Immagine di presentazione sezione sito web
Immagine di presentazione sezione sito web
Building Future Together

ULTIMO AGGIORNAMENTO

08.04.22

Facebook ADS: guida alla creazione di campagne efficaci

SEM & ADV

Facebook ADS è il sistema inserzionistico dell'omonima piattaforma (parte del gruppo Meta) che permette di promuovere la propria azienda o attività grazie a dei post e a delle campagne sponsorizzate, integrate in maniera naturale all'interno dei feed o delle storie degli utenti.

Capire appieno le potenzialità di questo strumento e come poterlo utilizzare per il tuo business è fondamentale perché tu possa ottenere risultati tangibili. In questa guida, sviluppata a partire dalla nostra esperienza come agenzia Facebook e Meta ADS, andremo a scoprire cos'è e come usare questa piattaforma. Partiamo!

Che cos’è Facebook ADS?

Facebook ADS è lo strumento pubblicitario di Facebook, ideato per aiutare le imprese a farsi pubblicità sul canale social più usato del mondo. Il nome è di per sé parecchio esplicativo: Ads sta semplicemente per “advertising”, cioè pubblicità. Una pubblicità diversa dalla classica che vediamo passare in tv o alla radio tramite spot più o meno fantasiosi (e riusciti) o che leggiamo sulle riviste e sui cartelloni pubblicitari in giro per le città. Si tratta di un nuovo tipo di pubblicità, che pur cambiando le proprie modalità di trasmissione non modifica le proprie finalità: far conoscere determinate realtà, attirare clienti, vendere. Questi obiettivi rimangono la vera costante, anche con Facebook ADS.

Partendo da questi presupposti, Facebook ADS consente di creare delle inserzioni pubblicitarie che vanno ad apparire nella home di utenti selezionati in base a specifiche caratteristiche. In un certo senso, proprio come le pubblicità tradizionali vanno a porsi tra le varie parti di un programma televisivo – per fare un esempio – allo stesso modo le inserzioni di Facebook vanno a porsi tra i normali post del feed dell’utente. La differenza sostanziale, però, è il fatto che esse sono dotate di un grande pregio: essendo molto meno invasive rispetto ai soliti annunci pubblicitari, non vengono percepite come un’interruzione e non vanno a disturbare il consumatore. Non solo: si rivelano anche più funzionali, in quanto indirizzate a un target preciso che si presume interessato all’argomento, al prodotto o al servizio offerto.

Quella che si può fare con Facebook ADS, dunque, è una pubblicità che dà risultati, aumentando la visibilità, generando conversioni e migliorando l’andamento dei business.

Perché usare Facebook ADS?

Al giorno d’oggi, Facebook può vantare più di 2 miliardi di utenti attivi, ponendosi quindi come piattaforma social più usata al mondo:

L’advertising su Facebook può raggiungere più di 2 miliardi di persone. In questi due miliardi, ci saranno sicuramente molti consumatori che rispecchiano il tuo Buyer Persona e che, di conseguenza, potrebbero portare valore al tuo business. Riconoscerli non sarà un problema: Facebook possiede molte informazioni sui suoi iscritti, fornite in maniera diretta da ognuno di loro al momento della registrazione e anche in seguito, seppur indirettamente, attraverso le azioni (mi piace, condivisioni, post, ecc.) svolte all’interno della piattaforma.

Tutte queste sono informazioni di fondamentale importanza per qualsiasi azienda, poiché permettono di attuare delle strategie di web marketing mirate e che riescano ad essere davvero efficaci per l’acquisizione di nuovi lead e clienti. Il pubblico raggiungibile grazie a Facebook è eterogeneo e, proprio per questo, ogni azienda può trovarvi numerosi potenziali clienti. Ancora una volta, diamo un’occhiata ai numeri:

La percentuale di uomini e donne raggiungibili con l’advertising, all’interno di quei due miliardi, non differisce di molto e comprende varie fasce d’età. Come si nota nello stesso report, infatti, Facebook possiede utenti che vanno dagli adolescenti (dai 13 anni) agli over 65, con un picco significativo nella fascia tra i 18 e i 34 anni. Se guardiamo al solo panorama italiano, la situazione non è troppo differente: le percentuali di pubblico femminile e maschile si spostano leggermente a un 48% e 52% su un totale di 31 milioni di utenti raggiungibili. Data la proverbiale longevità della nostra popolazione, inoltre, non stupisce che le fasce d’età più presenti sui social siano, in generale, più alte rispetto alla media mondiale (tra i 25 e i 44 anni, circa secondo i dati di We Are Social Italia):

Il dato più significativo che si può trarre da questi numeri, ad ogni modo, è uno: il pubblico di Facebook è vastissimo ed è necessario sfruttare ogni strumento a disposizione per raggiungerlo. La gran parte delle maggiori aziende l’ha capito bene e ha imparato a sfruttare il potere del social per eccellenza, investendo esponenzialmente nell’advertising. A dimostrazione di questo fenomeno, basti pensare che nell'ultimo anno il web advertising – in senso ampio – ha avuto una crescita dell’8% che ancora non si ferma.

Questo perché, effettivamente, il web advertising (soprattutto sui social) funziona. Lo stesso Facebook, nella sua versione tutta dedicata alle aziende – e chiamata per questo Facebook Business – offre numerosi Case Study sulle realtà che sono riuscite a raggiungere grandi risultati grazie all’advertising sul social di Zuckerberg. Queste storie riguardano grandi compagnie come piccole e medie imprese, a conferma del fatto che Facebook Ads è davvero a portata di tutti.

Questi casi mostrano importanti crescite a livello di conversioni, di vendite e, infine, di fatturato. Grazie all’uso studiato delle inserzioni su Facebook, le aziende riescono ad aumentare la brand reputation e a raggiungere moltissimi lead che possono e devono essere trasformati in clienti effettivi per la crescita e il successo del business.

Sei interessato al mondo di Facebook e dei Social Media? Abbiamo qualche articolo che potrebbe interessarti:

È meglio Facebook ADS o Google ADS?

È l'eterna lotta: Facebook ADS vs Google ADS. Chi la spunta? In generale, entrambe queste piattaforme per la pubblicità online sono ottime e possono portare a un incremento del fatturato. Ma è necessario capirne le differenze e soprattutto i punti di forza per scegliere su quale puntare per il proprio investimento.

La scelta si basa principalmente sugli obiettivi che ci siamo posti. Se vogliamo fare branding, ossia fare in modo che l'utente impari a conoscere il nostro marchio e ad apprezzare i prodotti e i servizi che vendiamo, optiamo per Facebook Ads. Perché? Innanzitutto è una piattaforma utilizzata quotidianamente da miliardi di utenti con esigenze diversificate che possono entrare in contatto con la nostra azienda. In secondo luogo, se il nostro prodotto o servizio non è conosciuto, sarà difficile che presenti ricerche sui motori di ricerca e investire su Google Ads potrebbe rivelarsi scarsamente utile.

Se invece il nostro brand è già conosciuto e ricercato, investiamo su Google Ads e creiamo annunci sponsorizzati sulla base di parole chiave efficaci per il nostro business. In questo modo, chi ricercherà tale keyword su Google, potrà trovare il nostro prodotto o servizio.

Entrambe le piattaforme, poi, danno la possibilità di attivare campagne di remarketing o retargeting dinamico Questi annunci sponsorizzati vanno a "ripescare" l'attenzione dell'utente che è già entrato in contatto con la nostra azienda ma non è stato convertito in lead o acquisto, permettendoci di riportarlo sul nostro sito. Sicuramente, utilizzare entrambe le piattaforme permette di raggiungere un pubblico più corposo e di rendere le campagne più fruttuose dal punto di vista economico e della diffusione del brand.

Quanto costa Facebook ADS?

La domanda sorge sempre spontanea anche perché il fattore economico è uno degli elementi prioritari da valutare prima di affrontare un qualsiasi tipo di investimento. Nel caso di Facebook ADS, però, non c’è una risposta precisa. Infatti, Facebook Ads non prevede una cifra fissa per le inserzioni ma lascia ampio margine di scelta. Un lato sicuramente positivo ma anche un’arma a doppio taglio, specie quando non si conoscono approfonditamente i meccanismi interni alla piattaforma. Investimenti troppo ridotti potrebbero non fare ottenere risultati sperati, ma anche investimenti troppo onerosi su campagne non ottimizzate possono essere decisamente controproducenti.

Tutto dipende dal budget che hai intenzione di spendere per acquistare le inserzioni e che potrai regolare in base alle tue esigenze e ai tuoi obiettivi. Per la creazione di una campagna è lo stesso Facebook a chiedere l’impostazione di un budget, che può essere giornaliero o totale:

  • Budget giornalieri: impostando un budget giornaliero, Facebook ADS fa in modo di spendere indicativamente l’intero importo ogni giorno, per raggiungere l’obiettivo prefissato. Tuttavia, dal momento che alcuni giorni potrebbero essere più produttivi di altri, la piattaforma si riserva di spendere fino al 25% in più rispetto al budget indicato. Il tutto, naturalmente, ha il solo scopo di rendere la campagna il più efficiente ed efficace possibile.
  • Budget totali: con l’impostazione di un budget totale, invece, si stabilisce un massimo da spendere per la propria campagna, da spendere lungo tutta la sua durata. In questo caso, Facebook Ads divide l’importo totale giorno per giorno, calcolando una cifra utile da spendere a seconda dei risultati ottenibili in ogni giornata. La cifra indicata non può essere superata, ma l’importo speso giornalmente può essere maggiore in determinati giorni piuttosto che in altri, a fronte di condizioni particolarmente favorevoli che potrebbero portare maggiori risultati.

Per rendere tutto il processo più fluido, Facebook Ads richiede anche un budget minimo, affinché le inserzioni siano pubblicate con costanza giorno dopo giorno. Il budget va naturalmente a influire sul pubblico raggiungibile e sui risultati ottenibili grazie all’inserzione. Ecco perché determinare il budget da utilizzare per Facebook Ads richiede attenzione e analisi preliminari, in modo che gli annunci siano effettivamente utili al business e non si rivelino una perdita di tempo e denaro.

Quali elementi considerare per le campagne su Facebook ADS?

Per creare un annuncio, un gruppo di annunci o una campagna pubblicitaria su Facebook è bene avere ben chiari svariati fattori che vanno a determinarne l’efficacia. Tra questi vi sono sicuramente il target a cui ci si rivolge, gli obiettivi che ci si pone, il formato dell’inserzione e i contenuti da trasmettere in essa. Vediamoli più attentamente:

1 Target

Il target è il pubblico a cui deciderai di mostrare la tua inserzione. Affinché questa sia efficace, infatti, il tuo target dovrà essere stabilito con estrema cura, in quanto indirizzare l’inserzione giusta al target sbagliato è un errore che non farà altro che vanificare ogni sforzo e rendere inutile il tuo investimento su Facebook ADS.

La potenza di Facebook è particolarmente utile in questo frangente, perché permette di selezionare il pubblico più adeguato alle tue esigenze commerciali attraverso l’indicazione di una serie di parametri come età, genere, luogo geografico di riferimento, lingua, ma anche dati più avanzati, basati sulle preferenze o sugli interessi degli utenti.

Seguendo i tratti del tuo cliente tipo e inserendoli nei campi previsti per la creazione di una campagna Facebook ADS ti sarà piuttosto semplice far arrivare la tua inserzione agli utenti potenzialmente più interessati a te. Per un’efficacia ancora maggiore, Facebook permette anche di scegliere un pubblico personalizzato, composto di potenziali clienti che si sono già messi in contatto con te, ad esempio; in questo modo potrai raggiungere esattamente chi vuoi.

2 Obiettivi

Gli obiettivi sono il cuore di una campagna Facebook ADS, perché sono ciò attorno a cui ruota tutto il resto. Per creare inserzioni davvero utili al tuo business, quindi, dovrai innanzitutto definire qual è l’obiettivo che ti poni di raggiungere con esse: vuoi vendere un prodotto specifico? Vuoi far conoscere la tua azienda? Vuoi utilizzare il canale social per la tua strategia di Lead Generation Marketing? Qualunque sia il tuo fine, definiscilo con chiarezza e basa su questo il resto delle azioni necessarie a creare la campagna. Solo con un focus ben preciso potrai capire come costruire i tuoi annunci, in modo che questi ti portino davvero i risultati che desideri.

Facebook non lascia al caso questo passaggio e suggerisce tre macro-categorie all’interno delle quali far rientrare gli obiettivi che ti potresti porre: notorietà, considerazione e conversioni.

  • Notorietà: all’interno di questa categoria rientrano tutti quegli obiettivi volti ad aumentare l’interesse degli utenti nei confronti della tua azienda, del tuo prodotto o del tuo servizio; tra gli obiettivi principali compresi in questa categoria, Facebook individua quello relativo alla notorietà del brand e quello relativo alla copertura.
  • Considerazione: all’interno di questa macro-categoria, invece, rientrano quegli obiettivi che sono finalizzati a suscitare la curiosità dei consumatori e a indurli a cercare maggiori informazioni rispetto a ciò che hai da offrire loro; obiettivi principali sono quindi, in questo caso, relativi al traffico, alle interazioni, alle installazioni dell’app della tua azienda, alle visualizzazioni dei tuoi video, alla generazione di contatti o alla comunicazione da instaurare con i tuoi clienti.
  • Conversioni: qui sono compresi, infine, gli obiettivi che puntano a convincere i potenziali clienti all’acquisto del prodotto o servizio offerto dalla tua azienda. In accordo con questa linea generale, quindi, Facebook Ads indica tre obiettivi principali, ovvero le conversioni vere e proprie, la vendita dei prodotti compresi all’interno del tuo catalogo (valido soprattutto per gli e-commerce) e il traffico nel tuo punto vendita (indirizzato a promuovere le sedi fisiche dell’attività).

3 Formato e contenuti

Elementi da non sottovalutare, in quanto costituiscono effettivamente l’inserzione, sono il formato pubblicitario utilizzato e i contenuti interni ad esso. È importante, infatti, che questi elementi siano studiati ad hoc per ogni campagna, per ogni obiettivo e per ogni target. Le domande prioritarie che dovrai farti per la scelta del formato e dei contenuti saranno, per esempio: quale formato può rendere più accattivante la mia inserzione? Quali contenuti possono risultare più utili e coinvolgenti per il mio target? In che modo posso far sì che la mia inserzione sia massimamente efficace per il raggiungimento dei miei obiettivi?

Partendo da questi interrogativi, potrai procedere con la scelta del formato più adatto al tuo caso. Su Facebook ADS, infatti, avrai la possibilità di scegliere tra inserzioni con immagine o video, inserzioni in slideshow, inserzioni carosello o inserzioni con raccolta.

  • Inserzioni con immagine: l’immagine è un elemento imprescindibile per ogni inserzione su Facebook. Senza questa componente, gli annunci perderebbero molto in termini di impatto e attirerebbero difficilmente l’attenzione degli utenti. Le inserzioni con immagine, abbastanza basilari, si compongono quindi solo di testo e immagine, motivo per cui il contenuto testuale deve essere capace di attrarre e persuadere le persone a cliccare sull’annuncio.
  • Inserzioni con video: inserendo un video all’interno della tua inserzione potrai riuscire a coinvolgere meglio il pubblico, grazie alla maggior dinamicità di questo formato e alla possibilità di poter dare maggiori informazioni, sintetiche e immediate. Anche in questo caso il contenuto testuale ha una grande importanza, ma può trovare nel testo un supporto ulteriore per l’efficacia totale dell’annuncio.
  • Inserzioni in slideshow: adatto a qualsiasi tipo di obiettivo, lo slideshow può essere utilizzato sia con il formato a immagini che con quello video. L’inserzione va quindi a comporsi di più immagini o video, a cui si aggiunge il contenuto testuale. Le inserzioni in slideshow hanno il vantaggio di rappresentare un’alternativa dinamica e interattiva anche se composta di sole immagini, il che può stimolare più facilmente la curiosità dell’utente e indurlo a cliccare sull’annuncio.
  • Inserzioni carosello: questo formato si rivela particolarmente utile nel caso in cui si abbia la necessità di inserire più link all’interno di un’unica inserzione, per rimandare a diverse pagine del tuo sito web o a diversi prodotti, ad esempio. Le inserzioni carosello sono disponibili per alcuni obiettivi (notorietà del brand, conversioni, copertura, traffico e traffico del punto vendita) e si rivela adatta per numerose aziende ed esigenze.
  • Inserzioni con raccolta: il formato pubblicitario a raccolta permette, come si intuisce dal nome, di creare un gruppo di immagini, video o persino slideshow che vanno a mostrare diversi prodotti interni all’offerta che proponi al pubblico. Si tratta di un formato particolarmente ricco, adatto soprattutto agli inserzionisti che necessitano di mostrare più contenuti insieme, per coinvolgere il proprio target e per dare una panoramica più o meno completa dell’azienda e dei prodotti o servizi offerti.

Oltre a questi formati, puoi fare pubblicità su Facebook ADS creando un’esperienza interattiva possibile con immagini, video o altro. Si rivela una modalità molto interessante e accattivante per il pubblico ma bisogna considerare che è disponibile solo tramite dispositivi mobili.

Per ciò che riguarda i contenuti testuali sempre presenti in ogni inserzione, è importante che facciano da supporto alla componente visiva e grafica dell’inserzione: il linguaggio utilizzato deve essere vicino al target, chiaro e interessante. Un buon contenuto e il formato giusto potranno essere l’accoppiata vincente per le tue inserzioni!

Quali sono gli errori più comuni nella campagne Facebook ADS?

1 L’impazienza

La pazienza è la chiave di tutto, in ogni contesto, anche quando si tratta di fare pubblicità su Facebook alla propria azienda. Per questo, è necessario non sconfortarsi subito: i risultati impiegheranno un po’ di tempo ad arrivare.

Evita di continuare a modificare i tuoi annunci: soprattutto se sei alle prime armi, è fondamentale per te monitorare le campagne e testare i risultati. Inoltre, ricorda che gli algoritmi di Facebook impiegano in media 24 ore per adeguare il livello di prestazioni per l’annuncio. Continuare ad apportare modifiche di qualsiasi tipo rallenta ulteriormente questo processo!

Sarà grazie a questo primo step di valutazione e pazienza – anche se forse lo considererai poco profittevole a livello economico – che riuscirai a inserirti pienamente in questo mondo e a comprenderne le dinamiche. Ricorda quindi cosa ti spinge a voler essere in primo piano su Facebook: incrementare la visibilità del tuo marchio aziendale e il numero di potenziali clienti con cui avviare una trattativa commerciale. Tieni duro e sfrutta questa prima fase di avvio delle campagne su Facebook per conoscere meglio come funziona questa piattaforma e ottimizzare la tua strategia.

2 Non riflettere accuratamente sul budget

È per evitare di sbagliare investimento che è importante eseguire un’analisi preliminare. La decisione di investire in annunci sponsorizzati non dev’essere presa con superficialità, ma ben ponderata!

Ma come riuscire a capire quale potrebbe essere il budget adatto alla tua azienda? L’analisi preliminare avviene principalmente attraverso la realizzazione di un piano di marketing efficace. Attraverso questo strumento, sarà possibile pianificare in modo dettagliato – e sulla base di dati concreti – quanto investire su ogni singola azione di marketing intrapresa dall’azienda. Allo stesso modo, per stabilire il budget, è bene anche fare 2 rapidi conti: prova a pensare a quanto guadagni (attenzione, non ricavi! Devi togliere dalle tue entrate tutti i costi!) su ogni singola vendita e, dopo aver riflettuto, pensa a quanto sei disposto a investire di quel guadagno. Nella pratica: se vendi un prodotto che a 50 euro e il tuo costo è pari a 15 euro, avrai 35 euro a disposizione. Vuoi investirli tutti in Facebook Advertising? Vuoi investirne solo la metà? Vuoi investirne un terzo? Il tutto dev’essere coordinato con il tuo passato e il tuo futuro. Cosa significa questo? La scelta del budget si basa principalmente sugli obiettivi che vuoi raggiungere in futuro: quanti nuovi potenziali clienti vuoi ottenere? Vuoi semplicemente imprimere il tuo brand? Vuoi fare scorta di contatti e-mail a cui mandare le tue e-mail e da stuzzicare con contenuti interessanti? Inoltre, anche la tua attuale (e passata) presenza sul Social Network è un elemento da considerare: sei già attivo? Hai già un buon numero di “supporters” e devi solo “stuzzicarli”? O, invece, stai cominciando da zero e devi creare dapprima una campagna di acquisizione dei like?

3 Non segmentare il tuo pubblico

Uno degli errori più comuni in ambito di Facebook Advertising è quello di voler richiamare l’attenzione di tutti, indistintamente. Il pensiero di chi si approccia a questo mezzo per portare nuova linfa alla sua azienda, infatti, è il più ovvio di tutti: più utenti riesco a raggiungere, maggiori sono le possibilità che un numero elevato di questi acquisti qualcosa o entri nel mio sito. Sì, verissimo. Ma proviamo a vedere la questione da un’altra prospettiva, facendo un esempio: sei un appassionato di tennis; il tuo idolo è Roger Federer, di cui non ti perdi un solo match. Di tutti gli altri sport non ti interessa praticamente nulla. Perché dovresti essere contento di continuare a visualizzare sulla tua home di Facebook annunci relativi a uno sconto sui pantaloncini del Milan? Prova a pensare: davvero può essere efficace mettere in mostra la tua azienda a tutti quanti, in modo indistinto?

La tua campagna su Facebook Ads sarà destinata al fallimento se non stabilirai precisamente a chi vuoi rivolgere ogni tuo singolo annuncio. Proprio come fai con la content marketing strategy per il tuo sito, devi capire chi è che ha bisogno di te, dei tuoi prodotti e dei tuoi servizi, qual è il suo mal di pancia e in che modo il tuo annuncio potrà farglielo passare! In pratica, tutto sta nel mettersi nei panni di chi pensi possa divenire tuo cliente, ossia il tuo “buyer persona”, l’acquirente ideale per la tua attività. Sulla base di queste informazioni, potrai fare una prima scrematura generale degli utenti, in base alla loro età, ai loro interessi, al loro sesso e al Paese di provenienza e potrai dare il via ad annunci altamente qualificati e personalizzati.

Ricorda di non utilizzare mai target troppo ampi: devi riuscire a colpire proprio quell’utente che sta – inconsciamente – cercando te e nulla di più. Allo stesso modo, non segmentare il pubblico che hai a disposizione in modo troppo stretto, rischiando di diminuire drasticamente il numero di utenti che sarebbe contento di entrare in contatto con la tua attività. Insomma, cerca di optare per una “via di mezzo”, crea delle campagne di “test” per vedere come rispondono gli utenti e trai poi le tue conclusioni.

4 Testare più variabili con un unico annuncio

Finora abbiamo ripetuto fino allo sfinimento quanto sia importante testare le campagne su Facebook Advertising. Ciononostante, magari ti risulterà difficile capire perché i tuoi annunci non ottengono i risultati sperati: è per colpa del testo, poco attrattivo? O magari hai sbagliato a segmentare il tuo pubblico, puntando su un target di utenti che non corrisponde appieno al tuo “buyer persona”? Tutte queste domande derivano dal fatto che per fare dei test è necessario creare più annunci, uno per ogni variabile. In pratica, con un annuncio riuscirai a captare l'efficacia dei testi e del tuo modo di comunicare; con un altro annuncio, potrai sapere se ti stai rivolgendo al pubblico giusto.

Insomma, se decidi di buttarti appieno nel progetto degli annunci sponsorizzati su Facebook Ads, è fondamentale che tu non commetta l’errore di testare più variabili nella stessa campagna. Per quanto possibile, prova ad isolare una variabile da testare, in modo da poter capire quali sono gli aspetti da ottimizzare per ottenere risultati.

5 Puntare tutto sulla vendita

Puntare tutto sulla vendita negli annunci di Facebook Advertising può talvolta essere controproducente. Qualche tempo fa ho letto una frase in stile marketing che citava: “Considera di cambiare il tuo mantra da ‘vendere sempre’ ad ‘essere sempre d’aiuto’”. Insomma, l'utente va spinto in modo dolce e delicato verso la grande meta (l’acquisto!).

Facciamo un esempio. Stai cercando un regalo da fare ad una coppia di amici che si sposa e su Facebook ti appare un annuncio riguardo un’azienda che vende piatti, tazze e bicchieri decorati a mano. Ecco, sei più invogliato ad acquistare un set di piatti con un annuncio del tipo: “Compra da noi il tuo set di piatti! Farai invidiare tutti i tuoi ospiti a cena!” o “Quale decorazione per il tuo set di piatti? In base ai tuoi gusti, realizziamo il disegno che più ti piace!”? In entrambi i casi, l’intento finale è arrivare ad acquisire te come nuovo cliente. La leggera differenza è che nel primo caso questo è palese, nel secondo caso l’azienda che vuole mettersi in contatto con te cerca di offrirti un servizio (potrai scegliere tu stesso la decorazione del set di piatti) prima di condurti all’acquisto. Questo modo di realizzare annunci ha decisamente più impatto rispetto a quello precedente, in quanto l’utente non si sente semplicemente un’esca, bensì qualcuno da viziare e coccolare.

Quale errore evitare, quindi? Quello di andare dritto al sodo! Coinvolgi, informa, raccogli contatti e-mail e poi stuzzica. Insomma, mostra la tua attività per tutto ciò che può offrire. In questo modo, riuscirai a esprimere credibilità e professionalità, facendo capire all'utente che la tua azienda è lì per lui. E non viceversa.

6 Inserire troppo testo

Quante volte ci siamo imbattuti (o abbiamo noi stesso creato!) in annunci sponsorizzati su Facebook davvero troppo lunghi? A volte ci dimentichiamo che stiamo parlando di avvisi che appaiono all’utente mentre si sta facendo gli affari propri e che, quindi, non devono contenere migliaia di informazioni e non devono infastidire. Essenzialità e concisione: ecco le parole chiave per ottenere buoni risultati su Facebook Advertising!

Ora la domanda arriverà spontanea: come faccio a far capire chi sono, qual è la mia attività, cosa voglio dall’utente, se mi stai consigliando di diminuire il più possibile le righe di testo? Per fare ciò, non è necessario utilizzare solamente le parole! Molto spesso, infatti, l’impatto visivo ha molta più rilevanza sull’utente rispetto a quello testuale: grazie all’utilizzo di immagini di qualità, possibilmente realizzate appositamente e non scaricate da Google Immagini, sarà possibile catturare la sua attenzione senza infastidirlo! Ma c'è di più: il video rappresenta la novità dell’anno. Quindi perché non creare un annuncio basato su un video ben fatto, chiaro e che alimenti la curiosità? Si tratta del modo più semplice e diffuso per mantenere costante, dall’inizio alla fine, l’attenzione dell’utente!

A proposito di immagini, quando le carichi fai in modo che non sia presente troppo testo: Facebook valuta negativamente la presenza di parole nella foto e, di conseguenza, ti penalizza mostrando ad un numero minore di utenti il tuo annuncio.

7 Annunci sponsorizzati noiosi

Quanto è triste vedere annunci monotoni, ripetitivi e, più in generale, noiosi? Ricorda che stai spendendo denaro per portare un potenziale cliente nella tua azienda e che devi mettere in moto tutta la tua creatività per riuscire a conquistarlo!

Se sei una persona fantasiosa, il fatto di poter sfruttare le tue doti per portare nuovi clienti all’attività sarà un vantaggio aggiunto non da poco. E se non sei fantasioso affatto? Di seguito trovi alcuni strumenti che possono divenire utili alla causa. Apri Google Trends e perditi nella moltitudine di argomenti di cui si sta discutendo negli ultimi giorni su tutti i Social e sui siti di informazione e impronta la tua campagna proprio attorno a questi topic. Ovviamente, dovrai fare in modo di accostare perfettamente l’argomento prescelto con l’attività della tua azienda, ma questo processo normalmente viene da sé. Se Google Trends non ti convince o ti offre topic troppo generici, esiste anche la stessa funzione ma rivolta a Twitter: grazie al sito www.breaking-news.it puoi scoprire quali sono i trend della giornata su Twitter e, quindi, le discussioni più accese.

Quando scegli l’argomento su cui puntare, non dimenticare di tenere conto degli interessi dell’utente a cui rivolgi la campagna: se, per esempio, gestisci un piccolo negozio di souvenir a Cortina d’Ampezzo, sarà difficile che tu attiri qualcuno se realizzi annunci sponsorizzati riguardo le vacanze al mare degli italiani, anche se riesci perfettamente a inserirti all’interno dell’argomento! Chi ha messo “mi piace” alla tua pagina, infatti, l’ha fatto quasi certamente perché ama la montagna e la neve.

In tutto questo processo creativo, non dimenticare di utilizzare le “emoji” di Facebook: che si tratti di una faccina sorridente, di un’automobile rossa o di un cappello da donna, gli smile rendono il testo meno monotono e più colorato.

8 Un titolo troppo approssimativo

Abbiamo appena detto che l’argomento principale di un annuncio può renderlo più attraente agli occhi dell’utente. Verissimo e bellissimo. Ma cosa succede se il titolo del banner non viene curato abbastanza? La risposta è scontata: la sponsorizzazione sarà stata inutile.

Tieni presente che, secondo uno studio condotto da scienziati informatici presso la Columbia University e l'Istituto nazionale francese, il 59% delle persone non legge mai più del titolo di un post di Facebook, prima di decidere se gli piace o se lo deve ignorare. Non si tratta di un numero così sorprendente, se ci pensi: ogni giorno siamo “bombardati” da migliaia e migliaia di annunci sulla home di Facebook. C’è chi ci cerca perché anni prima abbiamo abbandonato un carrello; chi vuole venderci sanitari nuovi; chi non sopporta l’idea che siamo entrati nel suo sito solo per 30 secondi per poi sparire nel nulla e chi, invece, vuole farci vincere “con un clic” lo smartphone più evoluto. Perché, allora, qualcuno dovrebbe soffermarsi per più di 10 secondi su un annuncio sponsorizzato? Ebbene, perché il titolo incuriosisce e invoglia a cliccarci sopra e a scoprire qualcosa di più su quell’attività!

Per questo motivo, quando decidi di puntare su Facebook Ads, devi aver ben chiaro cosa offri in più della concorrenza e raccontarlo in pochissime parole, già a partire dal titolo! Qual è il tuo punto di forza? Quella parola chiave che può fare la differenza nel tuo annuncio e che può divenire come un enorme cartello luminoso che indica “entra qui!” all’utente? Insomma, utilizza i titoli delle tue campagne su Facebook Ads per raccontare i benefici che puoi portare al cliente, tenendo sempre presente l’importanza della concisione! Se, poi, utilizzerai nei tuoi titoli numeri e statistiche, il gioco sarà fatto: è stato, infatti, studiato che attraverso i numeri potresti avere un aumento del 36% di probabilità di avere più clic ai tuoi annunci!

9 Landing page di bassa qualità

Immagina di trovarti di fronte a un annuncio che ti promette una super offerta su un viaggio ai Caraibi e che, una volta entrato, ti trovi di fronte alla homepage di un sito di un’agenzia turistica in cui tutto appare tranne l’offerta che ti ha incuriosito. Sarebbe davvero confusionario, oltre che fastidioso, tanto che, probabilmente, neanche ti metteresti a cercare l’offerta, ma usciresti più arrabbiato che mai e penseresti che, forse, non è destino che tu vada in ferie.

È per tutti questi motivi che quando si crea una campagna su Facebook Advertising è fondamentale pensare all’arrivo su una landing page efficace, ossia alla pagina in cui approderanno i tuoi clienti quando cliccheranno sull’annuncio. Dev’essere una pagina bella, attraente, che mantenga alta l’attenzione, sì. Ma non solo. La necessità maggiore è che sia perfettamente pertinente con l’offerta o, più in generale, il contenuto dell’annuncio. Ricorda, infatti, che chi ha deciso di darti fiducia lo ha fatto perché sei riuscito a incuriosirlo con una tematica ben precisa.

Ma come evitare di cadere in questo errore senza dover creare migliaia e migliaia di landing page specifiche? La risposta è più semplice di quello che pensi: realizza gli annunci in base a ciò che è già presente nel tuo sito (prodotti specifici, servizi che offri, articoli del blog per aiutare l’utente e così via), ossia: basa i tuoi annunci sul sito e non il sito sugli annunci! In questo modo l’intero processo di creazione dei banner sponsorizzati sarà più breve (riprenderai, infatti, contenuti già realizzati) e, allo stesso tempo, sarai sicuro di far approdare il tuo utente nella pagina con cui l’hai canalizzato.

10 Non controllare le statistiche

Sai per certo che la tua campagna su Facebook Advertising non sta producendo risultati concreti perché il telefono non squilla e la casella di posta elettronica è vuota. Ma, nel concreto, cos’è che non funziona? Se in questo momento hai la bocca rivolta verso il basso, stai alzando le spalle e aprendo le braccia come a dire “non ne ho idea!”, significa che stai commettendo l’errore di non controllare le statistiche. I dati di ogni campagna sono fondamentali per conoscere l’entità del problema e per capire quale, tra due o più campagne, crea maggiore interazione con l’utente e, di conseguenza, può divenire il prototipo perfetto da seguire. Talvolta questo errore viene commesso per pigrizia o per ignoranza, nel senso che non si conosce lo strumento con cui tenere monitorate le campagne: Facebook mette già a tua disposizione tutte le informazioni di cui necessiti. Il problema è che devi dirgli qual è, effettivamente, il dato di cui ti interessa maggiormente.

All’interno del pannello di gestione delle inserzioni, ti viene mostrata una serie di dati. Sei tu, però, che devi personalizzare le colonne per poter vedere ulteriori informazioni sulle tue campagne. Quali dati dovresti aggiungere? Secondo la mia modesta opinione, i punti su cui devi basare i tuoi annunci sono:

  • CTR (Click Through Rate). In italiano e in modo semplice: qual è la percentuale tra tutti coloro che visualizzano il tuo annuncio e coloro che ci cliccano sopra? Ovviamente, più questo dato è grande, maggiore sarà l’efficacia delle tue campagne;
  • Costo per clic. Quanto stai pagando per ogni clic sul tuo annuncio?
  • Valore totale delle conversioni degli acquisti nel sito web. Quanti hanno visto il tuo annuncio, l’hanno cliccato e poi hanno acquistato nel tuo sito e-commerce?
  • Frequenza. Quante volte l’utente a cui ti rivolgi ha visualizzato il tuo annuncio?
  • Budget. Quanti soldi hai dedicato quotidianamente o nell’arco di un determinato periodo di tempo alle tue campagne su Facebook?
  • Costo per risultato. Quanto ti costa ottenere un obiettivo predisposto?

Queste sono le informazioni di cui necessiti maggiormente per poter capire se sei sulla strada giusta o sbagliata. Da questi dati puoi trarre le conclusioni e, quindi, sapere se stai investendo abbastanza denaro o se il tuo budget non è sufficiente a produrre frutti; sapere se il testo e la grafica dell’annuncio sono attraenti o se non conducono l’utente al clic; sapere di quanto denaro hai bisogno per raggiungere un obiettivo e, di conseguenza, se il “gioco vale la candela” o se è preferibile migliorare l’annuncio o optare per altri mezzi di digital marketing con cui raggiungere l’utente.

In conclusione...

BuildingFutureTogether

It's time to connect.

Facciamo crescere il tuo progetto insieme

Compila il form per essere contattato dal nostro team. Insieme cercheremo di capire se siamo l'agenzia giusta per aiutare la tua azienda.

    Confermo di aver preso visione della privacy policy
    Confermo di aver preso visione della privacy policy
    We collaborate with ambitious brands and people. Let's build.
    We collaborate with ambitious brands and people. Let's build.
    Cliccando su "Iscriviti" accetti di ricevere la nostra newsletter:qui puoi leggere come trattiamo i tuoi dati.Puoi cambiare idea quando vuoi: il link per disiscriverti sarà all'interno di ogni newsletter.
    ©2024IT04197660238
    Via Carlo Cipolla snc, 37045, Legnago (VR) +39 0442 321 391
    Via San Raffaele 1, 20121, Milano (MI) +39 02 800 12162
    Preferenze sui cookies
    IT04197660238©2024
    https://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/sky_partner_badge_82401cf1e3.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Partner_RGB_2_f46_3b32e81856.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/GA_certified2_fd8e9c8c11.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/fit_1280x720_12_1ece3e3214.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/Hubspot_partner_7c0294931f.webphttps://www.netstrategy.it/uploads/FMP_Badges_Dark_RGB_medium2_d776f4e391.webp
    Caricamento immagine contatti

    Confermo di aver preso visione della privacy policy
    Confermo di aver preso visione della privacy policy