una risata spontanea può imprimere il tuo marchio nella memoria degli utenti meglio di mille dati.

19. Costruisci la tua Mailing List

Pubblicizzare-E-Commerce-E-Mail-Marketing.pngAnche se in tanti ritengono che oggi abbia ormai perso del tutto la propria efficacia, l’E-Mail Marketing è uno strumento ancora molto importante. Ovviamente, sempre che sia utilizzato correttamente. A confronto con gli utenti interagenti tramite altri canali, i sottoscrittori di newsletter risultano più collaborativi, sviluppano una connessione più stretta con il tuo business e acquistano un maggior numero di prodotti.

Come fare per convincere gli utenti ad iscriversi alla tua newsletter? Il primo passo è scegliere il giusto incentivo da offrire alle persone in cambio della loro sottoscrizione. Alcuni siti di E-Commerce offrono ad esempio un buono sconto di alcuni Euro da poter utilizzare su tutti o su alcune categorie di articoli in stock; altri preferiscono fornire contenuti formativi in formati variabili. In questo secondo caso, è importante saper scegliere una tematica che risulti di interesse per il target che intendi attirare.

Laddove questo processo di costruzione del tuo archivio di contatti e-mail ne prevedesse l’utilizzo, consulta il nostro articolo su come creare una Landing Page efficace. In generale, questa pagina deve “costringere” l’utente a sottoscrivere la newsletter: deve quindi essere comunicativa, accattivante e – soprattutto – non deve presentare elementi di distrazione che possano portarlo altrove rispetto all’obiettivo. Sulle Landing Page è ad esempio sconsigliabile includere il menu di navigazione del sito web al quale sono associate.

20. Sfrutta il Facebook Advertising

Facebook è già di per sé una miniera d’oro per chi cerca di pubblicizzare il proprio E-Commerce. A questo aggiungiamo che il suo sistema di Advertising ha un vantaggio veramente unico rispetto alla maggior parte degli altri canali di sponsorizzazione online: la possibilità di profilare il pubblico in maniera molto puntuale sulla base di molti fattori quali età, genere, provenienza geografica, interessi.

Ciò che però devi preventivamente comprendere è che le persone sono su Facebook principalmente per interagire con i propri amici, conoscenti e parenti, non necessariamente per acquistare dei prodotti. Quando effettui campagne di Advertising e di Marketing in generale considera sempre quale sia l’intenzione principale degli utenti in relazione al luogo specifico nel quale essi si trovano.

Cerca dunque di formulare la tua inserzione considerando approfonditamente cosa vuoi vendere e quale sia il modo migliore per promuovere quello specifico prodotto tramite quello specifico canale. Di fondamentale importanza è inoltre definire nel dettaglio il tuo target di mercato, non solo per profilare meglio il pubblico al quale l’inserzione è destinata, ma anche per capire quale stile di comunicazione adottare.

Conclusione

Come hai visto, le possibilità che hai a disposizione per pubblicizzare il tuo E-Commerce sono veramente tante. Qui ne abbiamo viste solo alcune, ma già da questa carrellata ti sarà ormai chiaro che ne esistono per qualunque tipologia di shop online, per tutte le tasche e per ogni livello di competenza in materia di Web Marketing ed Inbound Marketing. Ed esistono anche agenzie SEO che, come NetStrategy, possono aiutarti ad operare le scelte più adatte per raggiungere i tuoi obiettivi specifici. Non hai quindi più scuse: dai il via alla promozione e fai crescere il tuo E-Commerce!

 

Aumenta il tasso di conversione - Scarica e-book

 

Share This Article

Stefano Robbi

CEO - Fondatore di NetStrategy, Stefano ha dato vita a questo cuore digitale nel lontano 2009, seguendo la sua passione per il digital marketing e la sua propensione all’analisi dei dati. All’amore per questo ambito, Stefano ha aggiunto una formazione specifica nel marketing strategico, culminata con la specializzazione in Marketing Management all’Università Bocconi e seguita da un’importante esperienza professionale presso Microsoft Italia.

Leave A Comment